Problemi relazionali

Vorrei andare via di casa

Alissa

Condividi su:

Buongiorno a tutti,

In pratica negli ultimi due anni mi sono accorta di star vedendo sempre di più i miei genitori nella loro complessità di umani, piuttosto che come figure idealizzate. Solo che tante cose mi fanno molto fastidio, mi sembra che certe dinamiche siano diventate tossiche per me, ogni volta che si discute mi fanno sentire come se non fossi mai cambiata negli ultimi anni, quando invece è successo, sono cambiata tanto e mi impegno sempre per migliorarmi. Ora dovrò iniziare l’università e io non vedevo l’ora anche per stare fuori casa per un po’, invece sarà online. Mi sembra di impazzire al pensiero di stare in casa con loro per altri mesi. Non ho la possibilità economica di affittarmi un posto mio ma vorrei tanto, sento che è arrivato il momento per me di “lasciare il nido” ma le circostanze non me lo permettono ed essere cosciente di questo mi fa stare male.
Non so cosa fare, io e mia sorella abbiamo provato a comunicare ai nostri genitori questi disagio che sentiamo ma veniamo sempre definite come “esagerate” e “ipersensibili. È davvero frustrante quando fai quello che puoi per esprimere educatamente i tuoi pensieri e le tue sensazioni ed essere sminuita così.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Alissa,


nel leggere il suo breve messaggio e la sua età mi sembra di comprendere che lei stia attraversando una fase delicata di crescita, che è quella del passaggio dall'adolescenza alla giovinezza.


Questa è una fase in cui, solitamente e come lei stessa riconosce, viene meno l'idealizzazione dei genitori che è tipica dell'infanzia, si attenua il conflitto genitori-figli tipico dell'adolescenza e piano piano emerge una nuova forma di relazione che è basata sul riconoscimento reciproco dell’altro come adulto, aldilà del ruolo che riveste all’interno della famiglia. Quello che lei bene descrive quando dice “sto vedendo sempre di più i miei genitori nella loro complessità di umani”.


Quando i figli diventano giovani, il cambiamento è delicato anche per i genitori. Mamma e papà si trovano di fronte ad un compito difficile: imparare a guardare i propri figli come adulti, interloquire con loro sempre più alla pari, trovare un nuovo modo di svolgere il loro ruolo di genitori fungendo da "trampolino di lancio", incoraggiando l'autonomia dei figli e favorendo la fuoriuscita dalla famiglia.


Se il rapporto genitori-figli in passato è stato burrascoso, questo cambiamento che riguarda tutto il sistema familiare può risultare più difficoltoso e il percorso di autonomia e svincolo dalla famiglia può risentirne.


In situazioni simili a quella che lei sta vivendo, può essere utile per i figli richiedere un supporto psicologico individuale per essere aiutati a comprendere come salvaguardare il legame con i genitori e allo stesso tempo procedere con il proprio percorso di crescita verso l’autonomia e il mondo adulto.


Anche una consulenza familiare può essere utile per aiutare i genitori e i figli a riconoscere i bisogni e le emozioni reciproche e favorire il percorso di crescita di ciascuno e della famiglia nel suo complesso.


Disponibile ad ulteriori informazioni,


le auguro buone cose.


dott.sa Tiziana Mannello, psicologa psicoterapeuta e mediatrice familiare

Ciaoo


cara studentessa,


partiamo che per fare i figli non è facile, essere genitori meno ma poi ha complicare il tutto sono le nostre esigenze, sogni. Per l'universita esiste il diritto allo studio, quindi borse di studio e casa dello studente presenti in tutte le regioni, potreste trovare un lavoro nel fra tempo studiare, trovare di ricavarvi uno spazio che sia tutto vostro con tua sorella in modo da staccarvi dai vostri genitori. I genitori fanno fatica nel capire le esigenze i bisogni dei figli anche perché la formazione è diversa. Il periodo certo non aiuta allora studiate fuori casa biblioteca, con amici, all'aperto trovate il modo di vivervi l'università diversamente, per un pò cercate di mediare con i vostri genitori, in modo da vivere in modo serene.


Fatemi sapere come va


Cordiali saluti


Dottoressa Filomena Lopez Psicoterapeuta

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Depressione cocaina e paura dell’impegno

Salve. Un anno e mezzo fa ho conosciuto un ragazzo in circostanze molto brutte. Mio fratello si è ...

1 risposta
Come interpretare il suo comportamento?

Ciao a tutti mi piacerebbe avere dei consigli su come comportarmi con questa ragazza conosciuta su ...

2 risposte
Rapporto genitoriale alienante

Salve, chiedo un parere a voi esperti perchè nonostante ci siano alti e bassi, vivo davvero ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.