Ma come ragiona sto uomo?

glory

La farò abbastanza breve...
13 mesi fa, durante le varie zone rosse da pandemia, ho cominciato a chattare ogni giorno con un amico per il quale avevo sempre avuto un debole dopo un mesetto circa ci siamo dapprima baciati e poi finiti a letto insieme.
Non si poteva uscire, era tutto chiuso, pertanto ci vedevamo spesso solo da me, tra un'autocertificazione e l'altra.
Quando però il governo "ci ha liberati", la storia è rimasta su questo piano per un altro pò.. segretezza, incontri clandestini ecc.
Quando gli ho chiesto spiegazioni, mi ha candidamente detto che lui sperava ancora di rimettersi con la ex!! (con cui la storia era finita nel 2020 a causa di un tradimento di lei).
Ho ovviamente troncato subito e da qui sono iniziate le sue "stranezze"..dapprima mi ha riempita di messaggi cattivi in cui accusava me di essere immatura (45 anni io 43 lui), poi ha smesso di parlarmi per un mese (siamo nella stessa comitiva quindi impossibile non frequentarsi), con dispettucci vari (tipo organizzare cene da cui io ero esclusa et simili), salvo poi tornare come se nulla fosse a cercarmi con insistenza.
Manco a dirlo ci sono ricaduta ingenuamente .. e il copione si è ripetuto per altre due volte!
Finchè su consiglio di amica psicologa e per curiosità personale, ho scoperto il modo dei narcisisti.. ed ho cambiato completamente il modo di pormi con lui.
Ossia, non lo cerco più (mi contatta solo lui), facciamo solo (gran) sesso ogni 5 giorni, stò anche cambiando comitiva per ridurre al minimo la frequentazione .. e devo dire che di sicuro io mi sento meglio, in quanto meno coinvolta e senza più aspettative circa la possibilità di una storia.

Quello che non mi spiego è questo:
possibile che sono ben 13 mesi che andiamo a letto insieme spesso e volentieri (che è una tra le cose più intime che ci possano essere), abbiamo perfetta sintonia chimica, ma questo sta ancora a pensare alla excornificatrice di due anni fa, che non lo vuole più (in quanto interessata ad un altro) e che palesemente lo tiene come ruotino di scorta per appagare qualche suo bisogno narcisistico, nonchè come autista quando si deve far portare da qualche parte??

Per carità, tutti vogliamo quello che non possiamo avere, tutti vogliamo una piccola rivalsa nei confronti di chi ci ha ferito... è capitato anche a me, ma santo cielo, non per due anni!!
dopo un pò ci si stufa, no?

Beh. chiaramente a me al momento non va di chiudere questa storia di sesso perchè sinceramente tra il nulla e questo, di sicuro meglio questo (è un bel ragazzo e ci sa fare.. e il sesso fa sicuramente bene), nè tantomeno riapro l'argomento "cosa siamo" perchè sono anche stufa di bisticciare.
si andrà avanti così finchè la barca va..

Mi piacerebbe solo sapere certa gente come ragiona, perchè boh, io resto sempre un pò senza parole.

3 risposte degli esperti per questa domanda

Buonasera Glory

Le rimando subito che la situazione relazionale che sta vivendo lei è molto comune in questo periodo in cui gli equilibri di vita sono stati modificati involontariamente. Dalle sue parole sembra che questa persona sia stata ed è molto importante per lei, sembra dire che sul piano della sessualità le cose vadano a gonfie vele ma sembra un pò mancare la chiarezza e la definizione rispetto alla vostra relazione. Da quello che dice sembra che attualmente la sua attenzione sia rivolta in maniera maggiore verso questa persona piuttosto che su di lei e su quello che in questa relazione la soddisfa e la faccia stare bene. Sapere come ragionano gli altri è impossibile proprio perchè sono altro da noi, quello che può fare è concentrarsi su di lei spostando i riflettori e prendendosi cura di se stessa. A volte può essere dura mettere i riflettori su di noi, ma con un aiuto adeguato potrebbe essere più leggero e funzionale.

Spero di aver un pò chiarito i suoi dubbi.

Arrivederci.

 

Salve Sara, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto.

Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Buongiorno Glory! La sento parlare di quest'uomo con una forte ambivalenza: da una parte sento una totale mancanza di stima perchè lui è ancora incastrato in una relazione difficile con la sua ex; dall'altro ne parla come dell' uomo con il quale le piacerebbe costruire una storia oltre la complicità sessuale.

Vorrei invitarla a riflettere su questo punto, perchè l'altro percepisce in qualche modo come noi lo vediamo e se sente critica e giudizio, magari, può fare fatica a lasciarsi andare. I tempi per l'elaborazione della fine di una storia non sono prestabiliti e uguali per tutti. Inoltre bisogna capire quanto la resistenza a fare un passo avanti all'interno della vostra storia sia o no collegato alla ex o ad altri fattori.

Rispetto al come lui ragiona, le interpretazioni e le ipotesi possono essere infinite. Forse sarebbe più opportuno parlarne direttamente e apertamente con lui, cercando di impostare la comunicazione su empatia e scambio affettivo, più che sugli aspetti pratici (per i quali ognuno di noi ha visioni diverse e ugualmente considerabili).

Resto a disposizione per eventuali confronti e/o chiarimenti.

Cordiali saluti!