Problemi relazionali

Problemi familiari

Giada

Condividi su:

Buona sera,
Da circa un anno sto vivendo una situazione sempre più difficile in casa, che corrisponde dalla morte di mio zio il padre di mia cugina. Mi spiego meglio, mia cugina vive da noi in affido a causa delle negligenze genitoriali e nessuno di noi sa dove sia sua madre, ecco perché sette anni fa mia mamma ha deciso di prenderla in affido. Sin da quando ho finito il servizio civile, e cioè da inizio anno, mi sta addosso in modo soffocante, per lei io non ho voglia di cercare lavoro quando sono stata dovunque (in hotel) e ho partecipato anche a incontri aziende-università che la mia università ha fatto per i suoi ex alunni. A luglio mia madre mi ha alzato le mani, picchiandomi per due ore di fila e ingiuriandomi, ammetto che anche io ho detto cose brutte, ma solo per difendermi. Mi sono rimaste le cicatrici nel braccio per un mese buono, prima di andarmi via. Sono due mesi che non fa altro che rinfacciarmi che lei mi mantiene, che io ho quello che ho perché lei mi mantiene e via dicendo - a luglio lei e mio padre mi hanno anche detto che mia cugina avrà la pensione di mio zio su cui fare affidamento e io dovrò andare alla Caritas perché per loro non ho voglia di lavorare.
Quando non è niente vero. Per lei il fatto che non faccia venire i miei amici qui vuol dire che non ne ho, ma la verità è che mi vergogno profondamente di lei perché mostra una facciata gentile alle persone quando in realtà non è così. Ieri è arrivata perfino a rinfacciarmi i tre giorni che ho passato in ospedale ricoverata, dove sono scappata dopo le percosse subite (e che mio padre ha giustificato, dicendo che sono stata io a portarli all'esasperazione) e che non mi avrebbe più fornito di nulla fino a quando non sarei andata in uno spazio ascolto con lei. Mi ha rinfacciato anche quando sono andata dalla psicologa, solo che io sento di non potermi più confidare con lei perché so che mi rinfaccerà sempre qualsiasi cosa io le dica, indipendentemente dal contenuto. Io ritengo ingiustificabile il suo alzarmi le mani, me le ha quasi alzate anche un'altra volta quando non ho risposto al telefono un numero sconosciuto. La sua vita ruota tutta attorno ai soldi e a mia cugina, io sono la merda (come mi ha definito mio padre) che non ha voglia di lavorare. Io ho sempre sofferto molto a causa di questo, perché io non ho lo stesso supporto che da a mia cugina nel suo sport. Anzi, se può sabotarmi nella scrittura lo fa senza remore, e mio padre mi ride in faccia per questo. Penso che lei abbia qualche disturbo di personalità e non sappia gestire le emozioni, che usa come strumento per attaccare e ferire e poi fare la vittima e frignare (cosa che fa sempre). Ieri mi ha anche detto che visto che vivo ancora sotto al loro tetto devo accettare tutto ciò che lei mi dice e stare zitta, ma io non sono una persona che sta zitta. Se ci sono cose che non mi piacciono, le dico. Se vedo cose che non mi piacciono, le dico. E poi mi ferisce molto, moltissimo, questo suo rinfacciarmi continuamente tutti i soldi che ha speso per l'università, o nel corso degli anni, mi rinfaccia cose anche di 5 anni fa e poi frigna, in questo modo mio padre si arrabbia con me e mi alza le mani - come è già successo in luglio. Tutto questo mi fa molto male, perché mi rallenta nella scrittura che è l'unica cosa bella che mi è rimasta, perché a causa di mia madre odio perfino il mio compleanno, è una data che se potessi cancellerei dal calendario, un po' come tutte le festività (il ciò ha contribuito a rendermi atea). Vorrei sapere se e quali disturbi di personalità possono avere, perché mio padre sta sempre zitto e non interviene mai, se non per giustificare le azioni e le parole di mia madre e mia madre frigna sempre e rinfaccia tutti i soldi spesi sin da quando ero adolescente. Grazie..

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buon pomeriggio


la situazione descritta è molto complessa e ognuno al suo interno ha contribuito, conscientemente o meno, a renderla complicata, non so se ci siano o meno disturbi di personalità individuali , ma da quanto descritto sembra che ognuno si dia da fare per attaccare gli altri allo scopo di difendersi, tutti pensano che sia colpa degli altri del proprio malessere, in questo modo i conflitti sono destinati ad aumentare .


E' una matassa che si stà ingarbugliando , non c'è una soluzione magica ma una consulenza psicologica alle persone e al sistema famiglia permetterebbe ad ognuno di capire dove cominciano le responsabilità proprie e quelle altrui, in questo modo si possono sperimentare delle strategie di comportamento adeguate a rendere più leggera la convivenza


 

Gentile Giada,


mi dispiace molto per la situazione che sta affrontando e per le sofferenze che subisce. Le anticipo che risulta molto difficile fare una diagnosi dei suoi genitori attraverso una descrizione. Nella sua storia mi sembra di capire che lei si fosse rivolta ad una psicologa, ma non è chiaro se continua il suo percorso. Ad ogni modo per le situazioni di violenza familiare può contattare il Centro Antiviolenza di Padova allo 800814681 al fine di ricevere un aiuto e un sostegno per uscire da questa situazione e non dover affrontare tutto questo da sola. Al centro troverà operatrici psicologhe psicoterapeute competenti che le daranno le informazioni di cui necessita, ma serve fare un colloquio di persona. I servizi offerti sono totalmente gratuiti. 


Mi faccia sapere.


Un caro saluto.


 

Salve, sicuramente i comportamenti dei suoi genitori non dimostrano di considerare e amare una figlia ma ciò che per loro è importante è il denaro.


Forse è un COMPORTAMENTO OSSESSIVO COMPULSIVO nei confronti del denaro?


Per quanto riguarda sua madre, il fatto di attaccare e ferire e poi fare la vittima, mi da l’idea di una personalità con tratti narcisistici; suo padre con il comportamento di assecondare dimostra comportamenti dipendenti ed incapacità di reagire cioè DISTURBO DIPENDENTE DI PERSONALITA’


Comunque concordo con lei che, entrambi i suoi genitori, non siano in grado di  gestire le emozioni perché non le riconoscono in quanto ciò che le copre sono la “rabbia”.


E’ probabile che sia una rabbia atavica che proviene dalla loro storia autobiografica del passato, all’interno delle personali relazioni con le famiglie di origine.


Ciò comunque, per conoscere  i reali disturbi di personalità dei suoi genitori è necessario somministrare i test di personalità. Il più utilizzato in ambito clinico è l ‘MMPI2.


Cordiali saluti


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Difficoltà a relazionarmi ed a mantenere le relazioni interpersonali

Buongiorno, ho difficoltà a relazionarmi e di conseguenza a mantenere le relazioni interperso ...

1 risposta
Non riesco ad amare e non ho fiducia

Salve, mi chiamo Sara ed ho 40 anni. Vi scrivo per comprendere per quale motivo io non riesca pi&ugr ...

3 risposte
Vorrei andare via di casa

Buongiorno a tutti, In pratica negli ultimi due anni mi sono accorta di star vedendo sempre di ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.