Problemi relazionali

Inizio a chiedermi se tutto ciò abbia lasciato un segno dentro di me

Charles

Condividi su:

Salve, ho letto il vostro articolo riguardante “La madre castrante e la difficoltà di amare“. Ho avuto quel genere di madre ansiosa che avrebbe preferito, citando le sue stesse parole: Un fratello con cui confidarsi anzichè un figlio. Questo, all'età di 9 anni, ha portato ad una serie di conflitti, che in periodo adolescenziale si sono manifestati sotto forma di ribellione per poi concludersi ad un totale crollo del rapporto madre e figlio. Oggi, a 24 anni, inizio a chiedermi se tutto ciò abbia lasciato un segno dentro di me, poichè nonostante le attenzioni delle mie coetanee non trovo mai “il coraggio“ per fare quel passo in più che mi porterebbe a costruire un sano rapporto di coppia e tendo più a chiudermi in me stesso e a fuggire. Se le mie preoccupazioni sono fondate, come potrei superare tutto ciò? Premettendo che un'eventuale riappacificazione fra me e mia madre sia fuori discussione, poichè mi sembra ormai troppo tardi,essendo arrivato a questa età e anche perchè è l'unico rapporto fondato fra me e lei.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve in merito a quanto d lei raccontato, non è troppo tardi per riappacificarsi con sua madre, non è mai troppo tardi per recuperare un relazione importante. Mi domando se lei lo voglia veramente o se non è interessato a farlo. Provi ad iniziare un periodo di terapia privata nel quale potrà chiarire a sè stesso che cosa vuole da sua madre e dalle donne e cercare di elaborare la relazione con sua madre, questo la potrà aiutare a comprendere meglio le relazioni con le donne. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Gentile ragazzo,

da quel che scrive, ho come la sensazione che abbia già dato una pesante condanna a questo rapporto. 

In ogni caso, la riappacificazione fra lei e sua madre, se non dovessero esserci le condizioni per poterlo fare concretamente, dovrebbe quanto meno avvenire dentro di lei. Che cosa significa? Accettare (non solo razionalmente, ma soprattutto emotivamente) che le cose sono andate così e che non possono essere cambiate, abbandonando ogni inconsapevole "pretesa di risarcimento" o di riscatto che viene fuori quando si avvicina ad un'altra donna, a cui si approccia in virtù dei suoi bisogni e mancanze.

Il suggerimento che posso darle è di contattare uno psicoterapeuta della sua città per un primo consulto: insieme, deciderete come procedere.

Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ogni volta che mi relaziono

Salve, è la prima volta che scrivo su questo sito, non è un problema molto importante, ...

3 risposte
Come aiutare mia figlia ad accettare il mio nuovo fidanzato

Buongiorno dottoressa. Sono la mamma di una bambina di 8 anni. Io ed il mio ex ci siamo lasciati a ...

4 risposte
Non riesco ad essere come gli altri

Dal titolo non si capisce bene, io mi sento una persona normale, però credo che per gli altri ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.