Fobie

Eritrofobia, fobia sociale, solo un fattore psicologico??? Metodi naturali?

Rebecca

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 22 anni, due anni fà ho iniziato a soffrire di attacchi di panico dopo un forte accumulo di stress, dovuto a delle situazioni con persone che hanno vissuto con me, ma ho notato anche che in quel periodo ci furono 40 gradi e diedi anche un po' la colpa al caldo, in quel periodo vivevo all'estero, poi son tornata in italia e ho iniziato a soffrire di eritrofobia, faccio un lavoro in cui devo stare a contatto con tante persone in uno spazio piccolo ed interagire.

Purtroppo mi capita sempre di arrossire, con le clienti, con le mie colleghe e a volte anche con i miei amici, e famiglia, evito spesso di uscire, e ho paura di incontrare persone che conosco, mentre vado al lavoro o ovunque..per questo motivo..

Noto che questo arrossire mi succede soprattuto quando fa caldo, se entro in una stanza calda ho come una sensazione di poter esplodere dal rossore da un momento all'altro, e anche ora in inverno mi tolgo sempre il giubbotto quando sono in giro e a volte non riesco a respirare bene per l'ansia.. inoltre non riesco a controllare del tutto i miei pensieri, ho avuto pensieri ossessivi di cui ancora non riesco a liberarmene del tutto, a volte invece mi fissò su qualcosa fino a farmi venire attacchi di panico, anche se ora riesco a controllarli, ma ho spesso questa brutta sensazione dell'ansia che non mi fa respirare bene.

Un giorno mi è capitato di bere un succo di melograno fresco e di avere una sensazione strana come se niente avesse potuto farmi esplodere dal rossore, (anche se notai quella sensazione solo la prima volta) quindi feci una ricerca e notai che rientra nei betabloccanti? Ho letto che ci sono betabloccanti naturali da prendere per contrastare il rossore, ma il problema è che io soffro di pressione bassa.. mi chiedevo anche come sia possibile che soffra di ansia ma abbia la pressione bassa?
riguardo i betabloccanti appunto mi chiedevo se secondo lei sono un ottimo modo per cercare di contestare il problema?
Non parlo di farmaci, ma di rimedi naturali.
Ho visto anche che quando si soffre di queste cose di solito si danno farmaci per stimolare la produzione di serotonina e per calmare , come Ad esempio la "griffonia".
Mi chiedevo se esista un qualcosa che lavori sull'ansia, ma anche sul l'eritrofobia.. ma soprattutto se l'eritrofobia può essere dovuta a qualcosa di non psicologico?
Intendo,sicuramente dopo qualche episodio sfocia in qualcosa di psicologico, perchè tendiamo a fissarci su questo strano fatto, o almeno in questo caso parlo per me, ma in fondo puó essere dovuto a qualcosa come problemi di cuore, di circolazione o di qualcos'altro? A cosa può essere dovuta a parte la Psicologia? Non saprei da dove iniziare per curarmi. Sicuranente da uno psicologo, MA quali altri esami dovrei effettuare per scavare in fondo al problema?
Inoltre ho un fastidio cronico alle tempie.. che a volte prende anche i denti. C'è qualche correlazione?

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima,


il fatto che lei abbia consapevolezza di questa cosa è un fattore importante, oltre a quello di voler rivolgersi ad uno Psicologo.


Da ciò che lei scrive la natura di quello che le accade potrebbe essere di origine psicologica, è molto utile comunque rivolgersi al medico di base per escludere altre eventuali cause organiche.


Ci sono sicuramente (l’esempio del melograno) dei rimedi naturali che possono alleviare il disturbo che lei avverte, ma è fuorviante pensare che possano essere l’unica soluzione.


Se nella situazione di disagio tali rimedi non sono disponibili, cosa si fa?


Pertanto è indicato riscoprire delle strategie maggiormente funzionali per gestire quei momenti che le causano il disturbo per ristabilire una condizione di benessere.


Nel suo racconto emerge che l’arrossire in volto e il sentire calore avvengono in particolari situazioni. Sicuramente prima che ciò accada in modo più o meno conscio lei farà dei pensieri e delle valutazioni di quelle circostanze che producono quegli effetti.


Rivolgendosi ad uno psicologo potrà scoprire perché ciò le accade, inoltre potrà imparare a gestire quelle situazioni in modo più funzionale al suo benessere, utilizzando anche delle strategie per far fronte a quelle particolari emozioni (tecniche di rilassamento, tecniche di respirazione ecc.).


Augurandomi di esserle stato d’aiuto, resto a sua disposizione.


Cordialmente

Cara Rebecca,


non cerchi di curarsi da sola con medicine naturali o complementari, perché per esserne capaci è necessario correlare fra loro i diversi sintomi in modo coerente, cosa che lei non può essere in grado di fare, anche perché è la diretta interessata.


Si rivolga a un buon omeopata UNICISTA come primo passo. Come eventuale psicoterapeuta, scelga una persona che abbia almeno 20 anni più di lei e che sia di buon senso, oltre che preparata. Cerchi finché trova chi la fa stare a suo agio.


Tanti auguri di cuore.

Salve


anzitutto le consiglio di rivolgersi al suo medico curante spiegando i sintomi che manifesta, in modo da comprendere se ci possa essere un'origine medica al suo disagio. In secondo luogo potrebbe consultare uno psicologo nella sua zona  e capire l'origine della sua ansia. Inizi a ragionarci e a circoscrivere le situazioni in cui si manifesta il fenomeno, se ci sono momenti specifici in cui accade o se ha solo il timore devastante che qualcosa stia per accadere. Sono disponibile per ulteriori chiarimenti, può contattarmi in privato se vuole. I miei auguri! 

Vorrei innanzitutto tranquillizzarla. Arrossire è una reazione fisiologica, che avviene a causa di vari fattori sia ambientali (ad esempio per lo sbalzo di temperatura tra vari ambienti, oppure dopo una corsa) sia emotivi, come il provare una forte emozione. Per cui è una condizione assolutamente normale. 


Mi chiedo, perchè per lei è importante questa questione? Cosa succede se lei arrossisce? Ha paura di fare brutta figura al lavoro e che la gente intorno a lei pensi male di lei? Oppure, è collegato agli attacchi di panico, nel senso che l'arrossire per lei è il preludio ad un attacco?


Chi soffre di panico è estremamente attento ad ogni minimo cambiamento fisiologico e tende a confondere i normali segnali corporei, che nei momenti di tranquillità non vengono neppure considerati, con qualcosa di catastrofico (ad esempio sento battere più velocemente il cuore quindi mi verrà un infarto quando in realtà si è solo agitati per una certa questione oppure si è mangiato un pò pesante).


Le consiglio innanzitutto di cominciare un percorso di psicoterapia per almeno autarla a mettere in ordine la situazione presente e passata (le relazioni con le persone che descrive all'inizio); se vuole essere maggiormente tranquillizzata può parlare col suo medico di base dal punto di vista medico e farmacologico circa le domande sul funzionamento corporeo e sui betabloccanti ed altri rimedi, ma sono sicura che non le prescriverà nulla se non qualcosa di specifico per l'ansia.


Resto a sua disposizione.

Gentile,


per toglieri ogni dubbio dovrebbe rivolgersi ad un medico per eventuali controlli clinici. Potrebbe anche rivolgersi ad un omeopata per il rossore e l'ansia, una tisana di biancospino la sera comunque aiuta molto.


Per il resto, considerando che Lei stessa associa il rossore con attacchi di panico e anche pensieri ossessivi, un percorso terapeutico potrebbe essere sicuramente la strada migliore.


Un sintomo corporeo, associalto ad ansia e pensieri ossessivi, va lavorato in seduta,con constanza e senza timore.


Le consiglio un analista lacaniano, a Milano ce ne sono diversi.


A disposizione


Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Fobie"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

18 risposte
Mio figlio ha questi attacchi di panico!

Salve vi contatto per avere una vostra opinione in merito alla situazione di mio figlio: lui ha ...

6 risposte
Sociofobia: come uscirne?

Salve, sono una ragazza di 22 anni e credo di soffrire di sociofobia. Leggendo forum sul web e guard ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.