Psicologia del Lavoro

Non ho voglia di andare a lavorare

SAVERIO

Condividi su:

Buongiorno.
Vorrei esporre un mio problema specifico che, probabilmente, dipenderà anche da una mia insicurezza di fondo, ma vorrei ricevere qualche spunto per poterlo affrontare in maniera più serena. Arrivo al punto: “Non ho voglia di lavorare”.

Ho avuto molte esperienze professionali, in una moltitudine di settori, ma non ho mai trovato un impiego che mi soddisfacesse. In ogni lavoro ho sempre trovato lati negativi che sovrastavano quelli positivi. Ad eccezione di un paio di esperienze a tempo determinato, affrontate più come un gioco che come un lavoro, non sono mai stato contento di andare a lavorare.

L’ho fatto solo per guadagnare e per “compiacere la gente”. Adesso che ho 40 anni e dovrei essere più maturo ed avere la cosiddetta testa sulle spalle, non sono cambiato. Nonostante abbia un impiego a tempo indeterminato, non sono per niente soddisfatto.

Mi annoio a lavorare e non vedo l’ora di tornare a casa. Penso tutti i giorni di dimettermi, ma non lo faccio, perché mi dispiacerebbe rinunciare ad uno stipendio (anche se questa rinuncia non influirebbe in maniera incisiva sul budget familiare e sul mio tenore di vita) e per “non vergognarmi” di fronte alla gente, dicendo che preferisco stare a casa, piuttosto che lavorare.

Però mi chiedo: “Vale la pena lavorare solo per poter dire agli altri che si ha un’occupazione”? “Vale la pena lavorare solo per guadagnare uno stipendio?”.

Vi sarei grato se mi deste qualche consiglio e qualche spunto di riflessione per affrontare questo mio cruccio. Vi chiederei, se possibile, di pubblicare questa mia domanda in maniera anonima e di trasmettermi la risposta privatamente, tramite e-mail.

GRAZIE.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile signore,


c'è una quota di persone che vivono di rendita, il che non significa che non lavorino del tutto, in quanto il loro lavoro consiste in genere nel prendersi cura delle proprietà che permettono loro la rendita. Solitamente questo impegno non è così continuo e sistematico come ad es. quello di un lavoratore dipendente o così stressante e frenetico come a volte è quello dei lavoratori autonomi. A volte basta a queste persone un giorno o due di lavoro a settimana.


D'altra parte il lavoro è assolutamente essenziale perché rappresenta la sopravvivenza e l'autorealizzazione. E' più importante in questo senso dell'avere dei figli e una famiglia acquisita.


Spero che questi spunti siano ciò che chiedeva, in ogni caso penso potrebbe e dovrebbe approfondirli con un professionista, anche al limite con una consulenza psicologica, che può chiedere anche on line.


Cordiali saluti


 

Ciao, il fatto di non avere voglia di andare a lavorare può dipendere da più fattori. Nel tuo caso la tua poca voglia del lavoro potrebbe attribuirsi ad una idea che hai dentro di te sul lavoro, molto seria, qualcosa che ti fa vivere il lavoro come troppo serio, adulto e noioso.


Dovresti riscoprire una dimensione più ludica del lavoro, o trasformando il tuo approccio al lavoro che fai, oppure orientarti verso un lavoro più leggero, in cui puoi anche divertirti.


D'altra parte l'esperienza dell'unico lavoro che ti è andato meglio, ha avuto di positivo il divertimento. Perciò ti consiglierei di "cercarlo" un modus più giocoso di relazionarti al lavoro.Perché ripeto potresti aver incamerato un'immagine troppo rigida e seria del lavoro.


Saluti Vittorio 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del Lavoro"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Un posto di lavoro impossibile

Buonasera. Sono una giovane donna sulla trentina che lavora in qualità di Hotel Manager. ...

1 risposta
Demotivazione incotrollabile

Buongiorno a tutti. Sono un uomo di 55 anni, ad agosto ne compirò 56. Sono sempre stato un ...

7 risposte
Orientamento professionale

Buongiorno, ho 38 anni e sono in un periodo della mia vita in cui mi sento totalmente insoddisfatta ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.