Dipendenza affettiva - Dott.ssa Luigia Cannone

Nella vita di relazione il fenomeno della dipendenza affettiva é più presente di quanto si creda. Sono numerose le persone che difronte alla paura del vuoto e della solitudine preferiscono rimanere  in legami  con persone che sono causa di profonda sofferenza e di infelicità.

Certamente separarsi é un 'esperienza difficile e molto dolorosa , cosicché anche quando il rapporto non funziona, anche quando tutto fa male, si resta insieme odiandosi o distanziandosi, ritornando nel rapporto, ma sempre tormentati da dubbi, sensi di colpa e paure.

Le conoscenze attuali ottenute con gli esami di imaging cerebrali indicano che le persone innamorate presentano un 'attivazione di alcune regioni del Sistema Nervoso Centrale attive  anche nelle dipendenze da sostanze (Acevedo et al.2011). Vengono coinvolte regioni cerebrali del sistema di ricompensa ( reward system) e le vie dopaminergiche associate all'energia, alla concentrazione, alla motivazione, al desiderio intenso .

Poiché l 'amore intenso si associa a una serie di aspetti rilevabili nelle dipendenze, molti psicologi sono giunti a ritenere che esso abbia le potenzialità per diventare una dipendenza. ( Griffin Shelley, 1991et al.). Si parla di una dipendenza positiva quando l 'amore é reciproco, non dannoso e opportuno ( cioè nessuno dei partner é sposato con altri o ha abitudini di vita inappropriate), e di  una dipendenza negativa quando il sentimento amoroso é inappropriato, dannoso, non corrisposto e/o respinto.

Le persone coinvolte in relazioni intense presentano tutti e quattro i caratteri tipici delle dipendenze: desiderio intenso, tolleranza, sintomi di astinenza e recidiva. Come tutti i soggetti affetti da dipendenze bramano l 'amato, si sentono di buon umore quando pensano a lui. Con l 'instaurarsi della tolleranza, gli innamorati ricercano srmpre di più le persone amate. Se queste interrompono la relazione, presentano i tipici sintomi dell 'astinenza :proteste, crisi di pianto, ansia, insonnia o ipersonnia, perdita dell 'appetito o eccessi nell 'alimentazione, irritabilità e tendenza ad isolarsi.

La dipendenza é pericolosa. La dipendenza affettiva é l 'antitesi dell 'amore verso sé e verso l'altro. Spesso il dipendente non ha imparato a sviluppare caratteristiche come l 'amor proprio e l 'autostima,  e ' un indeciso. Instaurare una relazione con un partner "intraprendente" compensa queste mancanze e con il tempo l'altro sarà sempre più indeciso e insicuro.

Tuttavia occorre ricordare che entrambi i partner sono responsabili della propria condizione di dipendenza.

È importante non dimenticare che è possibile uscire da una relazione distruttiva e che si può guarire ma occorre impegno, molto impegno.

É importante credere nel proprio valore e recuperare pienamente la propria autonomia.

commenta questa pubblicazione

Sii il primo a commentare questo articolo...

Clicca qui per inserire un commento

AREA PROMO

Dott.Simone Carletti

Psicologo, Psicoterapeuta - Pesaro e Urbino

  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Disturbi d'Ansia e dell'Umore
  • Problematiche legate all'autostima
  • Disturbi alimentari
  • Psicoterapia della Gestalt
  • Difficoltà educative e del comportamento nel bambino e nell'adolescente
  • Disturbi del comportamento alimentare
  • Disturbo d'attacco di panico
  • Disturbi dell'umore
  • Consulenza e Psicoterapia individuale, di coppia e familiare
  • Dipendenze (affettive, sesso, cibo, gioco d'azzardo, ecc.)
  • Difficoltà lavorative e mobbing
  • Sostegno psicologico
  • Paranoia e Manie di Persecuzione
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web