Ansia

Ansia

Maria

Condividi su:

Salve a tutti.. sono in una relazione (che fra l’altro non è la prima nè la più lunga) da circa 8 mesi... all’inizio il mio ragazzo era molto possessivo difatti ogni giorno stavamo insieme, entrambi senza dare spazio agli amici.

Lui infatti non si fidava e ogni volta che non ero con lui era irrequieto e andava in ansia. Adesso la situazione si è risolta, infatti lui si è tranquillizzato e inizia a fidarsi. Io però che sono sempre stata tranquilla ed ho sempre cercato di fargli capire quanto sia importante avere i propri spazi in una relazione, adesso mi ritrovo nella sua situazione agli inizi.

Ovvero ogni volta che non siamo insieme vengo pervasa da un’ansia assurda. Quando lui la sera esce con gli amici al posto di stare con me mi sento profondamente sola e mi viene da pensare che non ci sia nessuno in grado di capirmi, di conseguenza faccio pensieri negativi sulla relazione e penso che l’unico modo per sentirmi libera sia concludere la nostra relazione.. ma non é ciò che voglio, perché con lui sto davvero bene. Vi prego aiutatemi a capire cosa sta succedendo nella mia testa.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Maria,


è comprensibile che tu ti trovi a vivere male le uscite del tuo ragazzo, dal momento che la vostra relazione si è trasformata in una sorta di dipendenza tua nei suoi confronti. Infatti inizialmente la preoccupazione e la gelosia del tuo ragazzo ti hanno portato ad abbandonare i tuoi spazi e le uscite con le tue amicizie, e ora, che tu hai praticamente solo lui, la gelosia del tuo ragazzo si è traslata su di te. Un buon modo per uscire dalla dipendenza è quello di riprenderti i tuoi spazi, così come lui ha mantenuto i suoi. Se anche tu ricostruirai una vita tua oltre a lui sicuramente inizierai a vivere meglio la situazione, oltre che prendere le distanze emotive da un legame che così come è oggi non è sano. Questo non significa lasciarsi ma semplicemente portare avanti i tuoi bisogni, che è essenziale per garantirti il benessere psicologico. Poi se il tuo fidanzato reagirà male a queste tue iniziative potrai valutare se sia il caso di lasciarlo, se invece accetterà potrete ritrovare un equilibrio basato su un amore più sano per entrambi. Io ricevo a Cesenatico, se fossi interessata ad un confronto posso lasciarti il mio recapito. Spero intanto di esserti stata d'aiuto. In bocca al lupo!

Gentile Maria, vorrei farle delle osservazioni e delle domande che spero possano aiutarla riflettere.



Mi colpisce la contraddizione che pone: con lui sto davvero bene, ma per poter essere libera devo chiudere la relazione. Cosa significa essere davvero libera per lei? Essere finalmente serena e libera da ansia o forse c'è qualcosa nella relazione che non riesce più a sopportare? E all'opposto, che cosa nell'atteggiamento del suo partner nei suoi confronti la fa stare bene?



Mi ha colpito anche il cambio di situazione, cioè prima lui che non si fidava ed ora è lei che è ansiosa. Mi chiedo, è ora lei che non si fida di lui? Oppure questa mancanza fisica ( e di controllo?) fa scatenare in lei un aspetto che non si aspettava di possedere?

Riguardo al senso di solitudine che prova quando non è con lui, le capita anche in altre occasioni di sentirsi in questo modo? Intendo anche al di fuori di relazioni sentimentali. E se lei Maria resta sola, che cosa può succedere? Cambia qualcosa rispetto alle circostanze ambientali, relazionali o rispetto alla considerazione che ha di se stessa e/o del suo fidanzato? Che ragazza è Maria quando non c'è il suo compagno?
In questo frangente esprime ciò che pensa e prova per se stessa, ma quando lui è fuori senza di lei, che cosa pensa di lui? Che cosa prova nei confronti suoi quando esce?


Le suggerisco di ricercare, nelle relazioni passate, se ci sono stati degli elementi di similitudine circa questo senso di solitudine e sulle modalità di relazione attuale, ovvero da un lato un partner che vuole a tutti i costi la presenza dell'altro, il quale invece vuole mantenere una distanza di sicurezza, modalità che avete sperimentato entrambi.



Resto a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sono una persona molto ansiosa, faccio sogni ricorrenti, che mi turbano molto.

Salve, mi chiamo Simona e ho quasi 25 anni. Da sempre ho la sensazione di non essere mai sola, come ...

2 risposte
Come capire cosa ho?

Ciao sono Cristian scrivo questo post perchè ho dei dubbi riguardo a delle cose che mi succed ...

1 risposta
Da più di un anno soffro di ansia e attacchi di panico

Salve, da circa un anno o poco più, ho iniziato a soffrire di ansia che si manifestava con ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.