Depressione

Non so cosa mi succede

Elena

Condividi su:

Tutto è cominciato sotto forma di profondo pessimismo nei confronti del futuro. Nonostante il mio fidanzato cercasse in tutti i modi di tranquillizzarmi, ad un certo punto ho cominciato a pensare che, data la sua situazione economica familiare, il mio essere precaria e il suo essere ancora studente, i nostri progetti di vita insieme non si sarebbero mai realizzati e pian piano mi sono convinta che effettivamente le cose andranno così al punto che, se prima amavo parlare delle nostra futura casa e del matrimonio, ora non li nomino proprio più per non illudermi. Poi sono cominciati i problemi a lavoro. Quando mi sono iscritta al liceo classico sognavo di fare la giornalista e la scrittrice e mai avrei immaginato che dopo la maturità mi sarei iscritta al corso di laurea in infermieristica, complici i consigli di chi diceva che in campo medico si trova subito lavoro e della mia voglia di realizzare il prima possibile il sogno di una vita insieme al mio fidanzato. Effettivamente tre mesi dopo la laurea ho cominciato a lavorare come infermiera e tutt'ora continuo a farlo a tempo determinato. Ricordo di aver sempre parlato, anche all'inizio della mia carriera lavorativa, di volermi iscrivere alla facoltà di Lettere Moderne e, grazie allo sprone del mio fidanzato, questo desiderio è diventato realtà lo scorso anno. Nonostante a lavoro non sappiano nulla dei miei studi (ho paura che non capiscano la mia scelta) lo scorso anno sono riuscita a sostenere 4 esami su 6 con ottimi voti. Ricordo la gioia alla fine del primo esame, non mi era mai capitato prima, per nulla paragonabile al giorno della Laurea in Infermieristica quando il presidente di commissione mi dichiarò dottoressa con 110/110 e lode con plauso della commissione e, mentre intorno a me le mie colleghe si scioglievano in lacrime, io mi trovai a sorprendermi nel non riuscire a provare alcuna emozione.
È precipitato tutto alcuni mesi fa quando ogni volta che dovevo andare a fare il turno di notte (l'ho odiato sin da subito) mi ritrovavo a piangere tra le braccia del mio fidanzato. Poi ho iniziato a piangere di continuo, sempre di più e sempre più senza motivo, così all'improvviso ero triste e piangevo. Ho iniziato ad odiare il fatto di trovarmi tra i miei amici, mentre loro ridevano e facevano battute io riuscivo a pensare solo al fatto che non ci fosse niente da ridere e mi sembravano così sciocchi. Ho fatto spesso cattivi pensieri, non trovando senso a nulla di quello che stessi facendo. Un giorno durante una crisi di pianto davanti ai miei genitori, mio padre mi ha detto che lui non mi aveva insegnato ad essere debole, mia madre mi ha consigliato di lasciare il lavoro (anche se da alcuni discorsi fatti ho capito che non è quello che pensa realmente). Il mio ragazzo ha litigato con loro perché ritiene che non comprendano la gravità della situazione. Ho parlato con la mia migliore amica di tutto questo e lei mi ha consigliato di lasciare passare le vacanze e poi di rivolgermi a qualcuno. Le vacanze in sono andate malissimo, volevo solo tornare a casa e riposare. Da ieri ho ricominciato a lavorare e mi sento fuori posto tra i miei colleghi che continuano a ripetere quanto amino questo lavoro e io mi sento un'ingrata perché ho tutto quello che altri desiderano e non lo apprezzo. Mi sforzo, lo giuro. Mi dico che va tutto bene ma la sensazione è quella di essere un'altra, come se una parte di me, quella più bella, se ne fosse andata via per proteggersi da tutto questo e avesse lasciato qui un'emulazione di se stessa. Mi sento terribilmente sola e non so cosa fare.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Elena,


Dalle sue parole emerge che finora ha investito tutto sull’altro, in una idea di realizzazione fatta del conseguimento di tappe esterne, standardizzate, ripetendo, “emulando” dei modelli esterni.  Ha messo in secondo piano la sua interiorità, ciò che profondamente le appartiene, trascurando una parte di lei che vuole vivere…


Il rischio nell’inseguire questo tipo di realizzazione è quello di impersonare un ruolo, “una simulazione” o, come dice lei, una “emulazione" di se stessi, senza farsi vivere…Il senso comune continua a sostenere questa idea di realizzazione, ma l’interiorità,  attraverso il sentire, fa percepire alla persona che è essenziale e vitale far vivere qualcosa di proprio, di legato a sé…


Il sentire non va tacitato, ma ascoltato e compreso, perché sta sottolineando, con un intento costruttivo, il fatto che ha spezzato qualcosa di profondo, il legame con se stessa, per aderire a dei modelli esterni….E’ il dolore di questa assenza che può farle comprendere, ascoltandolo, che manca di qualcosa di proprio, perché non lo ha ancora cercato, e soltanto entrando in rapporto con la sua interiorità potrà svilupparlo.


E’ importante che non metta a tacere questi segnali sofferti che da dentro la stanno richiamando a ricomporre un’intesa con se stessa, in un progetto che sia innanzitutto la realizzazione di ciò che la caratterizza e le corrisponde profondamente…


Il rischio se continua a riferirsi al senso comune, a quello che esternamente viene ritenuto essere desiderabile e auspicabile, è quello di non sentire il richiamo profondo a ritrovare il legame con se stessa…Si  dia modo di ascoltare la sua interiorità, facendo un percorso psicoterapeutico  che sappia avvicinare le emozioni, mettendo in primo piano la dimensione profonda, così da scoprirne tutte le potenzialità. I percorsi interiori sono  complessi e all’apparenza difficile da comprendere, ma sono guidati da un'intelligenza profonda, purtroppo spesso misconosciuta, che sta cercando di ricondurla a sé…L’intento interiore è assolutamente propositivo e costruttivo, le vuole far percepire che c’è una parte di lei che ha un’estrema voglia di vivere e potersi esprimere…

Gentile Elena,


è molto semplice: può e deve affrontare e risolvere tutta questa complessa problematica e questa profonda sofferenza attraverso una psicoterapia.


Il lavoro clinico è l'unica soluzione valida, concreta ed efficace che Le potrà permettere di trovare una nuova strada in direzione della costruttività e non della (auto)distruttività. Tutto il resto sono 'chiacchiere di treno'.


Cordiali saluti.

Cara Elena,


intanto le mando una carezza, perché avere la sensazione che qualcosa stia portando via la nostra giovinezza e il nostro entusiasmo è sicuramente una sensazione mortifera.


Prenda quello che le sta succedendo come un insegnamento importante: le sue intuizioni, le sue sensazioni, sono corrette, sono credibili, più di quello che lei ha concesso loro.


In base a questo, mai più si farà sviare dall'opinione altrui. Le Donne possono attingere in profondità ai loro aspetti creativi e alle loro passioni e trasformarle in qualcosa che dà vita o che restituisce la vita agli altri, alle cose, al mondo.


Non tradisca se stessa e vada avanti con gli studi che ama.


Nel frattempo cerchi un lavoro che non le porti via tutto il tempo. Con il diploma di infermiera può impiegarsi presso associazioni che seguono i malati a domicilio e decidere lei quanto tempo vuole usare per questo incarico.


Le farebbe un gran bene leggere "Donne che corrono coi lupi", che racconta quanto brave siamo a farci sommergere dal senso del dovere a scapito delle nostre qualità più belle ... e insegna anche un po' a prendere fiducia nelle qualità del Femminile.


Un caro saluto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non so più chi sono

Salve, sono una ragazza di 20 anni e sono ormai quasi 5 anni che non sto bene con me stessa. Ho ...

2 risposte
Credo che il mio ragazzo soffra di depressione

Salve È da un po' di tempo che mi chiedo se il mio ragazzo sia solo insoddisfatto o soffra di ...

1 risposta
Ansia, stress, ocd e problemi di coppia

Salve, mi chiamo Ilaria, ho 19 anni e credo di soffrire di ocd, ansia, stress, problemi di coppia e ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.