Disturbi della personalità

Vita buttata

Giancarlo

Condividi su:

Buongiorno,
sono un uomo di 51 anni che non si è realizzato in nessun ambito (affetti, lavoro, sociale) e che si trova per questo motivo in una sofferenza psicologica davvero importante. Ho vissuto in famiglia una situazione di comodo che però mi ha impedito di mettere a fuoco quello che è davvero importante nella vita, ed infatti l'evento scatenante è stato proprio la fine di un rapporto di coppia con una persona che ha cercato in tutti i modi di spronarmi ma che io ho ignorato credendo ancora di poter vivere anche la storia con Lei nel modo superficiale in cui ho vissuto.

Ora mi trovo del tutto allo sbando e sto pensando di rivolgermi a uno specialista perchè nessuno di chi mi è intorno (famiglia e pochissimi amici) è realmente in grado di aiutarmi, ma non so davvero come procedere.

Vi ringrazio per l'eventuale attenzione.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Giancarlo, 


mi ha molto colpita la sua richiesta per la schiettezza e la consapevolezza circa la propria condizione, le proprie responsabilità e la propria sofferenza. Può sembrare banale ma ci sono tutti i requisiti perché lei possa, sebbene in ritardo rispetto a ciò che avrebbe desiderato, prendere in mano la sua vita e farne qualcosa di davvero bello.


Mi farebbe piacere aiutarla e vedere dove la porterà questa nuova fetta di vita.


Se vuole può scrivermi o contattarmi.


Le auguro una buona serata


 

Buongiorno Giancarlo,


il disagio che descrive necessita di una analisi approfondita per identificare le diverse cause. La Sua insoddisfazione è troppo diffusa per non intervenire, per questo Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta che può aiutarLa a comprendere, acquisire maggiore consapevolezza di sè e della Sua condizione attuale e individuare una strategia per costruire un nuovo benessere. L’approccio psicoanalitico è quello più indicato alle Sue esigenze. 

Giancarlo buon pomeriggio, nessuna vita e' buttata, soprattutto quando si inizia ad avere la lucidità e la consapevolezza di ciò che non va' più bene e che,con gratitudine, per averci destati, ci spinge ad intraprendere nuovi percorsi più attinenti alla nostra vera natura. Amarsi e' il primo passo per una rivoluzione interiore e molto spesso le sicurezze di cui parla e che accettiamo di vivere ci impediscono di mettere a fuoco ciò che davvero e' importante per sé stessi. Amarsi e' osservarsi, accogliersi e integrare, affrontandole, tutte quelle parti di noi che per anni abbiamo tenuto a bada per paura, sfiducia e non curanza, ma che vogliono solo essere riconosciute e validate. Un saluto.

Buongiorno signor Giancarlo,


leggendo le sue parole colgo una certa amarezza, una tristezza ed un tono di autocritica.


Mi colpisce il titolo scelto per il suo messaggio e che chiuda ringraziando per "l'eventuale attenzione". Come se non ci fosse spazio dentro di lei per riconoscersi una possibilità o un diritto di realizzarsi.


E' un messaggio duro.


Sembra emergere, però, anche un desiderio, una speranza se vuole, di poter avere una mano a affrontare i suoi problemi.


Sulla base di questa speranza le propongo di contattarmi per un colloquio esplorativo e per provare a fare il punto della sua situazione.


In attesa di un riscontro le porgo cordiali saluti.

Ciao Giancarlo, comprendo la tua posizione, sei in un momento in cui stai prendendo coscienza dei tuoi vissuti e questo ti turba profondamente.


Credo che questa consapevolezza che stai sperimentando forse perchè ad un certo punto la vita ti ha messo di fronte una scomoda realtà sia in effetti il primo passo verso un cambiamento e la costruzione di una nuova vita.


Ti consiglio di rivolgerti ad un terapista che ti aiuti a guardare meglio in te stesso e a elaborare un nuovo percorso di vita.


Ciao

Buonasera Giancarlo,


Capisco la situazione e non deve essere semplice gestire quello malessere. Credo davvero, come dice lei, che la fine della relazione con la sua compagna sia stato l'evento scatenante del malessere, o meglio, ciò che l'ha fatta riflettere e l'ha portata ad un'insoddisfazione personale in tutti gli ambiti. Le consiglio di rivolgersi ad un professionista che sicuramente l'aiuterà .


In bocca al lupo

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo di personalità che persiste..

Qualche anno fa mi hanno diagnosticato un disturbo narcisistico di personalità e quello borde ...

2 risposte
Ho strutturato la mente in questo modo: qual è il motivo e come posso cambiare?

Salve, sono una ragazza e ho 27 anni. Nella mia infanzia ho avuto il trauma dell'edipo con mio padre ...

4 risposte
ex bipolare

Buonasera, sono appena uscita da una brutta storia sentimentale durata a fasi alterne per ben 15 ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.