Disturbi dell'alimentazione

Il mio fidanzato non capisce il disturbo alimentare di cui soffro

Patrizia

Condividi su:

Buonasera,
Sono una ragazza di 25 anni e sono fidanzata da quasi 9 anni. Lui è stato il mio primo fidanzato e lo stesso vale per lui. Lui è la mia anima gemella, siamo complementari. Il nostro è uno di quegli amori destinati a non finire mai. A volte tuttavia non mi sento compresa, capita. Lui è una persona pragmatica, razionale, logica, ha avuto una vita molto difficile che lo ha indurito, mentre io sono empatica e sensibile. Ciò non toglie che non lo sia anche lui, anzi, ma ha difficoltà a comprendere il disagio in cui vivo ormai da circa 8 anni. Inizialmente usavo le condotte compensatorie come il vomito. Vomitavo tutti i giorni anche 4 volte al giorno. Poi ho compreso che quella situazione non poteva continuare oltre. Dopo circa due anni ho smesso. Ho iniziato ad avere invece comportamenti restrittivi nei confronti del cibo. Non sono anoressica, vado in palestra, mi piace lo sport, cerco di non mangiare grassi durante la settimana per mangiare magari di più nei weekend, tuttavia questi pensieri ossessivi nei confronti del cibo mi fanno sentire imprigionata. Ogni giorno programmo i pasti, cerco di contare le calorie per compensarle. Il mio compagno è a conoscenza di tutto e probabilmente la sua paura che io possa peggiorare da un momento all'altro lo porta a dire frasi del tipo "mangia", "devi mangiare di più", "sei troppo magra fidati". Ciò mi fa sentire incompresa, delusa, triste. A volte non mi parla per qualche ora perché arrabbiato che io mangi poco. Io lo so che lui a modo suo cerca di aiutarmi, tuttavia questo non è il tipo di aiuto di cui ho bisogno. Non so come cercare di farglielo capire, ho provato più e più volte a farglielo capire. Grazie

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Per affrontare il suo problema e perché questo non gravi anche sulla sua relazione le consiglio di andare in terapia. Questo le potrà servire a conoscersi meglio e vedere cosa c'è che non la fa stare bene al di là dei sintomi. Se vuole sono a disposizione, in ascolto e senza giudizio poiché la terapia è un luogo protetto e sicuro da cui partire per stare meglio.

Carissima, stai facendo qualcosa per il tuo disturbo? Sembra da come lo descrivi, che questo disturbo in realtà, per te, sia "egosintonico", ovvero, tradotto in semplicità, che sia entrato nella tua vita e tu ti ci sia adattata, e lo viva, dopotutto, come una condotta che semplicemente fa parte di te. Mi chiedo quindi, vedi realmente il problema, o semplicemente sai che esiste, ma ci stai "comoda"? So che sono domande molto dure, ma talvolta chi ci ama ed è intorno a noi con frasi e messaggi riesce a farci sentire quel disagio che non sentiamo invece per il disturbo primario. Il tuo ragazzo forse si sente disarmato e non sa come aiutarti, anche perchè sembra che tu non stia attuando richieste di aiuto, ma solo richieste di accettazione "non accetta il mio disturbo". Prova ad aprirti ad una conversazione con lui e prova a vedere cosa lo fa allarmare, cosa sente. Prova anche tu a stare realmente con lui, apriti e ascoltalo. Cerca di avere un dialogo aperto sia nel parlargli che nell'ascoltare il suo vissuto, perchè non ha molto senso dire che siete -"fatti l'uno per l'altro forever" quando su temi importanti non riuscite a stare!!!!


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'alimentazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Cosa posso fare affinché i problemi familiari che vivo non interferiscano più con la mia vita?

Sono 4 anni che soffro di disturbi dell’alimentazione, ho già affrontato un percorso ...

8 risposte
Come devo reagire alla fame compulsiva

Salve sono Arianna, ho 25 anni. Da circa 3 anni soffro di disturbi dell alimentazione per via di ...

5 risposte
Paura di ingrassare

Allora ho quasi 15 anni e sono autolesionista in cura e appunto anche io voglio tirarmi fuori da sta ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.