Ansia

La paura dell'abbandono.. come superarla?

Luana

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 29 anni. Fino al 2012 per 10 anni sono stata fidanzata con un ragazzo che ho deciso di lasciare perchè non amavo più; un ragazzo di cui fidarsi al 100%. Dopo questa storia ho iniziato a frequentare altre persone. Il primo dopo qualche mese, per circa due mesi, che poi ha deciso di troncare. Il secondo dopo 6 mesi ha deciso di troncare. Il terzo dopo una settimana. Durante queste frequentazioni ero molto agitata. Ho sempre avuto paura che potessero lasciarmi da un momento all'altro e così è stato. Attacchi di ansia seguiti da nervosismo, battiti accelerati e in alcuni casi anche pianto. Ora sto frequentando un ragazzo da circa 3 mesi..con lui è tutto ok...solo che quando non lo sento, mi prende l'ansia...e penso e ho paura che non si faccia più sentire o che non voglia più stare con me. Aspetto sempre con ansia che mi dica “stasera ci vediamo“ e sto in ansia fino a quando non lo vedo davvero e mi calmo. Ogni giorno è sempre così...vivendo con la “paura dell'abbandono“...grazie per la consulenza.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Luana, il suo racconto sembra mostrare, nella sua persona, delle dinamiche di dipendenza affettiva  molto spiccate che non le consentono di vivere in maniera serena  i suoi rapporti sentimentali.

Il suo affetto sembra  configurarsi più come bisogno assoluto dell’altro che desiderio dell’altro.

Anche il passaggio continuo da un rapporto all’altro conduce a pensare che forse avrebbe bisogno di imparare ad amare prima un po’ di più  sè stessa per riuscire a prendersi tempo per  elaborare meglio la fine di un amore, imparare ad apprezzare la vita anche in assenza di una storia sentimentale e, infine,  diventare più sicura e consapevole nel rapporto di coppia e quindi anche meno incline a sentimenti dovuti al terrore dell’abbandono.

Forse un aiuto in tal senso potrebbe esserle utile per far luce sugli eventi che hanno condotto alle sua dinamiche comportamentali ed al terrore dell'abbandono al fine di rafforzare la sua autostima e condurla a fare le scelte più opportune per la sua felicità.

Cordiali Saluti

Cordiale Utente, lei ci racconta di queste relazioni insoddisfacenti, della sua ansia che per lei è ingabbiante e della paura di separarsi da queste persone; ha mai pensato di consultare uno Psicologo per parlare dei lutti e delle separazioni improvvise nel suo passato? ha mai pensato che nella sua vecchia storia ci potrebbe essere la chiave di questa ansia e queste relazioni che reputa alquanto insoddisfacenti? Cordiali saluti

La paura dell'abbandono e' normale se pero' non danneggia la coppia ed i loro singoli membri. In merito alla sua domanda mi sembra di capire che lei ha lasciato il suo compagno dopo 10 anni, una decisione importante che molto probabilmente ha lasciato un vuoto. Le consiglio di approfondire in terapia i suoi bisogni e le sue modalita' di relazionarsi. Conoscersi la puo' aiutare nella scelta di un compagno con il quale puo' sentirsi sicura di stare. Spero di esserle stata di aiuto. Cordiali saluti.


Cara Luana,


Le persone che ci stanno accanto scelgono di starci accanto perché lo vogliono. Avere paura di perderle è normale, soprattutto quando si vivono esperienze come la sua, dove forse è rimasto un senso di colpa irrisolto per aver lasciato quel ragazzo così in gamba e del quale ci si poteva fidare sempre. Ora magari anche solo inconsciamente lei è convinta di "meritare" questo stesso trattamento e lo proietta in tutte le persone che incontra. Io credo che lei debba iniziare a credere di più in se stessa e in quello che può dare, che è tanto. Solo pensando di valere e di essere in grado di donarci all'altro senza aspettarci nulla in cambio si può stare bene in una relazione.

In bocca al lupo!

Gentile utente, 

ho letto attentamente la sua domanda e la cosa che mi colpisce di più è che dopo la storia con il suo ex ragazzo, durata 10 anni, ha iniziato a frequentare di continuo altre persone. Da quanto leggo, immagino possa esserci una problematica di dipendenza affettiva da cui deriva la sua paura dell'abbandono e pertanto la sua ansia quando non sente la persona che sta frequentando attualmente; paura che si risolve nel momento in cui lo vede di persona.

Tali problematiche di dipendenza affettiva andrebbero affrontate e risolte attraverso un percorso di psicoterapia, che le permetterebbe di esplorare il suo legame di attaccamento con le figure significative della sua infanzia e probabilmente questo l'aiuterebbe a fare chiarezza sulla sua paura dell'abbandono.

Spero di esserle stata utile, auguri!

Ciao

cara ragazza  da come si legge, parli di ansia, abbandono, sei consapevole che sono due temi su cui devi lavorare, credo che un terapeuta possa aiutarti in queste due direzioni.. tu parli di aver preso delle scelte che però ti hanno segnato, come ogni scelta che si fanno, ma da quanto sento soffri di ansia, la paura di abbandono su quali basi si fonda, chi ti ha abbandonata, mamma o papà ...

Buona serata

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo d'ansia e problemi di coppia

Buongiorno, il mio al momento ex compagno soffre di disturbo d'ansia generalizzata, che gli causa ...

3 risposte
Attacchi di ansia

Buonasera, da un pò di tempo mi capita di non riuscire a respirare, mi manca l'aria, seguito ...

6 risposte
ENURESI

Buongiorno, mia figlia di 13 anni spesso si fa la pipi addosso. Sembra che non riesca a trattenerla ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.