Problemi relazionali

Elaborazione dolore e perdono alla fine di una relazione amorosa

Paola

Condividi su:

Buonasera dottori,
Perché abbiate un quadro chiaro soffro di DB con tratti di personalità border e narcisista.
Sono una donna tormentata, insoddisfatta, ferita, istabile ed insicura ma anche sensibilissima ed attenta, dolce, generosa e creativa.
Quest'autunno si è conclusa una relazione amorosa durata tre anni; una relazione di grande intensità e tenerezza ma conflittuale e instabile, destinata inevitabilmente ad implodere. Mi ha lasciata dopo una serie di turbolenze, dice, non per mancanza di amore ma per mancanza di comprensione, per difficoltà nel gestire il rapporto causa mia incapacità di relazionarmi con gioia, comprensione e costruttività; non era più felice. Una storia giunta al termine dopo una serie di comportamenti invasivi ed aggressivi che traducevano e scaricavano su di lui i mie pensieri ossessivi e le mie esperienze emotive dolorose; e conclusa nel peggiore dei modi perché, ferita, ho minacciato ed ho tentato di vendicarmi di lui in più modi.
Per fortuna adesso sto meglio, ho ripreso la cura che avevo interrotto.
Sto riflettendo e, messa da parte la rabbia e la delusione per la fine di questa storia ed il senso di colpa per aver commesso azioni non conformi ai miei valori, elaboro e ricordo il buono e sento, per la prima volta, la purezza e l'intensità del sentimento che lui provava per me e costantemente messo da me alla prova, adesso libero da ossessioni distruttive, pretese asfissianti ed egoiste e frenesie desideranti.
Dopo quattro mesi ci siamo scambiati delle lettere. Temevo che provasse rancore e disprezzo per avergli mancato di rispetto e per averlo ferito. Invece sorprendentemente le sue parole sono miti, dolci, sagge ed attente. Commoventi perché inaspettate.
Dice che gli sono mancata, che riguarda le mie foto e che conserva gelosamente il suo amore per me come una cosa preziosa; che ricorda solo le cose belle; ammette di essere stato inadeguato ad affrontare la situazione e di questo se ne rammarica; dice che vorrà sempre rivedermi e proverà sempre emozioni ma di non sentirsi ancora pronto perché è passato poco tempo e non gli farebbe bene; dice che è ancora triste per come sono andate le cose e di darci del tempo per perdonarci; dice che l'amore è fatto anche di libertà, comprensione e tolleranza; dice che si è informato sulla mia salute con miei familiari (che non mi hanno riferito, probabilmente per non turbarbi in un periodo in cui mi sono curata); si dice ancora preoccupato per me e per la mia salute; si augura che io stia bene.
Ecco io guardo al futuro e mi concentro sulla mia riabilitazione ma sento ancora vivo il mio amore per lui; è un amore che non parla, non desidera, non pretende ma sta qui e lo sento; è purificato da tutte le brutture, paure, ossessioni; mi dà finalmente gioia. Non sono nostalgica né triste, le cose non potevano andare che così.
Naturalmente nella mia lettera non gli ho rivelato niente di tutto questo; i miei toni erano garbati e distaccati.
Provo ad interpretare le sue parole e mi chiedo se anche lui abbia amore per me (mi interrogo tormentosamente sulla sua frase "pensandoti nei miei ricordi conservo il mio amore per te come una cosa intensa e preziosa" chiedendomi se "conservare" voglia dire mantenere vivo e quindi fertile oppure custodire nella memoria), e se il tempo ed il perdono di cui parla servano a calmare i nostri animi e ricongiungerci più pronti oppure a prepararci alla separazione definitiva.
-Mi dico che nel caso lui continui ad essere convinto della scelta presa di interrompere la relazione non avrebbe scritto una lettera tanto "aperta".
- Inoltre, se fosse distaccato, perché dirmi di non "sentirsi pronto" ad incontrarmi ed ammettere che sarebbe emozionato (cosa lo turberebbe?).
Quello che è certo è che è probabile che non sia coinvolto in nessun'altra relazione; difficilmente avrebbe parlato in questo modo.
Mi pare una lettere commovente, ripeto, perché temevo covasse rabbia per i miei comportamenti.
Mi pare però che sia ambivalente, o forse sono io a leggerne l'ambivalenza.
Vorrei che qualche esperto mi aiutasse a decifrare le sue parole.
Vi ringrazio per l'attenzione.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Paola,


scrivi per chiedere una mano nell'interpretare le parole che ti sono state scritte dalla persona che tu ami e con la quale hai avuto una relazione terminata quattro mesi fa ed io resto invece colpita dal fatto che tu definisci te stessa con delle sigle ed una terminologia presa a prestito dal lessico psichiatrico. Credo che, per quanto questa possa essere la diagnosi che ti è stata fatta , non sia giusto che tu ti identifichi attraverso questa nomenclatura. Si parla di te, dei tuoi stati d'animo, del tuo dolore, dei tuoi sbalzi di umore e del tuo modo di amare con queste sigle? Senz'altro in te c'è molto di più, come tu stessa sottolinei nel momento in cui aggiungi che se anche dolce, generosa, affettuosa e sensibile, aspetti che anche il tuo ex ragazzo valorizza anche dopo la fine burrascosa della vostra relazione.


Accenni ad atti, alla rabbia, alla voglia di vendetta che sono fuoriusciti da te nel momento in cui la vostra relazione è finita, ma accenni anche a gesti e vissuti intrisi di- ossessione distruttiva, pretese egoiste ed asfissianti e frenesie desideranti -che si sono verificati nel corso della relazione.....e credo sia questo il punto...a distanza puoi amarlo tantissimo, con tutta la nostalgia ed il recupero di ogni aspetto dolce, gratificante, tenero del tuo sentimento....ma se tornaste insieme sei certa che non potrebbe accadere di nuovo quanto di deleterio è già stato vissuto? E questo non credo per incapacità nè tua nè sua ma perchè entrambi avete bisogno di guardarvi dentro e scoprire la vostra ambivalenza, sia nei confronti degli altri che nei confronti di voi stessi.


Sarebbe molto bello che per tutti e due fosse possibile un percorso di psicoterapia teso a chiarire la vostra modalità di vivere il rapporto amoroso ed il rapporto con sà stessi, con le proprie fragilità ed i propri punti di forza.

Gent.ma Sig.ra Paola,


indubbiamente lei ha ragione a intravedere l'ambivalenza in questa persona per lei ancora molto cara, come pure si autovaluta con gli aggettivi giusti circa la sua persona (tormentata, insoddisfatta, ferita, instabile ed insicura ma anche sensibilissima ed attenta, dolce, generosa e creativa) dimostrando di conoscersi bene. La cosa importante sta nel fatto che questa "ambivalenza" non deve essere interpretata negativamente, ossia come una minaccia alla sua persona, in quanto essa scaturisce dalla difficoltà a gestire la relazione che è andata alla deriva. Una relazione comporta tante difficoltà piccole e grandi che vanno affrontate con altruismo, cercando di immedesimarsi nell'altro e di capirne esigenze, necessità, aspirazioni, debolezze. In definitiva necessita di un impegno quotidiano a mantenerla in piedi ricorrendo anche a dei sacrifici, perchè "non può essere tutto oro quello che luccica". Occorre saper affrontare con razionalità le divergenze, occorre sforzarsi di emergere dai propri bisogni, mettendo al centro i bisogni di "entrambi", occorre coordinarsi nelle scelte per farle scorrere in un "alveo comune", pensare in funzione di due che pur "stando insieme" restano comunque indipendenti. In tutto ciò molto probabilmente gli errori si fanno in due. Quindi è probabile che "le cose non potevano andare che così", come lei scrive, ma ciò non significa che non si possa riprovare a tornare insieme, qualora si riesca a ripartire da un nuovo assetto, che tenga conto degli errori commessi i quali ci aiutano anche a "crescere" e non soltanto ad erigere degli steccati di separazione. Mi auguro che questo dialogo epistolare tra voi possa aiutarvi a chiarire un bel pò di cose sulla base di questi elementi che qui ho tracciato e che riusciate a trovare nuove "regole di interfacciamento" in nome di quell'Amore che indubbiamente esiste tra voi e che vi rende più vicini di quello che possiate immaginare. Auguri di cuore.

Cara Paola, trapela dalla sua lettera, il dolore e la fatica che a volte (forse troppo di rado) compiamo per combattere le nostre angosce, le nostre paure e insicurezze che si trasformano in fantasmi e abitano, talvolta distruggono, ogni nostro tentativo di far andare le cose diversamente.... ha detto bene lei, forse " le cose non potevano andare che cosi"..
Quando agiamo in determinati modi, magari "sbagliati" col senno di poi, dovremmo pensare che forse in quel preciso momento della vita, con quella precisa persona davanti a noi, con il bagaglio di esperienze e vissuti che in quel momento ci portiamo dietro, non avremmo potuto fare diversamente. Non c è forse azione giusta o sbagliata se non l unica azione che in quel momento siamo in grado di fare. A mio parere, quello che dovrebbe chiedersi non è soltanto se quest'uomo voglia o meno ritornare con lei, se le sue parole siano di apertura o separazione ma bensì se quello che è stato tra voi non sia destinato a riproporsi, inevitabilmente anche in un'eventuale riconciliazione. Questo perché, alcune persone con le loro dinamiche, con i loro modi di essere, con le loro reazioni, ci richiamano dentro altrettante dinamiche profonde, modi di essere ed emozioni che magari persone diverse non sarebbero in grado di richiamare. A volte, i legami che stringiamo sono più forti quanto più sono disfunzionali per noi stessi, perchè sono proprio quei legami che ci toccano le parti più profonde della nostra psiche e per questo stesso motivo, spesso non riusciamo a viverli, a reggerli. Allora, in questi casi, la cosa più sana per noi potrebbe essere il "conservare" i ricordi e i sentimenti affinché non possano più farci del male.

Buona sera Paola, mi permetto di rispondere brevemente alle questioni da lei poste e in particolare sul tema dell'ambivalenza. L'ambivalenza affettiva dopo una relazione importante è assolutamente normale. Anzi denota una capacità sentimentale adulta. Anomala sarebbe una prospettiva odio - amore, bianco o nero, tutto o nulla. Alla fine di un amore portiamo con noi le cose buone e le cose cattive che coesistono e non si annullano vicendevolmente. Ed è a partire da questa ambivalenza che noi facciamo una scelta, anche sulla base del peso che le ombre hanno avuto sulle luci della relazione. La rappresentazione reale dell'altro contempla sempre aspetti "buoni" e "cattivi". La invito ad approfondire queste tematiche, oltre a quelle relative all'attaccamento, per il suo benessere individuale e affettivo relazionale.


Cordiali saluti

Buongiorno cara ragazza, di solito sono abituata a rispondere in modo piuttosto diretto, senza tanti giri di parole... e così farò anche con te.... anche se non ti farà piacere.


Piuttosto che analizzare quel che lui dice nella lettera, ti devi chiedere se le tue aspettative che lui torni da te non siano ancora una volta precipitose ed insistenti nel ripristinare qualcosa che si è rotto. La tua impazienza è indice di quella ossessivita ed immaturità che ti ha portato a danneggiare la relazione .... devi imparare a star bene con te stessa da sola prima di qualsiasi ulteriore cosa!


In questa fase non è possibile capire se la relazione potrà riprendere da parte di lui oppure se le sue parole sono u modo x rincuorarti e x salvare il bello che c'è stato. Ma ciò che da questo puoi imparare è la pazienza e la costruzione a piccoli passi di qualcosa che può crescere. Immagina la costruzione di una opera d'arte.... richiede tempo passione costruzione e cresce di momento in momento ....


Adesso tu devi costruire te stessa in modo tale che non chiedi alla relazione quel supporto che tu devi imparare a dare a te stessa, solo così si può pensare di camminare insieme a qualcuno nella vita, senza pretendere che ti trasporti l'altro!


Buon lavoro

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Bimbo 5 anni problema a relazionarsi

Buongiorno, ho 3 bambini, 2 femminucce (10 e 2 anni) ed un maschietto di 5 anni. Il maschio ha probl ...

4 risposte
Quando la timidezza deve fare scattare un campanello di allarme ?

Buongiorno, ho una bella bambina di due anni, che ha sempre dimostrato di essere molto " presente " ...

3 risposte
Si può tollerare un rapporto formale con la propria figlia?

Buonasera, vi scrivo per chiedervi un parere in merito al rapporto “formale”( normale ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.