Elaborazione del lutto

Informazioni riguardanti un lutto

Antonio

Condividi su:

Salve è da 20 giorni che ho perso la mia ex ragazza a causa di un suicidio!

È la prima volta che mi capita di vivere un'elaborazione di un lutto e a volte mi rendo conto che ho paura di sbagliare, mentre altre mi stupisco di come sto reagendo davanti a questo brutto dramma!

Continuo la mia vita tra amici, relazioni, lavoro e sport e questa è la parte che mi da forza, perché nonostante la tristezza e l'angoscia sto continuando a vivere (adoro troppo vivere) e proprio perché amo troppo la mia vita, a volte mi angoscia la paura che questo processo del lutto mi porterà a dover rinunciare per un periodo a viverla a pieno.

Per paura di non vivere il lutto a volte riguardo le foto per cercare di piangere e ci riesco e cerco di avere degli spazi nella giornata in cui pensare a lei. La domanda finale è: possibile portare avanti già da subito la propria vita, anche se con le paure e le emozioni negative, che a volte ci sono e portarsi nel cuore in maniera, a volte dolorosa a volte amorevole, questa situazione?

Per i tanti impegni la notte è il momento in cui penso e in una settimana ci sono stati due eventi di insonnia. Razionalmente capisco che fa parte del processo. Anche se da due mesi era la mia ex ho condiviso una relazione bellissima con questa persona. Sembra che io abbia già metabolizzato e accettato la perdita in maniera sfrontata. Però ho questa incertezza di cosa potrebbe accadere durante il processo. È come se dentro me qualcosa mi dice che il peggio deve ancora arrivare..
Grazie

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gent.mo Sig. Antonio,


rispondo subito alla sua domanda dicendo di si, cioè che è possibile continuare la sua vita in queste condizioni. La sofferenza va accettata e non è detto che il peggio debba ancora arrivare, come lei teme. Bisogna non immergersi troppo nei ricordi e neanche far finta che nulla sia successo (in medio stat virtus, la virtù è nel mezzo). Per il resto le informazioni da lei scritte sono un pò insufficienti. Capisco che non deve essere facile parlarne, ma, ad esempio, perchè secondo lei questa sua ex si è suicidata? Mi perdoni se mi permetto, ma non posso nasconderle che sto vivendo anche io un lutto simile: poco più di un mese fa un mio amico si è tolto la vita! Certo le cose sono un pò diverse; anche io ho avuto degli episodi di insonnia. Penso che sia normale. L'importante è guardarsi dentro e cercare di esprimere le idee più nascoste dentro di noi, facendole emergere pian piano, per capire meglio perchè soffriamo. A volte può trattarsi di un senso di responsabilità che obiettivamente non esiste.


La saluto cordialmente, augurandole di stare meglio.

Buongiorno Antonio, grazie per la condivisione di questo tuo momento complesso. Credo che il lutto, soprattutto se causato da un gesto estremamente drastico e tragico come lo scegliere di togliersi la vita, porti con se emozioni e sentimenti difficili da controllare. Capisco anche che avevate una relazione da poco tempo, seppur intensa, e mi ha colpito molto il tuo ripetere quanto tu sia attaccato alla vita. Io cercherei di stare in contatto con le tue emozioni e con quello che provi, senza giudicarti troppo ma soprattutto senza aspettare che qualche cosa di terribile ti accada. Probabilmente adesso questo e’ il tuo modo di vivere il lutto, esorcizzandolo anche un po’, ma questo non vuol dire che tu non ne soffra. Dentro, altrimenti non ci avresti scritto e dormiresti tranquillo tutte le notti. Scrivimi per ulteriori confronti e/o chiarimenti. Sono a disposizione.

Salve, Antonio l'elaborazione del lutto è un processo che dura dai 6 mesi ad un anno, per cui dopo venti giorni lei mi chiede se il peggio deve ancora arrivare? Sicuramente avrà momenti in cui si sentirà molto triste e avrà voglia di piangere, ma fa parte del processo normale, si dia un pò di tempo, non chieda troppo da se stesso. Mi dice che da 2 mesi era la sua ex,, questo un pò lo aiuta in quanto la separazione anche se non così definitiva era già avvenuta. Mi dice che ha avuto 2 episodi di insonnia ed è preoccupato che la situazione possa peggiorare, io quello che le posso consigliare è di consultare un terapeuta per avere un sostegno nell'elaborazione di questo lutto.La ringrazio per averci contattati e per qualunque cosa sono a sua disposizione.


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Sei molto spaventato e in preda all'ansia... è legittimo e comprensibile. Non dici quanti anni hai e altrusati importanti. 


Di certo un suicidio è una morte "diversa" e il processo di elaborazione potrebbe essere più complesso, in quanto si aggiungono tante domande senza una risposta certa. E' probabile emergano anche dei sensi di colpa legati a una sorta di responsabilità che potresti sentire.


Ti dico di non vivere nell'ansia anticipatoria, ma nel qui ed ora. In questo momento difficile prova a prendere in considerazione la possibilità di una consulenza psicologica.


Resto a disposizione per chiarimenti.

L'elaborazione del lutto è un processo più lungo e più elaborato, non si può comprendere tutto in pochi giorni. Le reazioni che potresti avere in principio potrebbero essere completamente diverse da quelle successive.


In questo momento alcune emozioni potrebbero essere allontanate dalla coscienza e dalla razionalità per via di meccanismi di difesa che tendono a proteggerti dal dolore.


Tutto questo rientra nella normalità e pian piano potrebbero emergere altri stati d'animo.


Può accadere di aver paura di entrare in contatto con parti emotive che non si conoscono e che non si è in grado di gestire, in questo caso si può consultare uno psicoterapeuta per elaborare in modo più consapevole delle reazioni apparentemente estranee e sconosciute.


Un caro saluto.

Gent.mo Antonio,


io ritengo che la risposta alla sua domanda sia contenuta nell’ultima frase del suo scritto. 


Ognuno di noi ha il proprio personale modo di affrontare una perdita, così come ognuno di noi ha i propri tempi. Di certo, però, non ritengo sia umanamente possibile per un essere umano “superare” il lutto di una persona cara in 20 giorni. Le emozioni richiedono tempi largamente più estesi di quanto richieda un pensiero razionale. 


Per concludere vorrei citarle questa frase che trovo significativa nel suo caso: “Il dolore coperto è come un forno chiuso: brucia e riduce in cenere il cuore che imprigiona”. 


Sta a lei lasciarlo uscire, magari tramite un aiuto professionale, in un contesto protetto e contenuto come quello terapeutico. 


Un caro saluto


 

Buongiorno,


il lutto prevede delle fasi di elaborazione, molte persone restano ferme in una fase o non le superano tutte ed in tal caso si ha un lutto non ben elaborato. Lei deve prendersi del tempo, vivere il lutto, piangere se necessario. Le suggerirei di non focalizzarsi sul suo senso di colpa, di non pensare al come sta reagendo, ma di reagire. Le suggerirei comunque di parlarne con uno specialista, che possa aiutarla in questo momento.


Le faccio i miei auguri

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Per me la morte non è più un tabù, la trovo normale.

Ho vissuto una serie di lutti, quasi a cascata, ora ho interiorizzato la morte, come un fatto del ...

5 risposte
Ho 66 anni e da 2 mesi ho perso mia moglie

Buonasera, come prima cosa grazie dell'opportunità che mi date. Ho 66 anni e da 2 mesi ho perso mia ...

11 risposte
Possibile iniziare il processo del lutto prima della morte di una persona?

Possibile iniziare il processo del lutto prima della morte di una persona? Mi spiego meglio. Ho ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.