Problemi relazionali

Come comportarmi con un figlio con difficoltà relazionali

Barbara

Condividi su:

Mio figlio ha 18 anni ed è nato prematuro (PCI) con mobilità ridotta all'emilato destro. E' sempre stato consapevole di ciò che ha avuto e non ha problemi di accettazione dei suoi limiti motori. Ma non mai avuto amici e i suoi compagni di scuola in estate "spariscono". Lui è molto bravo a scuola e i compagni lo "adorano" perchè bravo ma in estate le relazioni si dimostrano inesistenti. Non ha difficoltà a socializzare ma gli interessi, le capacità e le performance adolescenziali sono diverse e lui non riesce ad inserirsi positivamente in un gruppo: lo allontanano. A questo reagisce a volte con dispiacere, altre volte con rabbia e atteggiamenti autolesionistici (si prende a schiaffi).
Quando conosce qualcuno, ragazzo o adulto che sia, non ci sono problemi e lui si sente accolto ed accettato ma nel tempo tali relazioni non diventano solide e in generale, i coetanei lo rifiutano.
Il padre prova ad aiutarlo con "chiacchierate" ma è essenziale ed io come mamma, provo a consolarlo o a stimolarlo ma mi rendo conto che oggettivamente non riesce ad instaurare un rapporto amicale sereno. Il fratello più piccolo, ora si rende conto che gli altri coetanei lo deridono o per lo meno "non lo vogliono". La sua autostima è buona ma "minacciata" e mi sembra che riversi "troppe" aspettative sulle prestazioni scolastiche che sono per lui il suo punto di forza.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buona sera signora, mi compleanno per l'attenzione che ponete nei confronti di questo vostro ragazzo, che da quanto scrive anche lui ha le capacità e l' intelligenza per badare a se stesso, relazionandosi con i compagni di scuola.


Però alla fine della scuola rimane isolato, ma quale è il motivo, vanno in altre zone per le vacanze, o lo fanno volutamente?


Sarebbe bello che suo figlio non si curassi di loro e cercasse di uscire per fare delle belle passeggiate, magari facendo nuove amicizie e se non li fa non importa, basta che lui trovi altre distrazioni.


Per ciò che riguarda il figlio piccolo, deve proprio lasciarli perdere queste persone che deridono suo fratello, non meritano alcuna considerazione.

Buona sera signora, mi compleanno per l'attenzione che ponete nei confronti di questo vostro ragazzo, che da quanto scrive anche lui ha le capacità e l' intelligenza per badare a se stesso, relazionandosi con i compagni di scuola.


Però alla fine della scuola rimane isolato, ma quale è il motivo, vanno in altre zone per le vacanze, o lo fanno volutamente?


Sarebbe bello che suo figlio non si curassi di loro e cercasse di uscire per fare delle belle passeggiate, magari facendo nuove amicizie e se non li fa non importa, basta che lui trovi altre distrazioni.


Per ciò che riguarda il figlio piccolo, deve proprio lasciarli perdere queste persone che deridono suo fratello, non meritano alcuna considerazione.

Buongiorno Signora, mi sembra che suo figlio abbia investito forse un po troppo sulle prestazioni cognitive scolastiche e meno su quelle emotive relazionali. Cosa significa? 


Significa che probabilmente lui ha bisogno di sviluppare atteggiamenti più sicuri nelle sue relazioni, credendo e chiedendo di più agli altri. Ad es  invece di rimproverare se stesso (dandosi gli schiaffi), provare a esternare la frustrazione e la rabbia verso gli altri, in modo da attirare maggiormente l'attenzione degli altri si suoi bisogni. Sarebbe utile favorire qualche esperienza di gruppo organizzata, a cui poter partecipare. È consigliabile un breve percorso psicologico per potenziare in qualche modo la sua autostima sociale, imparando nuovi strumenti di comunicazione, con la guida di uno psicologo. Questo può servirgli ad uscire dallo stato di rinuncia ed arrendevolezza, in cui può trovarsi.


Auguri,


Dr. Vittorio Cameriero 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi di comunicazione. Urlo e aggredisco verbalmente le persone

Buonasera, sono una mamma, moglie e segreteria amministrativa di 33 anni. Fino a 10 anni fa solare ...

1 risposta
Come posso aiutare mio figlio

Salve, sono mamma di un bimbo di 5 anni e mezzo, a breve inizierà la 1 elementare...sono ...

2 risposte
Non riesco a socializzare e il futuro mi crea insicurezza e ansia

Sono un ragazzo di 23 anni e per tutta la mia vita ho avuto problemi a socializzare con le persone...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.