Disturbi della personalità

Bipolarismo e relazioni interpersonali

Francesca

Condividi su:

Salve,
Vi scrivo, perché non so più dove sbattere la testa. La mamma del mio ragazzo soffre di bipolarismo da praticamente sempre, ma la sua situazione si è aggravata negli ultimi 10 anni.
A seguito di una sua crisi molto forte, questa estate, in cui ha aggredito il marito fisicamente, anche le cose tra il mio fidanzato e me, hanno iniziato ad incrinarsi e gli stessi identici problemi si erano presentati lo scorso anno, nello stesso periodo.
So che le persone affette da bipolarismo hanno delle fasi "cicliche" di up e down, e mi sembra che le "crisi esistenziali", che affliggono il mio fidanzato accadano in corrispondenza di quelle della madre.
Quello che volevo chiedere è: c'è una possibilità che anche lui possa sviluppare questo disturbo? Come posso eventualmente riconoscerlo? E' possibile che la situazione in casa riesca ad influenzare così tanto il nostro rapporto? Ho provato a suggerirgli un percorso di psicoterapia (io stessa ne ho seguito uno a seguito di un grave lutto e pensavo potesse aiutarlo), ma non vuole sentirne parlare. Ora è chiuso in se stesso e ha allontanato sia me che gli amici dalla sua vita.

Parlando con questi ultimi, mi confermano che lui soffre molto di questo e che isolarsi è il suo modo per affrontare la cosa. Come posso comportarmi in questa situazione? E' un problema che fa soffrire anche me, perché ci sentiamo tutti i giorni, ma non ci vediamo ormai da due mesi.
Vi ringrazio in anticipo e spero di aver spiegato in maniera chiara il problema.

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Francesca, immagino le difficoltà e il dolore che vive. Emerge bene dalle sue parole. Il disturbo bipolare può avere una familiarità ma non e’ sempre così. Forse sarebbe bene che il suo ragazzo facesse una visita psichiatrica, anche per capire come gestire questi stati di isolamento. Lei ha già fatto tanto, provando quotidianamente a stargli accanto e consigliando uno psicologo. Ma vede, sole se sarà lui stesso a capirne la necessità lo farà, altrimenti rischia di diventare per lei una sconfitta e per lui un tormento. Provi a tranquillizzarlo, provi a chiedergli come lo può aiutare in modo tale da valutare cosa potete realmente fare. Forse e’ solo spaventato perché teme di essere anche lui bipolare e il rifiuto di una visita e’ dato da questo. Lo tranquillizzi più che può, anche con esempi di conoscenti. Mi faccia sapere come va.

Salve Francesca


Sono dispiaciuta per la sua sofferenza, mi chiedo lei ci vuole proprio stare in questa situazione in cui il suo fidanzato non vuole nessun aiuto? E perché ci vuole stare?


Certo i problemi psichici possono avere le caratteristiche della familiarità, ovvero passare nella famiglia come comportamento appreso.


Probabilmente le crisi di sua suocera, per qualche motivo, richiamano il figlio a casa e quindi non favoriscono la sua autonomia. Non credo che lei possa fare altro che mettere il suo fidanzato davanti alla necessità della cura e diradare le telefonate. Che ne pensa?

Buonasera, capisco bene la preoccupazione che ha espresso molto chiaramente in questa lettera. Non per forza lui svilupperà la stessa patologia della madre, dipende sempre da come si reagisce alle cose che capitano nella vita e da che uso se ne fa. Non riesco a dare un consiglio, anche perché lo psicologo non dà consigli, però penso che magari andare in terapia insieme possa aiutare lui a mettersi in gioco con un appoggio a fianco e a lei anche di esprimere ciò che ha dentro, visto che la lettera in questa sede l'ha scritta lei. Le auguro buona giornata.

Buongiorno Francesca, la diagnosi di bipolarismo non è difficile da gestire sotto l'aspetto medico poichè ci sono dei farmaci molto efficaci, vanno però effettuati controlli periodici molto ravvicinati (3/6 mesi)!! Ritengo, inoltre, che occorra anche un sostegno psicologico con frequentazioni inizialmente settimanali che nel tempo possono essere diluite.


Per quanto riguarda l'atteggiamento sintomatico del Suo ragazzo, non è facile poter dedurre se anche per lui può trattarsi di sindrome bipolare; per saperne di più credo che, invece di consigliargli direttamente uno psicologo, dovrebbe chiedere una visita al proprio medico curante per un'eventuale visita neurologica (di solito questa visita viene accettata meglio di quella psichiatrica/psicologica). Il fatto che rifiuti lo psicologo è perchè forse anche lui ha dei timori e quindi oppone resistenza a qualsiasi tipo di diagnosi. Tuttavia non è detto che le 'crisi esistenziali' ed il comportamento di isolarsi denotino lo stesso disturbo materno! Potrebbe trattarsi di semplice fragilità caratteriale/emotiva il cui approccio psicoterapeutico, in effetti potrebbe essere molto utile. Con i miei migliori auguri La saluto cordialmente

Cara Francesca,


immagino che sia una situazione caotica e svilente. Purtroppo situazioni come quelle che riguardano la mamma del suo ragazzo finiscono sempre col segnare il nucleo famigliare principale e quello allargato. Non è detto che il suo ragazzo soffra dello stesso disturbo ma potrebbe anche soffrirne, ciò che è molto probabile è che essendo comunque stato esposto a un modello patologico porti con in sè dei tratti del disturbo stesso ed anche tutti i modi che ha appreso per difendersene ( vedi l'isolamento). Tuttavia non credo che lei possa avere o padroneggiare gli strumenti per comprenderlo ( anche perchè le sfumature del disturbo sono notevoli) e darle indicazioni a riguardo mi fa credere che le farebbero solo vedere il disturbo in ogni dove, anche perchè ovviamente questa è una sua paura. Credo abbia fatto bene a consigliare una terapia al suo ragazzo ma se lui non vuole in effetti non servirebbe a molto. Ha pensato magari ad una terapia di coppia mirata proprio ad affrontare la vostra relazione rispetto a questi momenti di crisi, magari lui si sentirebbe meno etichettato e in effetti lei troverebbe sostegno rispetto al vostro rapporto. In questa sede e con la scarsità di dettagli che essa consente posso solo aggiungere purtroppo quel disturbo crea una situazione di "On-OFF" relazionale e chiunque stia intorno si ritrova a vivere questo stato lei compresa. E' faticoso e doloroso ma inevitabile e toccare certi equilibri o forzarli è rischioso. Se il suo ragazzo dovesse rifiutare anche la possibilità di una terapia di coppia, provi allora lei a considerare delle forme di autosostegno per i momenti in cui le tocca ( di conseguenza a tutta la situazione) stare off e approfitti epr dedicarsi a sè, se tuttavia sente che il peso cresce provi allora lei stessa ad affidarsi a qualcuno, magari epr sporadiche consulenze di sostegno in cui potrà alleggerirsi del carico e magari trovare indicazioni mirate e a fuoco sulla situazione e il momento che sta vivendo. Spero intanto di esserle stata d'aiuto. Un caro saluto.

Buongiorno Francesca, 


non è facile convivere con una persona affetta da disturbo bipolare, in particolare quando è un nostro genitore ad esserne affetto, questo perché nel normale processo evolutivo in cui il bambino si forma una “idea della mente “ dell’altro, in base alla quale fare previsioni, gestire i rapporti, e regolare le proprie emozioni nella relazione di accudimento, la coerenza del caregiver è fondamentale. Trovarsi di fronte un genitore dalle reazioni imprevedibili e sproporzionate interferisce profondamente con questo processo, incidendo sull’attaccamento e la regolazione emotiva del bambino stesso. In parole povere non deve essere stato semplice per il suo fidanzato. Da un punto di vista clinico la ricerca genetica dei fattori determinanti il disturbo sembra aver rintracciato il coinvolgimento di svariati geni, che interagiscono tra loro in modo complesso, ma non è ancora stato compreso quali siano quelli direttamente responsabili e con quale meccanismo portino alla patologia; in altre parole si presume ci sia una componente genetica, per rispondere alla sua domanda, ma non si sa in che misura o in che modo operi. Una relazione emotiva implica anche la cura dell’altro, ma non dovrebbe diventare una relazione che ha quello come principale obiettivo. Ha fatto bene a consigliare un ascolto professionale, ma purtroppo deve esserci una motivazione personale al trattamento. Deve essere il suo ragazzo per primo a riconoscere la sua sofferenza, indipendentemente dalla possibilità di avere o meno un disturbo bipolare. 


Se volesse approfondire l’argomento o non le fosse chiara la mia risposta mi può contattare privatamente.

Salve Francesca, il suo ragazzo vive in famiglia una grande difficoltà e sicuramente questo incide molto su come lui si sente e sul vostro rapporto. Non c'ě una corrispondenza diretta tra la patologia materna e le manifestazioni comportamentali del suo compagno, ma senza dubbio il suo ragazzo potrebbe presentare delle fragilità di base che si acuiscono in corrispondenza delle crisi della mamma. Un percorso psicoterapico sarebbe stato molto utile, ma purtroppo una condizione fondamentale ė la motivazione della persona che qui mi sembra non esserci. Capisco che possa essere una situazione davvero estenuante, ma al momento lei non può fare altro che stargli vicino, se questo ė quello che vuole. La invito infatti a chiedersi cosa prova per questo ragazzo, cosa desidera da una relazione, cosa la fa stare bene nel suo rapporto e se può essere disposta a tollerare il malessere del suo ragazzo se non dovesse cambiare.


Un augurio di cuore per la sua vita.

Cara Francesca,


quella che descrivi non è di certo una situazione facile. In primis per il tuo fidanzato. Vorrei rassicurarti sul fatto che è più che normale che lui soffra per la situazione a casa, e che inevitabilmente questo si ripercuota poi nella sfera relazionale. Tuttavia le modalità con cui lui affronta questa sofferenza non sono efficaci, poichè il fatto di chiudersi e allontanarsi da tutti i legami importanti della sua vita non lo aiutano a superare il dolore. Sicuramente se lui affrontasse un percorso psicologico gli sarebbe di grande aiuto, anche perchè in una situazione di questo tipo non è tuo compito e responsabilità farti carico del problema, soprattutto se di ritorno non hai la sua vicinanza e il suo amore. Io fossi in te lo metterei alle strette, non mi farei sentire per un pò a meno che lui non decida di intraprendere un percorso con un professionista. Forse finchè sa che ci sei si appoggia a questo e continua con le solite modalità, venendogli a mancare il tuo appoggio sarà costretto a rivolgersi ad altri. Per quanto riguarda la possibilità che anche lui sviluppi il bipolarismo ritengo che avendo superato la fase critica con cui questo normalmente esordisce i rischi sono limitati, sta solo soffrendo molto. Un consiglio per te: in questo momento in cui lo senti lontano cerca di distrarti, dedicati a ciò che ti piace fare, prenditi cura di te, esci con le tue amiche e non sentirti in colpa di nulla, se avrà bisogno di te sarà lui a chiedertelo e tu sarai ben felice di stargli accanto. Spero di esserti stata d'aiuto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco ad essere come gli altri

Dal titolo non si capisce bene, io mi sento una persona normale, però credo che per gli altri ...

3 risposte
Psicosi e Maniadepressiva

Soffro di mania-depressiva da sempre, ma 16 anni fa, causa un pesante episodio di mobbing sul lavoro ...

2 risposte
Curare il disturbo paranoide di personalità

Buongiorno, Una persona di famiglia a me molto cara (uomo di25 anni) sta seguendo un percorso di ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.