Disturbi dell'eccitazione sessuale

Non riesco ad eccitarmi più con la mia ragazza

Daniele

Condividi su:

Salve, Ho 35 anni, lavoro stabile ed indipendente, nessuna preoccupazione particolare e nessun trauma in passato. Da qualche giorno non riesco ad eccitarmi vedendo la mia ragazza neanche se ci tocchiamo, e non so cosa posso fare. In passato ho avuto sia storie stabili sia rapporti occasionali e mi sono sempre eccitato senza problemi. Con la mia attuale ragazza avevamo un attività molto intensa, poi per lavoro ci siamo separati, ed ora il corpo sembra non reagire. Non so se la distanza può raffreddare i rapporti, o se essere ansioso di soddisfarla mi sta creando lo stress che mi blocca. A parte la mia ragazza, non trovo interesse neanche nel masturbarmi, ho paura di non poterle dare un futuro. Grazie, spero di avere qualche consiglio.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Daniele

vi consiglio una consulenza psicologica di coppia successiva ad un'analisi andrologica (visita) che lei può fare privatamente o attraverso il sistema sanitario nazionale. Ovviamente l'indagine medica va ad escludere qualsiasi complicazione organica. Sembra che ci siano dei motivi perchè lei è in ansia su questo rapporto e sul futuro di questa relazione. Occorre che ne parliate insieme.

Altra possibilità, se riducete il vostro disagio solo alla sfera sessuale, una consultazione da un sessuologo/a

Se vuole mi ricontatti

Gentilissimo,

perchè parla come se la cosa non fosse risolvibile? Di che cosa ha paura veramente?

Si rivolga ad uno psicoterapeuta della sua città, vedrà che riuscirà a comprendere le origini del calo della libido che tanto la preoccupa e ad avvicinarsi alla sua compagna con rinnovato piacere.

Resto a disposizione

Salve Daniele, da quello che scrive il problema si presenta da qualche giorno ed è un tempo troppo breve non solo per fare diagnosi, ma anche per escludere una semplice reazione di stress o stanchezza momentanea. La distanza può essere una variabile importante, ma andrebbe valutata in un tempo più lungo di qualche giorno. Se il problema dovessero ripresentarsi consecutivamente per le prossime 2-3 settimane, allora può contattare il suo medico di base e partire da lì per chiedere una consulenza. Spero di averla aiutata, Buona giornata. 

Un sintomo (la mancanza di eccitazione sessuale) rappresenta soltanto la punta di un iceberg emotivo fatto da una serie di vissuti, bisogni ed aspettative: è un blocco che potrebbe richiedere un'attenzione particolare per individuarne le cause e superarlo.

Dato che il problema si manifesta da pochi giorni è possibile che sia soltanto collegato ad una condizione temporanea di stress per via del cambiamento nello stile di vita e di lavoro ed a "nuove" riflessioni (non ancora del tutto consapevoli) sul significato del suo legame sentimentale. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'eccitazione sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come poter eliminare una perversione?

Sono un ragazzo che ha il feticismo per i piedi femminili, un certo masochismo, mi piace essere ...

7 risposte
Asessualità?

Buonasera a tutti, io sono Gioele e ho 18 anni. Il dubbio che mi spinge a fare questa domanda ...

1 risposta
Varie problematiche sessuali di coppia

Salve, mi chiamo Giulia e ho 26 anni, sono fidanzata da un anno e mezzo e ultimamente sto avvertendo ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.