Problematiche sociali

Il senso di colpa

15 Ottobre 2017

contattami

Condividi su:

Tra le emozioni legate ai "valori" occupa un posto primario il senso di colpa. Esso é presente nella vita di tutti i giorni, tra le persone importanti e la gente comune e su questo stato emotivo si sono concentrate diverse discipline: la filosofia, il diritto, l'antropologia, la psicologia, la psicoanalisi, fino ad arrivare a quella branca della psicologia sociale chiamata, come ha affermato P. Paolicchi nel 1987 ", psicologia della morale".

Mi accingo a fare un esempio: se camminando in strada si urta involontariamente un passante, facendole cadere a terra il contenuto della sua busta, si avverte, un "senso di colpa" proporzionale alla sensibilità sociale di ciascuno.

Questo stato oggettivo comprende diversi aspetti cognitivi:

1) colui o colei che ha causato l'urto, sa che ha creato un danno;

2) ha in sé una sensazione di dispiacere;

3) può indurre a certe risposte, ad esempio raccogliere il contenuto.

Stabilito, pertanto, che il senso di colpa é un'emozione, cos'è che non funziona quando ci si sente in colpa? A tal proposito, bisogna precisare che esistono due condizioni per provare questo stato: il danno e la responsabilità.

Tuttavia, non sempre ciò é vero. Ad esempio, se ad una donna viene fatta l'isterectomia, lei si sente in colpa verso il partner, perché non può dare lui dei figli, di fatto lei non "ha colpa"; se cade un aereo e di una famiglia si salva solo un genitore vi é un "senso di colpa", ma il sopravvissuto non "ha colpa" e si potrebbero citare tanti esempi, in cui, di fatto, chi avverte questo stato, non é colpevole, in quanto non ha alcuna responsabilità del danno accaduto. Sono molti i casi in cui non esiste "danno" e "responsabilità", ma soltanto "senso di colpa senza colpa diretta".

Quindi, a chi serve ed a cosa serve questa emozione ? Essa appartiene al nostro repertorio emotivo non tanto perché serve a noi, quanto perché difende gli altri da noi. Infatti, il "senso di colpa" insorge quando c'è uno squilibrio nella relazione tra noi e l'altro. Piaget - alla fine degli anni trenta - e Kohlberg nel 1984 hanno individuato le fasi di evoluzione  del giudizio morale nel bambino che poi, fa insorgere "il senso di colpa". I precursori di questa "emozione negativa" sono, secondo Hoffman, l'empatia ed il senso di responsabilità ; infatti, un bambino può provare un "senso di colpa", soltanto se é capace di gioire o di soffrire delle gioie o dei dispiaceri di un altro bambino, e se riesce a rendersi conto che un danno é accaduto per causa sua. Gli studi, su questo argomento sono ancora in evoluzione.

Commenta questa pubblicazione

Iscriviti o accedi per lasciare un commento

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problematiche sociali"?

Domande e risposte

Figlia della ex compagna troppo presente

Salve, ho un problema, o meglio una invasione in corso!Da circa 9 anni sto insieme ad un compagno, ...

2 risposte
I miei genitori non accettano che io abbia una relazione con un non credente.

Cari dottori, sono in una situazione davvero esasperante. Ho 22 anni, vengo da una famiglia di crist ...

7 risposte
Anaffettività, è possibile?

Salve, sono un ragazzo di 20 anni con un passato non molto facile. Sono figlio unico, cresciuto con ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.