Amore e dipendenze

Jessica

Sono uscita per quattro mesi con un ragazzo di 32 anni che mi ha confessato di aver avuto un passato in cui è stato dipendente da cocaina (uso quotidiano) da cui è uscito senza aiuto di nessuno. Allo stesso tempo mi ha detto che ogni tanto ne fa uso, l'ultima volta a settembre a una festa. Non ho capito la frequenza perché a me è bastata questa informazione per andare in totale crisi. Io sono molto presa e innamorata ma non riesco a fidarmi pensando che possa ricadere in questa dipendenza. Fuma marijuana quotidianamente ma questa cosa non mi turba allo stesso modo. Non riesco ad accettarlo per cui l'ho lasciato una settimana fa per evitare di inserirmi in una relazione tossica. Accetto consigli, non so se ho fatto la scelta giusta.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Jessica, mi spiace moltissimo per la situazione che descrive poichè posso comprendere il disorientamento sperimentato. Ritengo che in queste circostanze non ci siano comportamenti giusti o sbagliati: ha fatto ciò che riteneva opportuno fare, e va bene così. Se può esserle utile, credo che un consulto psicologico possa aiutarla ad esplorare meglio la situazione.

Resto a disposizione, anche online.

Cordialmente, dott FDL

Si certo, si è già resa conto della sofferenza e della tossicità, come appunto lei stessa la definisce, della relazione.

Cerchi di rimanere concentrata su di se e sulle sue sensazioni.

La mente tenderà spesso ad ingannarla proponendo false speranze o illusioni perchè spinta dal sentimento.

Segua il suo sentire che difficilmente la ingannerà.

Dr. Veronica Marziliano