Elaborazione del lutto

In seguito la recente perdita di mio marito sono rimasta sola e non so come potrò affrontare il futuro

cristina

Condividi su:

In seguito la recente perdita di mio marito cerco di svagarmi facendo shopping che è diventato compulsivo. non riesco controllarmi.ho bisogno di aiuto, a casa dopo un po mi prende l'ansia e devo uscire.sono sola, non ho figli ne amiche.non so come potrò riuscire ad affrontare il futuro, mi spaventa,ero abituata a vivere con una persona accanto a me vivevamo quasi in simbiosi sempre insieme ovunque.La prego di aiutarmi. grazie maria Cristina

12 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Maria Cristina,

ho letto la sua richiesta e posso solo immaginare come sia il momento che sta vivendo dopo aver perso una persona così presente e importante per lei, parlare con uno psicologo che possa esserle d'aiuto per comprendere meglio quello che sta vivendo e come sta, quali emozioni prova penso possa essere un modo per aiutarsi e prendersi cura di se stessa.

Le faccio tanti auguri.

Cordiali saluti

Cara Cristina,

purtroppo la perdita di una persona cara innesca tutta una serie di emozioni che spesso da soli è

difficile gestire, soprattutto se con tuo marito come scrivi avevi una relazione cosi stretta. L'elaborazione del lutto è un processo doloroso e non facile, ma se riesci a chiedere aiuto ad un/a psicoterapeuta vedrai che riuscirai ad affrontare al meglio questa condizione scoprendo inaspettate risorse! ora il primo passo è contattare un esperto professionista, coraggio e in bocca al lupo!

Cara Maria Cristina,

mi spiace molto per la situazione nella quale si sta trovando. Perdere una persona che si è amata e con la quale si ha condiviso la propria vita è sempre un grande dolore che richiede, fisiologicamente, un tempo di cura e recupero. Le cose purtroppo si complicano quando questo tempo sembra non passare mai e la disperazione estirpa la speranza e la gioia di vivere comunque per noi stessi e per la nostra vita.

Le consiglio di pensare di chiedere aiuto concretamente e al di là di questo spazio virtuale. La psicoterapia è proprio questo, richiedere aiuto in un momento di difficoltà e di impasse. Quando ci sembra che da soli non ce la facciamo più e quando le richieste, a volte amare, che la vita ci pone ci sovrastano privandoci di tutte le nostre energie.

Coraggio non si arrenda e faccia di tutto per prendersi cura di Sè e del suo dolore!

In bocca al lupo!

"Non è mai troppo tardi per diventare ciò che avresti voluto essere." G. Eliot

Gentile signora,

il supporto sociale è un importante fattore da cui dipende la salute psico-fisica. Nel suo caso si tratta evidentemente di ricostruire una rete di rapporti che in passato è stata troppo limitata ad un rapoorto a due. Tenga presente che in genere i rapporti più significativi e in grado di dare più immediato e forte sostegno sono anzitutto quelli familiari e parentali. Qualora questi siano assenti o troppo difficili da recuperare, si può vicariarli con gli amici che comunque costituiscono un importante quota del sostegno sociale. E poi ovviamente vicini, conoscenti ecc.. Uno psicologo può aiutarla in questo suo legittimo bisogno di sostegno sociale, favorendolo o andando ad eliminare eventuali fattori personali che lo ostacolano. Cordiali saluti

gentile signora cristina,

comprendo bene il momento di profonda sofferenza che si trova ad affrontre, in situazioni di questo genere è opportuno intervenire senz esitare con una terapi di sotegno per superre il lutto profondo e cercare di ripensare all propria vita in termini evolitivi.

le consiglio di rivolgersi ad un bravo psicoterapeuta nella sua zona, sono cert che competenza e professionlità le saranno di valido aiuto anche nell'attenure gli aspetti compulsivi legati allo shopping. 

io ricevo e lvoro a roma e mi sembra di aver capito essere molto lontana da lei.
le invio un cordiale saluto.

Buona sera Maria Cristina,

è assolutamente normale che lei si senta spaventata. Quello che sta attraversando è un cambiamento grande e doloroso. La sofferenza e la crisi fanno parte della vita di noi umani, così fragili e precari, ma sono anche segnali di vita, potenzialmente generativi di nuovi equilibri.

Un percorso di terapia può aiutarla ad affrontare questo difficile passaggio della vita, in uno spazio protetto che sia per sè, dove potersi fermare e raccogliere qualcosa.

Le auguro buona fortuna

Gentilissima Cristina

poiche' vivere un momento di tale "difficoltà" in solitudine potrebbe essere realmente faticoso le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta specializzato in elaborazione del lutto. Sono certa le darà un valido aiuto per affrontare il momento.

Cordiali saluti 

Salve Maria Cristina!

Posso solo immaginare il vuoto che può sentire intorno a sè e dentro di sè!

Il vuoto dovuto alla perdita di una persona cara può essere molto doloroso, tanto da poterci far pensare che non esistano possibilità di risoluzione alcuna, ma è importante tener presente che potrebbe essere "solo" una "cecità" momentanea, dovuta al trauma del lutto!

In qualità di specialista, mi sento di consigliarle di rivolgersi ad uno Psicoterapeuta della sua zona , in modo da poter preventivare un progetto terapeutico che possa essere contenitivo e organizzato con una costanza temporale delle sedute!

Credo sia importante che lei possa sentire di potersi affidare a qualcuno che la sostenga in questo momento così difficile!

Cordialmente!

Gent.ma Cristina,

Non sappiamo quanti anni ha. Non sappiamo nemmeno qualche notizia in più sulla sua vita con suo marito.

In  linea del tutto teorica, Le consiglio di uscire da casa, di cercare di entrare a far parte di qualche gruppo di sue coetanee, magari di iscriversi all’Unitrè del paese o della cittadina dove lei abita, di incontrare gli altri. Ma la sua età permetterà di farci un’ idea di come viveva e di come potrebbe superare questo vuoto che la perdita di suo marito le ha procurato.

Intanto la saluto con viva cordialità e le faccio i migliori auguri di superare presto e bene questo suo attuale stato d’animo e questa sua situazione di isolamento.

Magari ci risentiamo.

Cara Cristina, Ho letto attentamente la sua domanda,mi rendo conto Come la perdita di una persona cara,soprattutto quando si tratta di un compagno di vita,possa sconvolgere non solo il nostro stato emotivo,ma anche le nostre abitudini,portando a manifestare il nostro malessere con nuove esigenze e bisogni.Rendersi conto di questo passaggio e' importante e funzionale,in ogni caso La invito a contattare di persina un professionista per sostenerla in questo momento difficile. Mi rendo disponibile.

Cara Cristina,

la perdita di una persona cara, presenta  un trauma significativo e profondo. I suoi comportamenti compulsivi. la solitudine, il sentirsi sola e senzi amici, sono aspetti importanti che non aiutano in una rielaborazione spontanea del lutto. 

Di fronte alla sua richiesta di aiuto, la mia indicazione è di contattare  un Psicoterapeuta specializzato nell'EMDR, che possa aiutarla a superare questo momento difficile.

Collegandosi al sito www. emdr.italia nel link soci, troverà i Terapeuti con formazione EMDR nella zona dove lei attualmente abita.

 

Buongiorno Cristina,

Chiaramente il periodo che sta affrontando è molto difficile e molto delicato. Le suggerirei, per avere un supporto, di parlarne di persona con uno psicologo-psicoterapeuta non appena si sentirà di farlo. In tal caso, meglio rivolgersi ad un professionista che abbia lo studio nella sua zona. Se per qualche motivo avesse delle difficoltà a procedere in tal modo, le consiglierei, comunque, di mettere al corrente il suo medico di base  dello stato di malessere che sta affrontando. Ritengo importante segnalarle, che a novembre l'Ordine degli Psicologi della Regione Piemonte, in occasione del "mese del benessere psicologico" offrirà l'opportunità di effettuare dei colloqui psicologici gratuiti presso gli studi di professionisti privati distribuiti su tutta la regione. Ci sarà anche la possibilità di partecipare, sempre gratuitamente, a diversi incontri  a tema. Per avere maggiori informazioni su tale iniziativa o per trovare, a prescindere, un professionista nella sua zona, può consultare il sito internet dell'Ordine degli Psicologi della Regione Piemonte: www.ordinepsicologi.piemonte.it

Cordialmente

 

 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho 66 anni e da 2 mesi ho perso mia moglie

Buonasera, come prima cosa grazie dell'opportunità che mi date. Ho 66 anni e da 2 mesi ho perso mia ...

10 risposte
Possibile iniziare il processo del lutto prima della morte di una persona?

Possibile iniziare il processo del lutto prima della morte di una persona? Mi spiego meglio. Ho ...

8 risposte
Rapporto avuto con mia madre defunta da soli 10 mesi

Buongiorno, volevo porvi la seguente domanda che poi risulta essere un disagio per me. La questione ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.