Problemi relazionali

Mia mamma non accetta che frequenti un ragazzo.

Francesca

Condividi su:

Sono Francesca, ho 20 anni e ho sempre avuto un rapporto perfetto con i miei genitori. Credo di essere una tra le poche figlie ad aver costruito nell'arco della mia vita un rapporto con loro di completa sincerità: mai una bugia, mai uno scontro, mai un "mamma, papà, lo faccio comunque". Ovviamente ci sono state nel corso degli anni piccole incomprensioni, che si son risolte solo ed esclusivamente con il mio tirarmi indietro ed accettare le loro "decisioni". Il problema sorge ora. Da più di un mese ho conosciuto un ragazzo tramite internet, è lontano da me all'incirca 900 km, ma, parlandoci, fin da subito mi son trovata a mio agio. Parliamo di qualunque cosa e mi sento felice proprio per questo. All'inizio questa situazione ho cercato di nasconderla agli occhi dei miei, consapevole che, soprattutto mia mamma, non l'avrebbe mai accettato. E di fatto è stato così. Pochi giorni fa ne è venuta a conoscenza, allora io ho cercato di spiegarle come stessero le cose, dando un sacco di informazioni su questo ragazzo. Lei ha negato totalmente la possibilità di un continuo, dicendomi che non avrebbe mai approvato o accettato la cosa e che da me una cosa del genere non se la sarebbe mai aspettata. Mi son sentita male con me stessa. Ma come se non bastasse, da quanto lo ha scoperto, mia mamma mi rivolge solo poche parole, per di più battutine denigratorie e, aggiungo, inviti a chiudere questa storia se io mai avessi intenzione di non rovinare il rapporto con lei.
Non ho la minima idea di cosa fare.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Francesca, 


dal suo racconto emerge l'immagine di una ragazza che ha sempre messo in secondo piano i propri bisogni per non opporsi al volere, più o meno esplicito, dei genitori. Lei scrive, infatti, che non c'è stata "mai una bugia, uno scontro.." e che le "piccole incomprensioni" si sono risolte "solo ed esclusivamente con il suo tirarsi indietro ed accettare le loro decisioni".


Il rapporto con loro, che lei definisce "perfetto", risulta tale solo ad uno sguardo superficiale che si limiti a rilevare un'assenza di conflitti, ma non coglie il prezzo che lei ha dovuto pagare per contribuire a mantenere questo tipo di equilibrio familiare.


Il prezzo è la rinuncia all'affermazione di sé e dei suoi bisogni più autentici: tale affermazione può avvenire solo attraverso una quota più o meno grande di "scontro" con le figure genitoriali che è necessario per "separarsi" da loro e trovare il proprio posto nel mondo. 


Per fortuna è subentrata la conoscenza con questo ragazzo che ha mosso in lei qualcosa di nuovo, cioè la voglia di intraprendere una relazione significativa con un potenziale partner. 


Il mio consiglio è di cercare una consulenza psicologica per affrontare il passaggio di vita che sta vivendo  (da adolescente a giovane adulta) con l'affiancamento di un esperto che possa aiutarla a gestire la relazione con i suoi genitori. Può rivolgersi ad un consultorio o ad un centro convenzionato se non ha la disponibilità economica sufficiente.


Molti auguri 

Salve Martina, mi sembra di percepire che il bel rapporto che ha con i suoi genitori lo abbia costituito a scapito della sua indipendenza e autonomia e di un reale svincolo dalle figure parentali. La Psicologia Analitica e in particolare il suo fondatore C. G. Jung parlano di sincronicità ed eventi sincronici nel caso in cui una situazione intrapsichica trovi corrispondenza in un evento che "capita" nella realtà esterna, in questo caso l'incontro con questo ragazzo, inaccettabile per i suoi genitori,  potrebbe riflettere il suo bisogno, legittimo e fisiologico di autonomizzarsi, ossia divenire un individuo a se stante che compie scelte proprie e che ha proprie opinioni. 


Imparare ad esprimere in maniera assertiva ed autentica il proprio pensiero e'uno dei passi fondamentali per crescere e divenire adulti consapevoli, d'altro canto probabilmente sua madre sta solo cercando di proteggerla, pertanto  provi a spiegarle che il modo più funzionale per aiutarla e quello di starle accanto e accompagnarla nella sua crescita e nello sviluppo della sua autonomia, le parli in maniera aperta di ciò che sente e dei suoi bisogni, dei suoi sogni di ciò che desidera. Potrebbe essere utile infine prendere in considerazione l'idea di iniziare un percorso psicoterapico che faciliti tale processo e la comunicazione intrafamiliare.


 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi con mio padre

Ciao a tutti, scrivo dopo l‘ennesima litigata con mio padre. Sono una ragazza di quasi 23 anni ...

1 risposta
Bimbo 5 anni problema a relazionarsi

Buongiorno, ho 3 bambini, 2 femminucce (10 e 2 anni) ed un maschietto di 5 anni. Il maschio ha probl ...

5 risposte
Quando la timidezza deve fare scattare un campanello di allarme ?

Buongiorno, ho una bella bambina di due anni, che ha sempre dimostrato di essere molto " presente " ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.