Depressione

Posso adesso rimediare?

Chiara

Condividi su:

È iniziato tutto alle medie, mi ero litigata con le mie amiche, dovevo scegliere una scuola superiore. Per il liceo classico non ero portata, per il liceo scientifico non mi sentivo all'altezza, ragioneria ci andavano queste 'amiche' e alla fine ho scelto scienze umane. Poi ho deciso di cambiare, non capisco ancora il perché. Forse perché all'alberghiero c'era la mia migliore amica? Boh eppure non mi trovavo malissimo a scienze umane.
Poi ho iniziato a capire che l'alberghiero non era per me. Però non mi andava di cambiare un'altra volta, alla fine mi sono diplomata lì.
Poi ho deciso di andare all'università, non ne ero convinta, volevo un cambiamento, volevo stare vicino al mio ragazzo, e volevo stare un pò lontana dai miei genitori.
Ho preso questa decisione anche perché non avevo altre scelte. Non sapevo cosa fare una volta finita la scuola, non so ancora adesso che lavoro vorrei fare.
Ho scelto matematica perché era l'unica materia che mi interessava, ma non è stato semplice, non avevo la giusta preparazione e non mi sono impegnata per averla.
Alla fine sono qui a 24 anni senza sapere cosa fare, cosa voglio, come rimediare. Ho perso dieci anni a prendere scelte sbagliate, posso adesso rimediare? Io penso di essere un pò in ritardo ormai.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Chiara,


ti dico subito: CERTO CHE PUOI RIMEDIARE!! Ognuno di noi può sempre cercare di migliorare se stessi e/o riparare i propri errori! Molto probabilmente tu hai attraversato un periodo di poca chiarezza e scarso sostegno nell'attuare le tue scelte. Non é da sottovalutare il periodo Covid che tutti abbiamo attraversato! Di solito per poter scegliere un percorso didattico, il più possibile adatto, nelle scuole ci sono (o ci dovrebbero essere) dei mentori che aiutano gli studenti a capire quale disciplina o percorso scolastico è più indicato per loro. Forse per te non é stato così!! Ora mettiti di nuovo alla prova cercando questa volta di trovare la Facoltà universitaria (o percorso scolastico) che più ti si addice, magari chiedi consiglio a chi é professionalmente é preposto a dare tali indicazioni e/o sostegno. Sei talmente giovane che anche se dovessi laurearti con qualche anno di ritardo va bene ugualmente!! Ti faccio i miei migliori auguri e ti saluto con cordialità

Ognuno ha i propri talenti, delle capacità che lo definiscono unico e irripetibile, si tratta di saperle riconoscere e coltivare. Un “aquila che si crede un pollo” non è una persona mediocre, ma solo una persona con qualche talento sprecato a cui rimediare e per farlo il tempo è relativo, non è un conto alla rovescia. La tendenza che comunemente abbiamo per risolvere una situazione problematica è individuare i modi per risolverla ma, in genere, questo dà luogo a soluzioni disfunzionali che, reiterate nel tempo, finiscono col peggiorare la situazione. Ciò che spesso accade è utilizzare le stesse soluzioni su problematiche che noi riteniamo simili o utilizzate efficacemente in passato ma poi, cambiando il contesto e le situazioni, si rivelano fallimentari.
Il primo passo che si applica nel modello strategico, in situazioni come nel caso che hai descritto, consiste nel far in modo che la persona diriga i propri sforzi esattamente nella direzione opposta a quella desiderata.
Concretamente ciò consiste nell’individuare tutti  i modi per peggiorare la situazione anziché migliorarla. Tutto questo potrebbe apparire assurdo perchè penserai: " fino ad ora ho già sbagliato tutto", ma, proprio nel tentativo di trovare i modi per peggiorare, la tua mente si indirizzerà verso nuovi percorsi e nuove vie che prima non aveva mai considerato.
È controintuitivo ma nell'ottica strategica questo è il motore che  crea la scintilla di avviamento al cambiamento concreto.Come diceva un antico stratagemma cinese: " prima di raddrizzare qualcosa bisogna conoscere tutte  le strategie per storcerlo”.


Dott.ssa Cristina De Magistra
 

In linea di principio non è mai troppo tardi per cambiare, anche se più tardi si inizia e più è difficile in termini di energie fisiche e psicologiche. Una costante nella sua vita sembra essere la tendenza a dipendere dagli altri, a volte per seguirli, a volte per evitarli. Sarebbe buono impostare un lavoro su questo, perché quando le scelte dipendono dagli altri si dimentica cosa si vuole davvero.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non mi sento padrona della mia vita

Buongiorno, Da qualche anno a questa parte mi sento passiva e in balia degli eventi. Non riesco a ...

1 risposta
Buongiorno, come si può reagire alle provocazioni?

Buongiorno a tutti, qualcuno mi può dare un consiglio per aiutarmi come gestire la situazione ...

1 risposta
Sono veramente depressa?

Salve, Premetto che non sono mai andata da uno psicologo e che so che un autodiagnosi non è ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.