Il marito della mia amante è morto

Francesca

Salve, sono un uomo di 59 anni separato da 10 anni, da più di 3 anni ho una storia d'amore con una donna di 57 anni che già conoscevo da tanto tempo, sposata da più di 30 anni con un "orco" che ha totalmente schiavizzata, soprattutto sessualmente, pretende rapporti sessuali a suo piacimento e lei per quieto vivere ha sopportato tutto questo. In questi anni lei ha cercato molte volte di separarsi ma lui minacciava "fuoco e fiamme" e lei non ha avuto la forza di affrontare questa guerra con il marito che nonostante tutte le angherie gli vuole bene in modo fraterno dopo quasi 40 anni di vita coniugale. È successo che il marito ha dovuto subire un intervento chirurgico, quasi di routine e dopo 3 giorni doveva essere dimesso, lei era sola a casa e siamo stati a telefono tutta la notte e spontaneamente abbiamo fatto l'amore per telefono, il caso ha voluto che la mattina seguente suo marito ha avuto un arresto cardiaco(inaspettato) ed è morto. Lei si sente in colpa sia per quello che la notte abbiamo fatto al telefono e sia per i continui litigi che inevitabilmente aveva con il marito perché si era da tempo rifiutata di fare la schiava sessuale. Io ho cercato di fargli capire che non è assolutamente colpa sua, anzi lei è stata una moglie che ha dovuto subire e non ci si può sentire in colpa perché si è rifiutata di fare la schiava. Lei mi ha detto che deve stare da sola e soffrire per espiare questa "pena" che secondo me non merita affatto, non lo so è come se si volesse punire, e solo così lei poi riuscirà a stare bene con me. Io ho rispettato la sua volontà e ci sentiamo 5 minuti al giorno, è sempre lei che mi chiama. Vorrei un consiglio da voi esperti su come devo comportarmi, anche perché noi siamo vicini ai 60 anni e poi non è che abbiamo tutto sto tempo, ed ogni giorno che si perde è un giorno che non torna più e quindi vorrei capire quali sono i tempi, che lei si renda conto che non ha nessuna colpa per quello che è successo. Grazie
P. S. Le ho consigliato un supporto psicologico ma lei non vuole.

4 risposte degli esperti per questa domanda

Salve, mi spiace molto per la situazione che descrive poiché posso comprendere il disagio connesso. Ritengo importante che sia importante far capire alla signora i vantaggi derivanti da un supporto psicologico cosicché possa richiedere un consulto al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente. Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che mantengono la sofferenza in atto impedendole il benessere desiderato.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Salve,

lei scrive da uomo innamorato e, come tale, è preoccupato per la sofferenza che la donna che vuole avere accanto prova.

Ma lei per quella sofferenza non può far granché, neanche rispetto al tempo necessario per superare tale dolore.

Mi chiedo però cosa le impedisce di comunicare a questa donna il suo di dolore, i suoi di sentimenti circa la situazione. Porre sempre l'altro prima dei propri bisogni non è la soluzione e ciò non aiuta questa donna a farle capire come il suo comportamento ha un effetto su di lei. E che se una coppia deve essere, lo si è in due.

Le auguro buona giornata.

Salve, ciò che scrive denota grande sensibilità ed attenzione all'altro. Comprendo il suo bisogno di aiutare e supportare la sua amante in un momento così delicato. Non posso dirle dopo quanto passeranno i sensi di colpa, da ciò che lei scrive era un rapporto caratterizzato da violenza e credo che avrà bisogno di un supporto specialistico per elaborare non solo il lutto ma soprattutto le dinamiche che l'hanno portata a restare in un rapporto disfunzionale. Mi chiedo però se lei, che scrive, ha un supporto, se lei ha conforto, come sta lei in questo momento, cosa prova, come sta vivendo questa relazione, quali emozioni e sensazioni prova sapendo che la donna che ama si sta "punendo" come lei dice per aver tradito il marito con lei. Non esiti a contattarmi se ha bisogno di un supporto per elaborare il suo difficile ruolo di amante e di persona che cerca di aiutare la persona che ama.

Salve, questa situazione di attesa deve essere molto dolorosa per lei. E' molto amorevole da parte sue volerle stare vicino e non voler sprecare nemmeno un minuto del vostro futuro, ma purtroppo non c'è un limite temporale al lutto ne' al senso di colpa. Ha provato a comunicare alla signora ciò che sta provando ? come il suo comportamento abbia un impatto anche su di lei?

Nel frattempo le posso solo consigliare di dare spazio anche alle sue di esigenze, e a se stesso. Ha pensato di ricorrere lei a un supporto psicologico che la aiuti a capire come stare vicino al meglio alla persona che ama e ad affrontare l'idea di questo tempo che sta scorrendo e non torna più. 

Resto a disposizione per eventuali chiarimenti

Dott.ssa Maria Chiara Paladini