Disturbi dell'eccitazione sessuale

Il mio compagno mi tradisce ripetutamente con donne diverse

milena

Condividi su:

gentile dottore,mi rivolgo a lei perchè sinceramente vorrei essere indirizzata..perchè non so che fare,il mio compagno mi tradisce da quasi due anni,ripetutamente con donne diverse,conteporaneamente due tre alla volta,non abbiamo rapporti sessuali da un anno,l'ultima volta non è riuscito a raggiungere l'orgasmo,non so se è per questo ..lui dice di avere bisogno di aiuto,dopo averlo scoperto con le altre,a cui dice che il rapporto è finito...che prova solo affetto ,praticamente racconta tutto...appena sto per lasciarlo non vuole piange mi chiede aiuto,sinceramente non so piu cosa fare...a chi mi devo rivolgere,non voglio vivere un rapporto platonico ed essere continuamente tradita...vi prego aiutatemi

11 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Milena, il suo compagno molto probabilmente ha una dipendenza sessuale. Questo vuol dire che colma un buco affettivo, probabilmente maturato nell' infanzia, attraverso le abbuffate di sesso. A meno che lui non decida di sua spontanea volontà di cercare aiuto e che sia motivato e costante nel tempo nel mantenimento di tale proposito, si prospettano enormi difficoltà di cambiamento della situazione attuale. Tenga presente che nessuna persona potra' mai colmare quel vuoto. Se desidera assumere il ruolo di crocerossina martire questa e' un' ottima opportunità....

I sensi di colpa non faranno bene ne' a lei ne' al suo compagno. Se lo vuole aiutare, gli resti amica quel tanto che basta per accertarsi che segua un programma terapeutico e intanto inizi a pensare a sé stessa, a ciò che desidera per la sua vita e soprattutto agisca per ottenerlo.

Le auguro la forza di volersi bene

Gentilissima, prima di tutto dovrebbe chiarire i sentimenti che prova nei confronti di quest'uomo. Il rapporto sessuale in una coppia è fondamentale ma mi chiedo se lei prova ancora desiderio oppure se la rabbia per i tradimenti subiti l'hanno allontanata da lui. Importante diventa per lei affrontare un percorso di consapevolezza di sè per capire cosa davvero vuole da un rapporto di coppia.

Gentile Milena,

peso che sia arrivato il momento per valutare la situazione davanti ad un terapeuta che si occupi delle relazioni di coppia o forse più semplicemente qualcuno che chiarisca con lei quel che vuole fare della sua vita. Ritrovi l'autostima per sé stessa! La vita che lei sta facendo è fatta di tradimenti e di mancate promesse..una situazione spiacevole per tutti.

L'aiuto di uno specialista potrà mettere in luce l' impegno preso da lei e dal suo compagno per ritrovare insieme intimità, amore e sessualità o ricominciare una nuova vita da single senza ripensamenti

Gentile Milena,

mi sembra probabile che ci sia qualche problema nella vostra relazione sentimentale che crea serie difficoltà al suo partner e che egli abbia trovato vie traverse, ma insoddisfacenti per uscire da questa situazione. Se così fosse, non vedo sinceramente altra soluzione che quella di recarsi da un bravo psicoterapeuta di coppia che sappia presumibilmente migliorare la comunicazione tra voi e appianare ciò che vi divide. E' possibile che se aspettate ancora, la situazione peggiori ulteriormente; se il suo partner non volesse recarsi da uno psicologo, ci vada lei. Infatti è molto probabile che il professionista possa aiutarla ugualmente. Al riguardo le segnalo che la psicoterapia della Gestalt ha strumenti molto efficaci per i problemi di relazione. Cordiali saluti

Gentile utente,

non sarà attraverso un consulto online che potrà risolvere i problemi di coppia di cui parla.

Anche se è il suo compagno che "tradisce", è probabile che attraverso questa condotta ripetitiva e non nascosta esprima il malessere di entrambi, che sarebbe utile approfondire mediante un consulto presso un collega che si occupi di Terapia di coppia.

Un caro saluto

Rompa questa perversa dinamica e, per quanto sia doloroso, lo lasci. Starà a lui dimostrare se e come a lei tiene davvero e non come un'ancora di salvezza per i suoi problemi, che lei non può risolvere, Tenga a mente una certa 'preghiera' gestaltica: 'io sono io e tu sei tu; io faccio la mia cosa e tu fai la tua; non son a questo mondo per soddisfare le tue aspettative, come tu non sei sei a questo mondo per soddisfare le mie. Se potremo incontrarci sarà bellissimo, altrimenti non ci sarà niente da fare.

Dott. Fabio Digrandi Catania (CT)

Cara Milena buonasera, dalla sua domanda si può solo lontanamente immaginare in che stato di stress possa trovarsi, e anche se non la conosco provo un certo dispiacere nel leggere le sue parole. Per quanta negativa sia la situazione, mi è subito balzato all'occhio un dato estremamente positivo : 'lui dice di aver bisogno di aiuto'. Questo potrebbe indicare una reale intenzione del suo compagno di recuperare il rapporto, e che quello che le dice non siano solo scuse. Il mio consiglio è quello di contattare un professionista e identificare la natura del problema prima che sia troppo tardi. In bocca al lupo per tutto!

Salve, la richiesta di aiuto è per suo marito, per lei stessa o per entrambi come coppia? nel caso la richiesta sia per suo marito è bene sapere che dovrebbe essere lui stesso a riconoscere e sentire il bisogno di aiuto...nel caso in cui la richiesta d'aiuto riguardi invece lei stessa, le posso consigliare di fissare un incontro nel mio studio per parlare di questo rapporto che suo malgrado continua con tali modalità....la questione è molto complessa e merita di essere discussa di presenza. se volesse fissare un incontro nel mio studio può farlo o tramite il sito stesso inviandomi un email come ha già fatto (le posso proporre martedi o mercoledi pomeriggio) o contattandomi via email personale, inoltre trova tutti i miei recapiti sul sito www.psicoterapiamessineo.it

Salve Milena,

le consiglio un supporto psicologico per riuscire a lasciare questo uomo che, non solo la tradisce, ma per lei non è il compagno che dovrebbe essere.

Lui dice che ha bisogno di aiuto, ma dovrebbe rivolgersi a un professionista, lo ha mai fatto?, altrimenti piangere e tornare a comportarsi come prima non fa bene a lei, Milena, e nemmeno a lui.

Questo tipo di condotte possono nascondere diversi problemi, dal semplice essere stanchi del rapporto fisso, ma non avere il coraggio di rompere, a molto altro.

Non è davvero possibile aiutarla da qui, ma è necessario un percorso di sostegno per lei che ha sopportato già la situazione per un anno.

Sia forte e si riprenda in mano la sua vita e la sua felicità, nessun altro lo potrà mai fare al suo posto!

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito alla sua richiesta, a lei la scelta di chiudere la relazione o di continuare ad andare avanti come lei racconta. Per prendere una decisione, si rivolga ad un collega della sua città, per iniziare un percorso privato che la sosterrà in questa situazione che da sola, non riesce a gestire. Se lei vuole una relazione reale e non platonica, forse sarà il caso di pensare a come lasciare il suo compagno, provare ad aiutarlo in tanti anni che lei ci ha provato, mi sembra una soluzione inefficace, può invece farsi aiutare lei, che può prendere in mano la situazione e cambiare la sua vita, se lo vuole. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Buongiorno Milena, non sono riuscito a capire dalle sue parole se l'aiuto che cerca debba servire a:

1) svincolarla da questa rapporto "platonico" (distruttivo?) e mettersi nelle condizioni di riscattarsi come donna;

2) aiutare il suo partner a superare questa situazione (sempre se lui desidera essere aiutato);

3) supportare la coppia e farle attraversare questo momento di "stallo" che dura da circa due anni.

Non mi è chiaro lo spazio che i suoi bisogni emotivi hanno nel rapporto di coppia, 

appena sto per lasciarlo non vuole piange mi chiede aiuto,sinceramente non so piu cosa fare...

Lei è libera di decidere il ruolo che intende ricoprire all'interno di questo rapporto, potrà essere una compagna che si prenderà cura dell'altro (qualunque cosa accada), rischiando di annullarsi completamente per l'altro, oppure decidere di dare il giusto spazio ai suoi bisogni emotivi/affettivi, rispettando in primis se stessa e poi la persona che con lei vorrà condividere la sua vita.

In bocca a lupo.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'eccitazione sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Asessualità?

Buonasera a tutti, io sono Gioele e ho 18 anni. Il dubbio che mi spinge a fare questa domanda ...

1 risposta
Varie problematiche sessuali di coppia

Salve, mi chiamo Giulia e ho 26 anni, sono fidanzata da un anno e mezzo e ultimamente sto avvertendo ...

5 risposte
Non provo nulla.

Come dal titolo, credo di avere una "insensibilità" vaginale. Ho incominciato ad essere sessu ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.