Dipendenze

Il rapporto tra droga e aggressività

12 Giugno 2017

contattami

Condividi su:

La droga - comprendente tutti tipi di sostanze che creano dipendenza - ha fatto rilevare una connessione con il comportamento aggressivo, in quanto alcune presentano un'azione inibente sul comportamento, altre un'azione diretta stimolante del sistema nervoso centrale (SNC), altre ancora una risposta derivante dall'astinenza, che si presenta laddove vi è un'interruzione dell'assunzione.

Il comportamento umano attraverso la valutazione dei fattori biologici ed ambientali, soprattutto di questi ultimi, può presentarsi aggressivo verso l'esterno, ma anche verso se stessi. Tale aggressività nel momento in cui diventa eccessiva, nel senso che il soggetto non riesce più a gestirla, a controllarla, ad adeguarla alle diverse situazioni, a sublimarla verso attività personali di tipo creativo si definisce "patologica". Molti autori contemporanei, in primis Dollard, sostengono che essa può causare o trasformarsi in fattore primario di malattie psicosomatiche come la colite, l'asma, l'ulcera o la stessa ipertensione.

Se l'aggressività è un comportamento presente sia nell'uomo che nell'animale, e si manifesta con un'azione finalizzata che minaccia l'integrità dell'organismo ed è rivolta verso se stesso o verso il mondo esterno. E' opportuno ribadire che esistono "fattori predisponenti", intesi come anomalie neurofisiologiche, abbandono o abuso nella prima infanzia, vulnerabilità su base genetica, clima ambientale di permissivismo estremo, "fattori di rischio" come le patologie psichiatriche, la prersenza di preesistenti atti auto ed eterolesivi, l'intossicazione e l'uso di sostanze ed anche di alcool, "fattori inibitori" cioè la presenza di pensiero astratto, il livello educativo scarso, la paura del rimprovero, la difficoltà all'adattamento alle norme sociali e culturali, il condizionamento religioso.

Fattori economici come l'instabilità occupazionale, la povertà, l'inestenza di rapporti familiari e con figure di riferimento, hanno anch'essi la loro incidenza.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Dipendenze"?

Domande e risposte

Voglio continuare a tagliarmi

Allora nonostante gli antidepressivi voglio tagliarmi sono riuscita a non tagliarmi per un mese ma ...

4 risposte
Mio marito fa uso di droga, specialmente di cocaina e adesso anche crack

Come si fa a convivere con un marito che ha fatto uso per anni di cocaina, a mia insaputa, e da 3 ...

3 risposte
Padre forte bevitore

Mio padre 67enne ha iniziato a eccedere col vino negli ultimi anni (in più prende benzodiazep ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.