Problemi relazionali

Difficoltà ad accettare il Mondo e la mia intimità a causa del dolore

Andrea

Condividi su:

Buongiorno
Sono un ragazzo di 19 anni e da quasi un anno ormai sto avendo uno strano rapporto con il dolore che si sta intensificando in questo esatto periodo.

Tutto è nato con dei semplici pensieri di natura sessuale nei confronti della mia fidanzata (ragazza con cui fin ora ho trascorso 18 mesi) dove immaginavo situazioni in cui lei mi tradisse con altri ragazzi, talvolta anche con la mia presenza nelle vicinanze (ad esempio in un' altra stanza).
Poi col tempo questi pensieri hanno iniziato ad intensificarsi e in questo periodo sono praticamente l'unico motivo mio di eccitamento, soprattutto perché abbiamo annullato il termine "fidanzamento" per fare fluire più libere le nostre emozioni nei nostri confronti ma questo, d'altra parte, non mi offre la sicurezza che possa effettivamente tradirmi con qualcun altro, dato che in futuro passerà 2 settimane in un campo in tenda con altri ragazzi.

Nonostante lei mi dica che non è intenzionata a stare con altre persone io continuo a pensarci e da qualche giorno anche in sogno mi compaiono scene di tradimento davanti ai miei occhi.

Sto vivendo in bilico tra la gioia dell'amore nello stare con lei con il dolore che le mie convinzioni mi provocano. Sento che questa sia un evoluzione delle mie fantasie sessuali di quando ero piccolo (circa 12/13 anni) in cui pensavo ad un dolore fisico il quale ora si è tramutato in un dolore sentimentale e psicologico.

Inoltre in questo periodo sento intensificarsi una sensazione di vuoto che provavo nei confronti della realtà e dei rapporti intrapersonali che si sta unendo con una sempre maggiore visione del dolore all'interno della vita dell' uomo, non mi sento più protetto nemmeno nella mia città perché il dolore, se non lo provo, lo vedo tra la gente; solo nel mio letto mi sento al sicuro perché mi sento invisibile e spesso passo le mie giornate li. Questo mi sta portando ad abbandonare ogni mia passione tra cui quella del viaggio, in quanto ora ritengo che non esista luogo sulla terra in cui mi possa proteggere da questa sensazione logorante che attualmente mi sento impossibilitato ad affrontare.

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Andrea 


mi dispiace molto per la sua sofferenza.


Credo che lei debba farsi urgentemente aiutare, innanzitutto, con una psicoterapia. La sua giovane età richiede un intervento precoce e deciso.


Nel corso della psicoterapia potrà analizzare gli aspetti della sua sessualità e le modalità relazionali che la preoccupano, tanto da trovare soluzioni migliori per lei.


Alla sua giovane età probabilmente può accadere di non avere la responsabilità di un fidanzamento o della relazione sentimentale con un'altra persona perchè magari ci sembra molto impegnativo.


Abbia fiducia nelle sue risorse e nei cambiamenti che può fare. Mi faccia sapere. Buon proseguimento

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come gestire una madre difficile

Ho 24 anni e da quando ho memoria mia madre ha sempre rimproverato la mia eccessiva sensibilit&agrav ...

1 risposta
Bambino non socializza

Buongiorno mio figlio, 4 anni e tre mesi, non vuole mai relazionarsi e giocare con altri bambini ...

2 risposte
Incapacità di vivere

La mia storia è lunga, proverò a sintetizzarla partendo da quasi la fine. Ho quasi 28 ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.