Depressione

Non trovo pace

Anna

Condividi su:

Buonasera. Sono una ragazza di 30 anni che si è appena licenziata nonostante la crisi che stiamo vivendo (mi sento abbastanza in colpa). Sono seguita da una psichiatra ma mi sembra che non mi aiuti, vi descrivo cosa mi è successo: il lavoro nell'ultimo anno è stato duro, facevo turni che mi costringevano ad alzarmi prima delle 5.00. A febbraio sono stata a casa due settimane per burn-out, e ad aprile l'evento si è ripetuto. Forse molto irrazionalmente ho deciso di licenziarmi nonostante con i colleghi mi trovassi benissimo (vedevo solo loro oltre alla mia famiglia). La mia psichiatra non mi specifica che cosa io abbia, se sono depressa, bipolare o cosa.. lei dice che mi autosuggestiono molto.. però allo stesso tempo sto prendendo un antidepressivo. Sono da sola, non riesco più ad uscire in gruppo e socializzare. In questi giorni, dopo il licenziamento, mi divido tra cellulare e sigarette. I miei genitori non più giovanissimi non ce la fanno più, davanti a loro mi faccio vedere normale anche se dentro ho un vuoto alla pancia e una disperazione che mi fa malissimo. Mia madre è depressa da sempre, mi ricordo che da piccola la vedevo piangere mentre stirava o lavava i piatti, negli ultimi anni sembra stare meglio. Adesso che dovrei essere io a sorreggerli non ce la faccio, parecchie volte mi passa per la testa l'idea di morire, sento tanta sofferenza in me. Non so più come chiedere aiuto, la mia psichiatra dice che è solo autosuggestione

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Anna,


dalle parole che scrive traspare la sua sofferenza, ma anche il desiderio di poter trovare una via d'uscita, un modo per risollevarsi e ritrovare la strada verso il suo personale benessere.


Le parole della sua psichiatra sono di sicuro importanti per lei, hanno un certo valore non solo per la competenza professionale che lei può avere, ma anche come figura di riferimento che in questi anni le è stata accanto. Lei a fine testo dice una cosa molto importante:"non sa più come chiedere aiuto". Mi voglio soffermare sul come, perché mi dà l'idea di un impegno suo personale nel ricercare il miglior modo per far arrivare il suo disagio a determinate persone, forse in questo caso alla psichiatra.


Le propongo di fare un cambio: sostituisca il "come" con il pronome "chi". E la esorto anche a dare più ascolto e valore ed importanza a ciò che prova lei in questo momento. Sente sofferenza, un vuoto alla pancia ed una disperazione che le fa malissimo? Ecco, è questo quello che conta, non la spiegazione che un professionista può darle (ossia che è una forma di autosuggestione). Ciò non tanto per screditare la competenza ed il senso di ciò che la sua psichiatra le dice, ma piuttosto per far pendere l'ago della bilancia in una scelta che riguarda lei personalmente sul suo punto di vista, sul suo sentire.
D'altro canto, nessuno è più competente di sé stesso sulla propria persona.


Per cui, piuttosto che sforzarsi di trovare un modo per fare capire che sta male, cerchi una persona diversa a cui chiedere aiuto.


E si fidi di ciò che lei prova.

Buongiorno,


La situazione che ha descritto è molto delicata. Non sono affatto d’accordo con l’idea che le sue siano solo autosuggestioni come se “bastasse non pensare i propri pensieri per essere sereni”. A mio avviso le crisi in genere si presentano quando chiediamo “di più a noi stessi”, quando stiamo cercando di prendere in mano la nostra vita. Il mio consiglio è di utilizzare questo momento di crisi per lavorare su di lei cercando di capire bene il senso dei due burnout, cosa ha significato per lei vedere sua madre perennemente piangente, cosa significa per lei occuparsi dei genitori anziani ed ora che finalmente ha la possibilità di socializzare e fare gruppo averne paura? Non si arrenda, lavori su di sé… magari affiancando all’antidepressivo una terapia psicologica con uno psicoterapeuta.


La ringrazio di aver chiesto un confronto anche a qui. Cordialmente, Anna Elisa Rancati

Buongiorno, Anna, lei vive uno stato depressivo ed è seguita da una psichiatra, ma non specifica se alla terapia farmacologica affianca una psicoterapia, che nel suo caso deve necessariamente aggiungersi all'assunzione di farmaci. Perchè? Perchè il farmaco può tamponare i sintomi, ma non può curarne l'origine. Parli con la sua psichiatra e le esprima dubbi e opinioni liberamente.


Resto a disposizione per ulteriori informazioni, consigli, approfondimenti. Un caro saluto


Dr.ssa Daniela Benvenuti


Ricevo a Padova, Feltre e in modalità online

Salve Anna, prima di tutto mi dispiace per il periodo che sta vivendo.


Credo che per lei sia opportuno intraprendere anche un percorso di psicoterapia, per elaborare la situazione che si è venuta a creare. Scrive di sentire una profonda sofferenza, forse sarebbe il momento giusto di depotenziarla per poi trasformarla in qualcosa di più funzionale.


Rimango a sua disposizione, anche online.


Buona giornata.


Dott. Fiori

Gentile Anna,


con la psichiatra oltre che un percorso medico-farmacologico sta seguendo anche delle sedute di psicoterapia individuale? 


Darle una risposta se sia o meno autosuggestione con una semplice descrizione, giustamente sintetica, essendo su un portale digitale non è possibile. 


A cosa è stato riferito l'insorgenza del burn out? Come era i rapporti sul lavoro? Ha degli amici?


Cosa la trattiene in casa? 


Provi se sta facendo anche un percorso di psicoterapia a chiedere alla sua psichiatra come mai le dà questa risposta, le esponga il suo dubbio e da quanto mi sembra di capire anche la sua voglia di conoscere e trovare una soluzione al suo problema. Se invece non stesse già seguendo questo tipo di percorso le consiglio di valutare anche degli incontri rivolti a una riosservazione di se stessa, dei suoi pensieri e delle sue emozioni.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

AIUTATEMI AL PIÙ PRESTO

Sono Roberta e ho 15 anni, può sembrare banale scrivere qui dal nulla, ma ormai non so pi&ugr ...

1 risposta
Come comportarsi con chi è depresso

Buongiorno, ho bisogno di aiuto per capire come comportarmi. Sto con un ragazzo da due anni, lui 3 ...

2 risposte
Depressione Sabato e Domenica

Ciao a Tutti. Ho un problema. Il sabato e domenica, spesso, mi capita di vedere tutto nero e di ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.