Non riesco più a lavorare serenamente

Alessia

Buongiorno, nell’ultimo mese ho spesso problemi al lavoro. Non riesco più a lavorare con la serenità e tranquillità di prima. Infatti, spesso mi capita di sbagliare, dimenticare le cose oppure perdere la concentrazione su quello che stavo facendo. Non riesco a capire se è solo un periodo passeggero oppure questo è un segnale per cui smettere di fare questo lavoro e iniziare un percorso di terapia. Questa mia ricerca della perfezione mi sta esasperando e mandando in crisi ogni giorno e oggi sono arrivata al punto di scoppiare a piangere perché non volevo più avere niente a che fare con tutto questo. Sono stufa di andare al lavoro e non riuscire più a fare bene come prima le attività e a sentirmi sempre in difetto , sbagliata e in colpa. So che tutte le frasi che sto scrivendo probabilmente non hanno un senso logico ma sono parole che sto buttando fuori di getto, forse per la prima volta.

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Alessia, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL