Droghe e psiche

Come aiutare il proprio compagno per droga e depressione?

Liviana

Condividi su:

Buongiorno,
da 3 anni sto con un ragazzo trentenne, che in gioventù è stato in comunità per disintossicarsi da droghe pesanti.
E' un precedente importante, perché ricorre alla droga in ogni momento difficile, specialmente ora che è in grave depressione per via del lavoro. Non riesce a trovare, ma nemmeno a mantenere un'occupazione perché non sa più gestire i suoi sbalzi di umore. Spesso è preso da crisi di rabbia, che riversa su di me verbalmente, ma anche sui suoi familiari e su tutti quelli che incontra anche per strada, se gli fanno qualche minimo sgarro. Quando non ha le crisi di rabbia, è depresso e dorme o assume sostanze per alleviare un po' la sua insoddisfazione ed infelicità. Il problema di fondo è che il suo stato mentale non gli permette di lavorare, quindi nessuno lo assume, non ha soldi e si sente un fallito, quindi è un circolo vizioso.

Abitiamo da poco a Milano e vorrei capire che percorso potrei fargli intraprendere, quali strutture assistenziali esistono, a chi mi potrei appoggiare, perché al momento sono sola a sostenerlo anche finanziariamente ed io, o la madre, siamo costrette a finanziare il suo "sballo", altrimenti minaccia di uccidersi.
Grazie per i consigli.

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Liviana,


se il suo compagno volesse sinceramente aiutarsi per uscire fuori dai suoi problemi depressivi e di tossicodipendenza si sarebbe già attivato lui stesso. Il suo compagno utilizza il suo affetto, insieme a quello dei familiari, per indurla a cedere ai suoi ricatti psicologici. Tant'è che ottiene quello che vuole (i soldi per "sballarsi"). Rifletta su questo. 


Comunque, per rispondere alla sua richiesta, per le problematiche relative alla tossicodipendenza esiste il servizio pubblico del Sert, per incominciare. Dopodiché si potrebbe vedere per qualche comunità terapeutica.


... ... ... 


Liviana, per la descrizione della situazione che ci ha fatto, valuti seriamente la possibilità di aiutare se stessa (in primis) per proteggersi ed imparare a gestire un rapporto assolutamente sbilanciato.


Io glielo auguro.


Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Droghe e psiche"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Padre cocainomane

Salve! Aspetto un figlio da un tossicodipendente (ho capito tardi) a cui voglio molto bene. Volevo ...

3 risposte
Allucinazioni cocaina

Buonasera vorrei sapere come posso aiutare mio figlio. Ultimamente è fissato che le hanno ...

1 risposta
Cosa devo fare con un marito e padre cocainomane?

Buongiorno, da circa un mese ho scoperto che mio marito fa uso di cocaina (oltre a cannabis da ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.