Problemi relazionali

Non provo alcun sentimento

Emma

Condividi su:

Premetto che ho sempre avuto un gran desiderio di innamorarmi e provare forti sentimenti, che mi travolgessero, che mi cambiassero. Credo che sia una cosa molto comune, sopratutto fra i giovani.
Tutto è iniziato con l'adolescenza, il periodo in cui si cambia maggiormente, in cui si hanno i primi amori con il sesso opposto e altre esperienze. Il periodo della scoperta di nuovi mondi. Tuttavia a me non è mai successo niente di tutto ciò. Non ho mai avuto cotte. Mai per ragazzi, mai per ragazze, mai per nessuno. La cosa è altamente frustrante. Sono consapevole di aver ancora un sacco di tempo per innamorarmi e trovare la persona giusta per me, ma non dovrei aver già provato qualcosa? Una cotta, un' amore, qualcosa.
Ho le stesse sensazioni verso gli amici. Non provo niente quando finisco un'amicizia, non provo niente nei litigi con i familiari. Non conosco la sensazione di voler bene a qualcunoo e me ne vergogno tantissimo. Non so cosa significhi voler bene a qualcuno. La mia famiglia è molto amorevole e mia madre particolarmente mi vuole un mondo di bene. Tuttavia, non provo sentimenti. Non provo niente.
è come se fossi vuota dentro. Amo scoprire il mondo e le sue sfaccettature...ma non sembra che io vogllia legarmi alle persone. Il problema è che io voglio. Lo voglio veramente. Voglio provare quella sensazione di voler bene a qualcuno così tanto da pianger quando si sente male e prendere il suo posto. Ma invece mi tocca mentire ogni volta sui miei sentimenti. La cosa è così frustrante, perché non voglio rimanere da sola.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Piacere Emma, ho letto quanto scrivi con molto interesse e anche sorpresa, perchè da quello che leggo mi sembra più che evidente la tua grande energia vitale e la voglia di "sentire" e provare delle emozioni autentiche. Mi è capitato altre volte in terapia di avere a che fare con persone tue coetanee, che mi dicevano le stesse identiche cose che tu hai scritto qui, e che ho letto poco fa. Tutte le volte, mi sono sorpresa di quanta energia e sensibilità queste persone avessero e al contempo si impegnassero a tenere lontano da sè. Il mio consiglio è scopri te stessa, perchè questo è il primo passo per poter vedere, sentire e scegliere l'altro. Scegliere tu chi incontrare e non stare alla finestra ad aspettare. Non è un processo che si fa da soli al di là delle singole capacità personali di ciascuno di noi, ma un percorso che si fa con l'altro, attraverso la psicoterapia. Ti ci vuole una guida almeno per un certo periodo di tempo, che ti aiuti a scoprire quello che hai dentro e quali possibilità possono fare per te al di fuori. Se vorrai, io resto a disposizione. Un caro saluto.


 


 


 

Gentile Emma,


si percepisce nella sua richiesta un forte desiderio di cambiamento, ma anche qualcosa che la blocca e impedisce di vivere le relazioni in maniera completa e soddisfacente. Il fatto di non riuscire a provare sentimenti è solo nei riguardi delle persone? Ci sono situazioni che l'appassionano, che le fanno provare emozioni forti o si trova in uno stato di mancanza di piacere generalizzato? Riesce a identificarsi e provare emozioni quando vede un film, ascolta una canzone o legge un libro coinvolgente?


Ci sarebbe molto da approfondire per aiutarla gradualmente a uscire da questa condizione. Pensi, però che se è così, c'è un motivo, generalmente difensivo, e va compreso e rispettato. Un percorso psicologico la aiuterebbe a scoprire i suoi blocchi e le sue possibilità di trovare alternative al modo in cui reagisce nei rapporti umani. Ho lavorato spesso con adolescenti che hanno attraversato fasi simili e resto a disposizione qualora desideri altri chiarimenti.


Molti auguri


Francesca Fontana


Monza

Gentile Emma,


lei riporta esempi solo in negativo "non provo niente se finisce..." c'è un cambiamento emotivo invece se riceve un abbraccio o un complimento?


Da come scrive sembra particolarmente "spaventata" e preoccupata di questa sua sensazione. Lei osserva e riconosce le sue emozioni: rabbia, felicità, tristezza,...? Dove le vive? Come li vive? Come reagisce di fronte un evento positivo o negativo? Lei si sente giudicata dagli altri?


L'amore o l'innamoramento o l'interesse verso un'altra persona non ha età. Potrebbe essere anche il non aver trovato la persona giusta.


Le consiglio di valutare un percorso di psicoterapia per conoscere meglio questo suo vissuto, per riformularlo, per trovare le sue risorse e nuove strategie personali.


Le linko un articolo scritto da me:


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-individuale-minori-adulti-cognitivo-costruttivista/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a mantenere i rapporti

Ciao a tutti, ho 18 anni e da circa 2/3 anni ho notato la mia difficoltà a mantenere le amici ...

1 risposta
Amicizia tossica? Non so cosa fare

Salve scrivo qui perché ho bisogno di una consiglio. Sono una persona molto timida e introver ...

4 risposte
Madre aggressiva

Buonasera, vorrei provare a capire qualcosa in più circa il rapporto che si è creato ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.