Ansia

Dalla crisi alla rinascita: alcuni suggerimenti….

Dott.ssa Noemi Dominici contattami

Condividi su:

Siamo in crisi! Sul piano mondiale, economico, emotivo e relazionale!
Tutti i giorni siamo bombardati a livello mediatico da notizie riguardanti grandi difficoltà che regnano nel nostro momento storico. Pian piano dentro l'individuo si instilla una sensazione allarmante. Inizialmente si pensa che a noi non toccherà, sembra che le notizie scivolino addosso, ma di volta in volta qualcosa dentro la persona inizia a lavorare e ad intaccare la propria sicurezza. Nell’ultimo periodo si evidenziano sempre più problemi relativi alla gestione dell’ansia. Il nostro essere è pervaso da pre-occupazioni.

Prima che accada il grande cataclisma si è già completamente invasi da una sensazione estremamente negativa e angosciante nella quale la frase ricorrente è: “Sono impotente, l’unica cosa che posso fare è andare via da questo paese!”.

Il tempo passa e il momento attuale continua a confermare questi dubbi, si parla di uscita dalla crisi nel 2014, ma nulla di concreto sta cambiando, il sentore è di stagnare in un ambiente malsano dove non si riesce a vedere una via d’uscita. Le strategie adottate fino ad ora iniziano a non bastare più, bisogna inventare qualcosa, ma cosa?
Sempre di più si sposta il proprio baricentro all’esterno, è fuori di sé che esiste la risposta al proprio malessere? Questa crisi mondiale rispecchia momenti di crisi personale?
Quattro passi verso il benessere per affrontare questo momento:


Primo passo
I veri fautori del nostro declino o destino siamo noi, questa è la prima regola da utilizzare per uscire dalla crisi. Conoscerci per meglio dirigerci! Quanto comprendiamo la nostra mente e il nostro mondo emotivo? Siamo solo uno o ci componiamo di più aspetti? Quali aspetti di noi sono rigidi, fissi e quali utilizziamo come possibilità?
Pensiamo ad un cerchio. Noi siamo nel centro, nell’interno e da qui che si può diventare consapevoli di ciò che accade dentro, intorno e fuori da noi ed agire per modificare e modificarci. Proviamo a ristabilire il nostro baricentro e a ritrovare la nostra bussola!
Rappresentare graficamente il cerchio, posizionarsi al centro scrivendo il proprio nome.

Secondo passo
Iniziamo ad ascoltarci, ascoltare cosa succede dentro di noi. Ansia, paura e angoscia da dove provengono? Cosa mi circonda? Come affrontiamo i cambiamenti? Intorno al mio centro scrivo o rappresento a quali aspetti, in questo momento, viene data più voce?
Intorno al cerchio scrivere cosa si sente, i pensieri, le immagini che determinano il proprio stato mentale. Proviamo a pensare se sono flessibile o rigido.

Terzo passo
Ora porre l’attenzione su quali punti e aspetti sono diretti l'attenzione e il vostro pensiero in questo momento?
Forse su qualcuno di questi?

Non ho vie d’uscita?
Cosa farò?
Quando finirà quest’incubo?
Cosa posso fare?
Provo rabbia?
Mi batte forte il cuore, oddio mi sembra di morire!
Ho la testa piena, non c’è più spazio ……

Tutto questo determina il proprio stato emotivo e mentale, scrivetelo intorno al vostro cerchio.

Quarto passo
Provate a dirigere il vostro pensiero sulle vostre capacità e competenze:

Cosa mi piace di me?
Cosa so fare?
Cosa desidero fare?
Riesco ad immaginare e immaginarmi tra qualche anno? e come?

Vi sentite in modo diverso? Il vostro stato mentale è cambiato?

Aggiungete sul vostro cerchio vicino a quello che avete trovato in precedenza i vostri aggiornamenti e utilizzatelo nella vostra quotidianità per riprendere contatto con le vostre capacità.
Partendo dal centro il percorso si è rivolto inizialmente ai pensieri più ingombranti e pesanti per poi dirigersi verso le molteplicità di aspetti che compongono e determinano il nostro pensiero.
Ora posso essere l’autore del mio destino!

Molte volte gli stati d’ansia e gli attacchi di panico insorgono per via della lontananza che esiste dentro di noi, dal nostro baricentro. Il riappropriarsi di ciò che sentiamo e che ci compete è fondamentale per ritrovare una sfumatura diversa nel panorama della vita che si va costruendo di giorno in giorno. Dedicare dei momenti di riflessione alla nostra persona è fondamentale per ritrovare la speranza, il desiderio, la progettazione di un futuro che viene a mancare quando si è completamente immersi e fissati solo in alcuni punti del proprio cerchio. Non lasciarsi fagocitare da un unico punto di vista può aprire verso una visione più ampia del proprio esser-ci.

In alcuni momenti prendete in considerazione un percorso di sostegno psicologico per riprendere i fili della vostra storia, che a volte, in alcuni momenti della vita risultano ingarbugliati e confusi, in modo da poterli chiarificare e riordinare da soli, per poter proseguire nel proprio percorso di vita con più serenità e fluidità.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Domande e risposte

Problemi di socializzazione

Buongiorno, mio figlio ha tre anni e mezzo, 4 ad ottobre. Abbiamo iniziato la scuola d'infanzia a ...

3 risposte
Muro tra me e i miei genitori

Buon pomeriggio. È da pochi anni che mi sento moralmente bloccata, se così posso defin ...

2 risposte
Perché rifiuto i rapporti sociali?

Ciao, io ho 25 anni e ho un po' di difficoltà nell'avere relazioni sociali. Sono a disagio ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.