Problemi relazionali

Nella mia mente so di poter dare tanto ma nel concreto non ci riesco

camilla

Condividi su:

salve, mi chiamo camilla ho 20 anni. recentemente sono uscita da una pesudo-relazione. avevo un amico con il quale ho condiviso tutto per tre anni: vacanze da soli, compagnia di amici, stessa scuola, passeggiate soli, film insieme a casa dell'uno o dell'altro e con cui mi sentivo tutti i giorni tutto il giorno per messaggio e almeno una volta al giorno per telefono. per me era tutto e tutta la mia vita girava intorno a lui. ovviamente tutto questo mi ha portato ad innamoramene ma lui non ha mai ricambiato e, da poco tempo, ha iniziato una relazione con una delle mie migliori amiche. il nostro rapporto è totalmente chiuso e io sono stata male come se ci fossimo lasciati. ora, io so che la nostra non si può definire relazione, mi chiedo quale sia il mio problema perché ora non provo attrazione per nessun ragazzo e generalmente se provo qualcosa appena capisco di essere ricambiata, mi paralizzo e il mio interesse svanisce. nella mia mente so di poter dare tanto ma nel concreto non ci riesco e mi sento come se non fossi capace. mi “innamoro“ di personaggi come per esempio attori, che dentro di me so che non posso avere, come se avessi paura della vita reale. non so quale sia il problema di questa storia ma ci soffro molto. grazie mille!

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Camilla, abbi fiducia che questo stato d'animo passerà presto. cerca solo persone che in questo momento ti facciano sentire consolata e tranquilla. a poco a poco la vita ti si riaprirà e troverai nuovi amori. è una reazione sana la tua. però se in 3 anni non era successo nulla forse nemmeno per te questo era un grande amore, ci hai mai pensato? forse era un grandissimo amico, e quello non l'hai perso.

Gentile utente,

la sua storia sembra piuttosto inusuale, ma il problema che ora ne scaturisce non è probabilmente da sottovalutare.

Anche se non siete stati fidanzati espressamente c'è tuttavia un linguaggio non verbale che va considerato e che è molto importante. E' probabilmente auspicabile che lei abbia dei chiarimenti con questo ragazzo. Anche se la sua è una storia sentimentale "sui generis" le metto un link a un mio articolo che parla dei rischi di storie sentimentali mal chiuse e che potrebbe essere attinente. 

medicitalia.it/valentinasciubba/news/2664/Le-storie-sentimentali-non-chiuse

Per ogni maggior chiarimento le consiglio di consultare uno psicologo.

Dott.ssa Manuela Iona Savona (SV)

Cara Camilla,

è ancora molto giovane e tutte le strade sono aperte davanti a lei, di conseguenza non si scoraggi. La pseudo-relazione che ha vissuto forse è stata adolescenziale da parte di tutti e due. Perchè nessuno dei due ha preso l'iniziativa di stringere il rapporto? Siete stati bene come amici, probabilmente siete cresciuti anche grazie alla vostra frequentazione. Scrive poi che "tutta la sua vita girava intorno a lui" e questo richiama una mentalità arcaica e distorta (anche se frequente) di concepire un legame. Il continuo bisogno della presenza fisica dell'altro e  il fatto di percepirlo come "baricentro" della propria esistenza riconducono a una mancanza di completezza individuale.  Il nostro baricentro non deve trovarsi dentro un'altra persona, ma dentro di noi.Ciò non significa non avere rapporti affettivi, al contrario, solamente con un buon equilibrio psicologico si può apprezzare l'autentico scambio relazionale e affettivo. Anche la sua sensazione di paralizzarsi nel caso di apprezzamenti conferma questa ipotesi: una parte di lei profondamente sa che le occorre crescere ancora un po' per poter amare una persona diversa da sè stessa. 

Gentile Camilla il suo problema, se tale può essere definito, è che lei si è innamorata, non ricambiata, di un ragazzo. Adesso lui sta con un'altra e lei giustamente ci soffre. E chissà, forse lui si è innamorato di un'altra proprio perchè lei, Camilla, si era resa inaccessibile da un punto di vista più concreto. Non avrà capito, il tontolone, che dietro tutti quei messaggi e telefonate c'era un amore puro e sincero.... e appena ha incontrato una ragazza più disponibile ad ingaggiarsi nel mare delle passioni ci si è tuffato.

Forse per lei l'amore platonico è più rassicurante di un amore reale... un cantante che le sorride da un poster può risultare meno "spaventante" e angosciante di un ragazzo in carne e ossa... ma le trasmette anche molto meno e soprattutto non esclude a priori la possibilità di farsi male lo stesso.

Camilla, provi a sporcarsi le mani con un pò di vita vera. Sarà meno romantico, meno perfetto di un amore platonico, ma forse un amore reale e "concreto" le potrà dare la possibilità di conoscere quelle emozioni che fa di tutto per evitare ma che in fondo, mi pare, desidererebbe provare. Che il suo problema sia che ha paura dei suoi desideri?

Un caro saluto

Cara Camilla,

la risposta ai suoi dubbi e al momento di crisi che sta vivendo se l’è già data da sola quando dice che è come se avesse paura della vita reale e quindi tende ad essere attirata e fissarsi su situazioni e persone impossibili, perché non conosciute e irraggiungibili o perché non interessate, come l’amicizia di cui ci ha parlato nel messaggio. E quindi deve partire proprio da qui nel domandarsi cosa le fa paura di un rapporto profondo e vero con una persona che la voglia veramente, e lei cosa vorrebbe e perché desidera un rapporto di coppia, quindi iniziare a mettersi più alla prova non scappando subito, ma provando ad andare avanti anche se ha paura o non si sente subito o troppo interessata, per verificare che sia così e fare un po’ di esperienza, che forse non ha avuto troppo e potrebbe aiutarla a prendere sicurezza e sbloccarsi. Mi tenga aggiornata.

Vorrei aggiungerle a quanto già scritto che se ancora persistesse il suo momento di crisi per il problema relazionale di cui parla nella richiesta, ma anche per approfondire le problematiche più generali che riscontra nel portare avanti rapporti sentimentali, può contattarmi per una consulenza online via e-mail, via chat o in videochiamata, per conoscere più nello specifico la sua situazione e quindi aiutarla a gestirla in modo più efficace. Mi faccia sapere in merito.

Buona giornata

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho problemi nelle relazioni sociali, come posso reagire?

Buongiorno, mi chiamo Marco. Sono sposato da 30 anni, dopo il matrimonio sono sopraggiunti svariati ...

5 risposte
Non riesco ad essere sincera con mia madre e ad aprirmi con lei

Salve, sono una ragazza di 21 anni e scrivo per un aiuto nel migliorare il rapporto con mia madre ...

3 risposte
Conflitti familiari

Buongiorno Sono tornata ad abitare in un edificio con diversi appartamenti di proprietà dei ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.