Depressione

Tristezza ingiustificata

Martina

Condividi su:

Buonasera. Ho 21 anni. Cercherò di essere breve, ma purtroppo non prometto nulla...
Premesse: 1. sto avendo problemi con i componenti della mia famiglia, e questo mi porta a sentirmi triste, poco considerata e apprezzata, insignificante e un peso per tutti loro; 2. sono sempre di corsa perché ho ritmi frenetici per via dell'università e le varie attività ad essa collegate; 3. non mi apro e parlo mai del tutto con qualcuno dei miei problemi (anche se alcune persone si offro veramente volentieri di volermi ascoltare) perché penso sempre di poter essere un peso e di disturbare (problema che ho iniziato ad avere dai 13/14 anni, in seguito ad una serie di eventi che sono accaduti).
Andando al problema: ultimamente mi prendono momenti di tristezza incredibili, e divento apatica contro chiunque e non riesco neanche ad essere gentile e scrivere alle persone alle quali voglio bene perché realizzo di non poterle vedere nel momento in cui più avrei bisogno di loro e questo mi genera altra tristezza e vorrei urlare perché non ne posso più e poi piangere fino ad addormentarmi... Cerco sempre di essere positiva, di farmi vedere sorridente, di aiutare gli altri ma dentro di me so che sto solo posticipando il momento di down emotivo che come ogni giorno mi aspetta e in pratica tiro a fine giornata per poter andare a dormire e far finire un'altra giornata, sperando che la successiva sia migliore. Il fatto è che questi momenti accadono tutti senza un apparente motivo e a volte anche durante il giorno, soprattutto se sono da sola: sono nella mia stanza, appunto da sola, e ad un certo punto non sto più bene e poi penso a qualsiasi cosa e questo mi porta a sentirmi peggio... E arrivo anche a dubitare dei rapporti più belli che ho, facendomi castelli di carte che non so se siano reali o solo pieni di fantasie mie, e arrivo a pensare che le persone in realtà stiano vicino a me solo per ottenere qualcosa e che fondamentalmente non gliene freghi nulla di me e chiaramente questo peggiora tutto... Inoltre quando ho questi momenti di picco emotivo, guardare le serie tv che mi hanno fatto sempre ridere non mi aiuta e resto impassibile ad ogni scena..
Per non finire, come dicevo nelle premesse, tra i vari impegni di studio che ho, sono sempre di corsa perché cerco di dare sempre il meglio di me stessa, e ho un ciclo del sonno completamente distrutto: spesso mi capita di andare a dormire direttamente tardi e a volte sto un bel po' a rigirarmi nel letto perché o la mia testa inizia a pensare, magari anche a cose belle, ma che mi tengono comunque impegnata, o perché anche se sento gli occhi bruciare dal sonno, non riesco ad addormentarmi e poi tutte le mattine mi devo alzare presto, quindi è un circolo vizioso (infatti precedente weekend ho avuto l'occasione di dormire senza che venissi disturbata e ho dormito ad oltranza e avrei continuato).
A volte penso quasi che la mia assenza non verrebbe notata da nessuno e che farebbe solo bene alle persone che hanno a che fare con me.
Non so più cosa fare,... ormai più che vivere, mi sembra di sopravvivere...

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Martina,


avverto sofferenza dalle sue parole e mi dispiace. Ho un paio di considerazione da proporle. Innanzitutto mi chiedevo se ha parlato o tentato di esprimere queste sensazioni che descrive alla sua famiglia, sia la sensazione di tristezza profonda che descrive, la solitudine, sia rispetto i problemi che ha con loro. In secondo luogo credo potrebbe esserle utile valutare di rivolgersi ad un professionista con cui approfondire questi aspetti che le invalidano le giornate. Qualora non volesse informare la sua famiglia si informi rispetto un Consultorio a Lei vicino in cui potrebbe effettuare un percorso gratuitamente.


Resto a sua disposizione,


Dr. Matteo Radavelli

Gentile Martina,


dal suo scritto emerge ardentemente la sua tristezza ma anche la fatica che sta facendo per rimanere a galla in questo marasma di pensieri, emozioni e preoccupazioni.


Mi spiace leggere che a volte le sembri che la sua assenza non verrebbe notata da nessuno, cosa la porta a pensare questo? Come sono i rapporti con i suoi genitori? E' figlia unica? Ha delle amiche con cui parlare e talvolta anche "sfogarsi" o ridere tutte insieme? Come si organizza una sua giornata tipo?


Per allontanare alcuni pensieri negativi potrebbe avvicinarsi alla pratica di meditazione per cercare di "liberarsi" e di allontanare per quanto possibile alcuni pensieri. Le allego anche il link di un articolo scritto da me: https://www.psicologi-italia.it/psicologo/federica-ciocca/web/articolo-3252.html


Le consiglio però di avvicinarsi ad una psicoterapia dove lei durante questi incontri potrà osservare da nuova prospettiva le sue difficoltà e sofferenze, cercare pian piano di rielaborarle e riscoprire anche le sue risorse interne che ora sembrano essere "sotterrate" da tutti questi pensieri e preoccupazioni.


Resto disponibile per informazioni, domande aggiuntive, consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Aiuto

Scusate per il titolo, ma sono disperato.Non so da dove iniziare non so nemmeno se mi risponder&agra ...

4 risposte
Cerco aiuto ma nessuno mi ascolta.

Salve, mi chiamo Noemy, ho 22 anni. Scrivo qui perché ho cercato aiuto ma nessuno mi ha ...

1 risposta
Si può uscire da un tunnel depressivo?

Ciao a tutti, chiedo scusa del disturbo, essendo un tema per me importante e soprattutto per me ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.