Problemi relazionali

Rapporti in famiglia

Natasha

Condividi su:

Buonasera, sono la prima figlia in famiglia. Dopo di me con la differenza di 3,5 nata mia sorella. Tutta la vita da quando mi ricordo, mia sorella era sempre piccolina, poverina... Io sono quella forte (dopo polmonite a 2 anni, nessuno ricorda), di tutti casini che abbiamo fatto con mia sorella, sempre colpa mia. Mio padre accusato mia madre, che io fosse non sua figlia (mia madre ha raccontato questa disgrazia alla mia nonna in una mattina credendo che io ancora sto dormendo). Da lì ho capito perché mio padre abbastanza aggressivo verso me e mia madre e mia madre in conseguenza odia me. Stavo vivendo in silenzio senza abbracci e carezzi da parti di miei genitori. Dopo sono riuscita a superare e lasciato andare le cose come sono. Sono sposata e nata mia figlia. L'anni 90 in Russia molto difficile. Un giorno sonno partita per Italia. Ho lasciato mia figlia con i miei genitori. Erano d'accordo con la mia scelta. Dopo 2 anni circa ho pagato sempre i viaggi di miei genitori e mia figlia per passare le vacanze in Italia. In una di queste vacanze mio padre si è comportato come solito da un egoista... Li ho detto a lui che lo so tutto cosa ne pensa lui e perché sono stata trattata in tale modo. Mia sorella dopo che ho aiutato lei di arrivare in Italia e sistemare lei in modo migliore mi gira le spalle dopo che io ho chiesto a lei un aiuto per i documenti per mia figlia. Giustamente ho detto di questo spiacevole comportamento a nostra madre. Giustamente anche mia sorella ha detto alla nostra madre tutto cosa è successo ma in modo suo. Dopo di tutto ho chiuso qualsiasi rapporto con mia sorella. Ho chiesto anche i miei genitori non parlare con me di mia sorella. Ma dalle altre persone lo so che mia madre e mia sorella continuano di parlare male di me e di mia figlia. Nel telefono di mia madre dopo riparazione per uno sbaglio stata creata un gruppo sul una chat (usiamo per sentirci), dove sono capitate diverse persone insieme. (io e mia sorella insieme). Ho spiegato a mia madre che forse meglio disfare il gruppo per non creare problemi. Tutti le volte che squilla il telefono e io accorgo che sta chiamando mia sorella, chiudevo il mio telefono per non sapere le cose di loro. In questa volta non lo so perché sono rimasta di ascoltare e ora sto male. Non si cambiato niente di niente. Hanno parlato male di me e mia figlia. Mia madre capisci le cose come comodo a lei. E io non so cosa fare: stare zitta come sempre o prendere e chiamare mia madre e dire che ho sentito tutto. Ma mi ferma il suo stato di salute. Non posso parlare con mio padre, ha problemi di cuore. Non voglio parlare con il mio marito perché non voglio parlare male della mia famiglia con nessuno. Sto cercando risposta e non trovo...E come devo andare per Capodanno a casa di loro per festeggiare il loro universitario del matrimonio. Mia madre mi aspetta, perché io devo pagare la festa. Credevo scrivendo mi passa, ma mi sono sbagliata tantissimo.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Natasha, sta vivendo un momento davvero difficile con due genitori freddi nei suoi confronti e una sorella che non capisce. Tuttavia i rapporti di affetto in famiglia non spariscono mai. Se parlano male di lei è sua figlia, li affronti, questo è il mio consiglio. Dica loro quello che sente, singolarmente, cioè uno per uno. Mi faccia sapere come andrà, è un'occasione per chiarire una colta per tutte. 

Buonasera dalla sua storia emerge una profonda sofferenza per non essere stata riconosciuta e amata dai suo genitori. Soffrire in silenzio é stata una prigione e penso che un percorso di psicoterapia la potrebbe aiutare a far pace col suo passato per poi arrivare a lavorare su se stessa senza la costante ombra di questo passato. Penso sia molto importante, con l'aiuto di un professionista, che inizi a dialogare con se stessa passando per il dolore per poi superarlo e andare avanti. Nessuno puó cambiare il proprio passato ma  possiamo partire oggi e creare un nuovo finale. A presto 

Cara Natasha,


Quanto dolore nella sua storia! Certi vuoti di affetto e certe ingiustizie sono molto difficili da riparare, se dall'altra parte c'è qualcuno che insiste nel voler sbagliare. Quanta mancanza di amore...


Si concentri sulla sua bimba. Usi il denaro, il tempo, l'affetto, il dialogo, l'attenzione per la sua bambina.


Esprima il suo dolore con suo marito. Non protegga la sua famiglia di origine, non sembrano meritare tanto onore.


Li allontani. Il tempo (un bel po' di tempo) le dirà cosa c'è da salvare.


Lei è una donna forte. Non regali la sua forza al vento.


Un caro saluto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento diversa da tutti

Ciao, mi chiamo Giulia e ho 18 anni, la sensazione di essere diversa dai miei coetanei mi ha sempre ...

3 risposte
Non provo ne fiducia ne attaccamento verso nessuno, perché?

Salve a tutti, sono un ragazzo di 18 anni e mi sono trovato casualmente sul sito, notando che ci ...

4 risposte
Voglio una relazione ma allontano tutti

Buongiorno a tutti Non saprei da dove iniziare a parlare della confusione che ho in testa, ma ho ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.