Quale professionista mi suggerite?

Nicoletta

Buonasera, ho 26 anni e da 5 mesi a questa parte che l'ansia ha preso il sopravvento sulla mia vita, ogni giorno è una lotta continua, sono esausta, cerco sempre di affrontarla, di uscire, di fare sport (anche se vorrei starmene chiusa dentro casa per il malessere che provo)... Ma niente, vivo sempre in questo stato di angoscia e a volte mi vengono anche dei mal di testa e delle vertigini da non riuscire a stare in piedi. È molto difficile per me andare a lavorare, mentre prima quando non avevo quest'ansia mi piaceva il mio lavoro... Non riesco a essere tranquilla nemmeno se esco a fare una passeggiata o a prendere un caffè... Non ho idea perché mi si è attivato questo meccanismo di ansia, ero in un periodo molto felice della mia vita.. e vorrei un consiglio su come superare il problema e a quale specialista rivolgermi, possibilmente senza arrivare a prendere farmaci. Grazie in anticipo per l'attenzione..

2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Nicoletta, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Gentile Nicoletta,

molto spesso pensiamo all'ansia come il problema da risolvere, anziché a un sistema d'allarme che si è acceso perché è scoppiato un incendio. Qual è l'incendio? Il pensiero negativo, la rigidità, la tendenza a dare priorità alle ragioni, alle aspettative, al giudizio, al perfezionismo. La zebra vede il leone, ha paura, scappa e si salva la vita. Non penserebbe mai che la paura sia il nemico. Probabilmente la sua ansia le vuol comunicare un bisogno di cambiamento. Talvolta ci manca la consapevolezza che i momenti brutti finiscono, così come i momenti belli. 

Le indicherei di intraprendere un percorso di diagnosi al fine di approfondire le Sue difficoltà e le Sue risorse.

Tra le tecniche più efficaci per l'intervento si annoverano: l'MDPAC, la Mindfulness, l'ipnosi, l'EMDR, le tecniche di rilassamento e coerenza cardiaca, il training autogeno bionomico.

Buona fortuna.

Dr. Cisternino MDPAC (ricevo a Torino e online).