Problemi relazionali

Ragazzo di 20 anni che non ha interazioni sociali

simone

Condividi su:

Buonasera,
sono un ragazzo di 22 anni e non ho un problema io direttamente ma mio fratello, di 21 anni. Mio fratello è sempre stata una persona introversa ed asociale, nel senso che in ogni percorso formativo o scolastico non è mai stato in grado di farsi degli amici per cui passa tutte le sue giornate nella solitudine più totale, senza parlare mai con nessuno. Purtroppo, ciò va avanti da quando ha iniziato le superiori, quindi oramai da 8 anni. Non credo possa essere effettivamente considerato hikikomori, in quanto, nonostante non abbia mai avuto né amici né conoscenti e si sia isolato dalle persone, ha sempre continuato il suo percorso formativo arrivando anche all'università, che sta tutt'ora continuando.
Purtroppo, non è facile parlare di questo argomento con lui. Normalmente evade il discorso semplicemente andandosene o non rispondendo anche se gli si fanno delle domande e gli si chiede di rispondere. Ho provato alcune volte a dirgli di attivarsi per cambiare la situazione rivolgendosi ad uno psicologo ma è stato completamente inutile.
Ovviamente, questa situazione lo fa soffrire. Molti giorni non parla per niente. Cerca spesso di evitare Natale e Pasqua per non dover stare con i parenti e quando ci sta non parla anche se intromesso nel discorso. Gli propongo numerose volte di uscire con me, da soli o con i miei amici, ma la risposta è sempre stata NO. Se si prova ad insistere reagisce con aggressività, passando anche alle mani in alcuni casi isolati. Come dicevo, soffre molto e si sta sempre più lasciando andare e vive la vita per inerzia. Mai una vacanza (anche da solo), mai un’uscita, mai qualcosa fuori dai suoi schemi. Passa quasi tutto il giorno in casa, al telefono o al computer, guardando youtube o Reddit.
Inoltre, data la completa asocialità, non ha mai avuto una ragazza/o, né una cotta, né alcun tipo di interazione amorosa e non ne parla mai.
Insomma, la mia domanda è come affrontare tutto ciò, come posso aiutarlo, come fargli capire che la psicologia può aiutarlo? Più va avanti e più soffro per lui, vorrei vederlo felice ma vedo come ogni giorno lui si stia spegnendo. Come posso fare? Ho paura che i suoi problemi siano stati sempre sottovalutati e che andando avanti peggiori sempre di più.
Mi scuso per il messaggio molto lungo e ringrazio chiunque abbia avuto la cortesia di arrivare fin qui e rispondere, spero di essere stato chiaro.
Grazie mille per la disponibilità.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Simone, la situazione esistenziale di tuo fratello, da tanto tempo immutata come dici, quindi senza cambiamenti o evoluzioni col passare dell'età, lasciano pensare ad una problematica psicologica, non così transitoria, ma ad un problema più strutturato. Questo vuole dire per tuo fratello sarebbe opportuno poter fare una "diagnosi psicologica"   meglio definita. Perché lui ha un suo mondo interno troppo chiuso e difeso dagli altri. Solo per darti un'idea, questo può voler dire che abbia un disturbo di personalità da forte evitamento sociale  Non starei qui a indicare il nome di una possibile psicopatologia, per serietà e rispetto. Ma ti consiglio di rivolgerti anche ad un centro di salute mentale per avere indicazioni su cosa fare. Sarà indispensabile prima o poi che lui faccia una chiacchierata con un professionista. Anche per avere un'idea di come curarsi, sia pure con l'aiuto di qualche farmaco. Saluti Vittorio Cameriero 

Caro Simone,


Capisco profondamente la sua preoccupazione. È molto toccante il modo in cui guarda a suo fratello minore.


Nella sua lettera mi colpisce che non menzioni mai i vostri genitori: lei sembra l'unico a rendersi conto che questo giovane stia vivendo un disagio relazionale, ormai da anni.


Il punto è che suo fratello è maggiorenne e, dunque, nessuno può decidere al posto suo.


Certamente potrebbe essere persuaso... 


Oggi molti/e professionisti/e offrono supporto psicologico, consulenza e psicoterapia a distanza, in modalità on-line.


Le dico questo perché se suo fratello fosse minimamente persuaso a farsi supportare, la psicoterapia on-line potrebbe essere una soluzione di compromesso (almeno inizialmente) per instaurare una relazione terapeutica o anche solo per comprendere le cause di questa chiusura ed orientarlo ad uscirne... sempre se lo vuole...


Anche con le situazioni di Hikikomori (qualora lo fosse) la psicoterapia è spesso portata avanti con modalità on-line.


Ma ripeto, la consapevolezza del disagio o comunque la decisione di parlarne è appannaggio di suo fratello...


Se ha necessità di ulteriori chiarimenti, può scrivermi.


Le auguro ogni bene.


Un saluto cordiale,


Dott.ssa Verusca Giuntini 


 


 

Buona sera Simone, Potrebbe essere utile rivolgersi ad un terapeuta sistemico e iniziare lei a chiedere aiuto, comunicando a suo fratello che ha pensato di fare lei qualche colloquio per la sofferenza che le provoca vedere suo fratello così..


quando la persona che dovrebbe vedere uno psicologo si rifiuta di farsi aiutare questa può essere L unica soluzione.. poi siccome la famiglia è una rete di relazioni ed è un sistema.. quando un elemento del sistema apporta dei cambiamenti anche gli altri potrebbero mettere in atto delle trasformazioni

Gentile utente,


condivido la risposta della collega.


Da queste informazioni da te riferite, per affrontare tutto ciò, a mio parere, sarebbe anche opportuno che i tuoi genitori chiedessero un consulto ad un professionista, esponendo "in coppia" la problematica di tuo fratello, per cercare di capire meglio (ed eventualmente correggere) alcune dinamiche relazionali all'interno della famiglia.


Continua comunque a rimanere un sostegno solido per tuo fratello, così come hai fatto fin ora.


Un saluto

Caro Simone


Sei molto premuroso verso tuo fratello, al quale, si legge dalle tue parole, tieni molto. Entrambi siete grandi ormai, e sufficientemente consapevoli. Nonostante ciò tuo fratello appare ritirato, apatico a tratti con sintomi che possono essere riconducibili ad uno stato depressivo. Senza dover fare una diagnosi, suppongo che, questa situazione, influisca sul benessere generale della famiglia. Mi chiedo se i tuoi genitori riscontrano, come sottolinei tu, questo malessere in tuo fratello e se hanno mai cercato di aiutarlo. Immagino, inoltre, che tu, da fratello maggiore, desideri poterlo aiutare e, soprattutto, fare in modo che un percorso psicoterapeutico possa essergli di aiuto. Penso tu possa solo stargli accanto, sostenerlo, senza forzarlo perché è adulto e costringerlo a fare qualcosa che lui non sente, diventerebbe deleterio. Cerca di essere, come stai già facendo, un sostegno e un appoggio per lui. Sensibilizzalo, rimandandogli che capisci la sua sofferenza, ma che se non si attiva lui per "farsi aiutare", temo che ogni tuo sforzo, possa risultare vano. Magari cercando, insieme all'appoggio dei tuoi, di sostenerlo e capirlo, potrà essere lui spontaneamente a rivolgersi a "noi" o direttamente ad uno specialista.


Auguro con tutto il cuore buona fortuna

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Difficoltà a relazionarmi ed a mantenere le relazioni interpersonali

Buongiorno, ho difficoltà a relazionarmi e di conseguenza a mantenere le relazioni interperso ...

1 risposta
Non riesco ad amare e non ho fiducia

Salve, mi chiamo Sara ed ho 40 anni. Vi scrivo per comprendere per quale motivo io non riesca pi&ugr ...

3 risposte
Vorrei andare via di casa

Buongiorno a tutti, In pratica negli ultimi due anni mi sono accorta di star vedendo sempre di ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.