Disturbi del sonno

Il semplice trucco che potrebbe curare l'insonnia secondo gli esperti

15 Novembre 2020

contattami

Condividi su:

L'insonnia è il disturbo del sonno più frequente e in Italia colpisce più di 12 milioni di persone. Tuttavia, affinché una persona venga diagnosticata con questo problema, deve avere problemi di sonno per almeno quattro settimane.

I tre tipi principali di insonnia sono i seguenti:

• Insonnia iniziale, ovvero difficoltà a conciliare il sonno.

• Insonnia da mantenimento o sonno intermittente.

• Insonnia tardiva o risveglio precoce.

Le persone di solito vanno dal medico quando hanno problemi ad addormentarsi nelle prime ore della notte e per non ricorrere alla chimica ed evitare di "contare innumerevoli pecore" si consigliano diverse cose:

-che la stanza sia mantenuta ad una temperatura adeguata (non troppo freddo nè troppo caldo, intorno ai 21 ° C)

-che non si faccia attività motoria almeno nelle due ore prima di dormire e che non si guardino i dispositivi elettronici prima di addormentarsi

-quando possibile, fare un bagno caldo per acclimatarsi e rilassare il corpo prima di dormire.

La comunità medica ha condotto uno studio sull’importanza del buon riposo e sulle caratteristiche del letto in cui si dorme. La ricerca in particolare ha indagato l’importanza delle caratteristiche della COPERTA nella cura dell’insonnia.

Uno nuovo studio ha dimostrato che una coperta che ha un peso maggiore potrebbe essere utile quando si tratta di riposare senza rigirarsi e rigirarsi continuamente nel letto.

 La bella notizia viene da un'analisi svedese, in cui i suoi ricercatori hanno testato l'efficacia delle coperte su 120 pazienti adulti con insonnia per quattro settimane come parte di uno studio controllato ( stando a quanto riferisce la rivista “Best Life" ).

Hanno scoperto che quei volontari che hanno usato la coperta avevano il 26% in più di probabilità di sperimentare una riduzione fino al 50% della gravità della loro insonnia, rispetto a coloro che non l'hanno usata, ed aumentava di 20 volte in più la probabilità di ottenere la remissione completa del loro disturbo del sonno.

...E la buona notizia non finisce qui: i pazienti che appartenevano al gruppo delle “coperte” non solo hanno sperimentato un migliore mantenimento del sonno, ma hanno anche riferito più reattività durante il giorno e meno sintomi di stanchezza, depressione e ansia.

Un follow-up dello studio ha rilevato che i risultati sono stati sostenuti per un anno.

"Una spiegazione di tale effetto calmante è la pressione applicata dalla coperta in diversi punti del corpo, stimolando i muscoli e le articolazioni in modo simile alla digitopressione e al massaggio", ha spiegato lo psichiatra svedese Mats Alder, ricercatore principale dello studio.

La pressione applicata dalla coperta in diversi punti del corpo può stimolare i muscoli e le articolazioni. Qualcosa di simile a quando ricevi un massaggio.

Questa non è la prima ricerca che scopre i vantaggi di dormire con una coperta più pesate. Un'altra analisi del 2015 aveva già spiegato che il suo utilizzo aveva un impatto positivo sul nostro riposo e migliorava la qualità del sonno. Potrebbe sorprendervi, ma questo metodo viene utilizzato dalla comunità medica come forma di terapia non solo per curare l'insonnia ma anche altre condizioni come ad esempio l'ansia generalizzata e il disturbo da deficit di attenzione.

 "Molti bambini con autismo o disturbi comportamentali usano queste coperte. È uno degli strumenti sensoriali più comuni utilizzati nelle unità psichiatriche", afferma Cristina Cusin, assistente professore di psichiatria presso la Harvard Medical School.

 

GLI ABBRACCI RIDUCONO IL CORTISOLO

Ma quale potrebbe essere la migliore coperta per te se soffri di insonnia?

Il suddetto studio del 2015 consiglia di coccolarsi sotto una coperta che è circa il 10% del proprio peso corporeo per ottenere i migliori risultati.

Cioè, se pesi circa 70 chili, dovresti comprarne una di sei. E se dormire sotto una coperta pesante ti preoccupa un po', puoi sempre scegliere l’altra strada: avere qualcuno che ti abbraccia!

L’abbraccio è considerato e comprovato come modo efficace per abbassare i livelli di cortisolo (ormone dello stress) e aumentare i livelli di ossitocina!

Dr.ssa Nadia Calderaro

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi del sonno"?

Domande e risposte

Disturbo del ritmo sonno-veglia. possibili cause e soluzioni

Ai gentili professionisti che leggeranno, qui di seguito espongo dapprima il problema, in seguito ...

5 risposte
Ma sono impazzita?

Gentili Signori, Aver bisogno di un consiglio o chiarimenti. L'arco di 8 giorni, non saprei esattam ...

3 risposte
Insonnia

Salve sto attraversando un terribile periodo dove ho problemi di insonnia grave premetto che passo ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.