Problematiche sociali

La vulnerabilità nella società odierna

03 Novembre 2018

contattami

Condividi su:

Nella nostra società esistono molte situazioni fragili che appartengono a giovani con situazioni lavorative precarie, disoccupati, bambini, immigrati, soggetti invalidi, persone senza fissa dimora e ciascuna di queste categorie rappresenta uno stato di debolezza, di sopraffazione in un contesto prettamente individualista che tende a scaricare sul singolo la responsabilità della sua vita, della sua insoddisfazione e dei suoi fallimenti.

Il soggetto vulnerabile é esposto al rischio di malattie fisiche e psichiche, e al primo posto si colloca proprio la malattia "sociale" dell'emarginazione. Se si dovessero concedere a tutti i mezzi per essere liberi e attivi, sarebbe doveroso prendere in considerazione le condizioni di esistenza reali di ogni persona.

Una realtà di questo tipo deve prendere "consapevolezza" e solo attraverso di essa si potrà, forse, arrivare ad un miglioramento della qualità della vita per i più deboli. Questa "presa di coscienza" resta un problema politico e poi si trasferisce nel sociale fino ad arrivare al singolo. In una prospettiva neoliberista si tende a pensare allo smantellamento dello "stato sociale" in modo da responsabilizzare i soggetti più vulnerabili in nome della libertà personale, ma questa visione é troppo riduttiva per chi non ha realmente la capacità di cambiare la sua situazione perché la società glielo impedisce attraverso una emarginazione ed un isolamento sempre maggiori.

É opportuno, tuttavia, stare molto attenti a non inserire "persone particolari" nella categoria della vulnerabilità, in quanto come ha affermato Joan Tronto nel 2009:"Se é vero che non abbiamo bisogno dell'aiuto altrui in tutte le circostanze, sta di fatto però che la nostra autonomia la acquistiamo dopo un lungo periodo di dipendenza e, a ben guardare, restiamo dipendenti dall'altro per tutta la vita. Ciò fa parte della condizione umana".                          

 La vulnerabilità - come problema sociale - per essere attenuata deve entrare in stretta relazione con la solidarietà che rappresenta un elemento fondamentale in una società "sana". Purtroppo, l'egocentrismo e l'egoismo di coloro che "stanno bene" non volge lo sguardo verso l'esterno e, soprattutto, non si vuole approfondire la conoscenza di ciò che esiste intorno,  e laddove il "clochard" o l"invalido" si incontrano, perché sono nelle strade, si fa finta di non vedere e si procede coltivando sempre più l'indifferenza che rende "poveri" nell'anima.                                                            

Spesso, anche le persone benestanti si sentono vulnerabili e, in questi casi, la problematica é da ricercare a livello psicologico, più propriamente nella famiglia d'origine che non ha funzionato come "base sicura" e ben strutturata.

Tuttavia, se questa problematica può apparire prevalentemente "sociale" , di fatto é anche molto individuale in quanto il singolo attecchito dalla debolezza, alla fine, finisce per star male e si incrementa sempre di più lo sviluppo di una società altamente "tecnologica", ma profondamente "malata". 

Commenta questa pubblicazione

Iscriviti o accedi per lasciare un commento

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problematiche sociali"?

Domande e risposte

Figlia della ex compagna troppo presente

Salve, ho un problema, o meglio una invasione in corso!Da circa 9 anni sto insieme ad un compagno, ...

2 risposte
I miei genitori non accettano che io abbia una relazione con un non credente.

Cari dottori, sono in una situazione davvero esasperante. Ho 22 anni, vengo da una famiglia di crist ...

7 risposte
Anaffettività, è possibile?

Salve, sono un ragazzo di 20 anni con un passato non molto facile. Sono figlio unico, cresciuto con ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.