ADHD e DSA

A chi posso parlarne?

Matteo

Condividi su:

Salve sono uno studente di medicina, ho 25 anni e vi scrivo perché da qualche tempo mi ronza un pensiero in testa. Ho molta difficoltà nello studio, e molti miei colleghi dopo avermi osservato nella vita di tutti i giorni, a lezione ed in biblioteca mi hanno detto che probabilmente potrei avere l'adhd. Mi sono informato sulla cosa e piano piano ho ripercorso la mia vita ( anche se molte cose non le ricordo), ed in effetti questo disturbo spiegherebbe completamente quella che chiamo la mia iperattività, questo motore che mi sento dentro e questa incapacità di stare seduto più di due minuti se non per fare qualcosa che mi piace. In qualche modo ho passato scuole medie e liceo, come i primi due anni di medicina, ma ora mi trovo davanti a muri insormontabili che non riesco nemmeno ad iniziare a scalare. Riesco a lavorare anche per 50 ore senza dormire e mangiare su cose che mi piacciono, ad esempio quando scrivo, quando gioco ad un videogame nuovo o quando sto imparando qualcosa di nuovo, ma non riesco a concentrarmi per dieci minuti e non riesco a non parlare senza freni in occasioni di gruppo. Con l'età ho imparato a smorzare gli aspetti peggiori del mio modo di essere, come l'aggressività costante che avevo in passato quando mi agitavo, i tic, la mia incapacità di ascoltare. Purtroppo la mia disattenzione costante in tutto sta diventando debilitante, e non so a chi rivolgermi. in famiglia sia mio padre che mio nonno hanno avuto sintomatologie molto simili anche se evolute in modo diverso a causa delle loro vite. Mio cugino ha avuto una sintomatologia simile ed ora è dipendente dall'eroina da più di sei anni. I sintomi sono infiniti ma mi sembra insensato elencarli ora. una cosa importante forse, è che con gli anni dal liceo in poi appena ho dei giorni liberi tendo a diventare diurno, dormo il pomeriggio spesso e vivo la notte, oppure non dormo per due giorni e poi dormo per 14-15 ore di seguito. Parlo e mi muovo molto nel sonno inoltre.
Grazie in anticipo per la vostra risposta, cerco di capire cosa c'è di sbagliato in me da quando ho 12 anni, so di non essere stupido perché in un test del quoziente intellettivo indicativo di un associazione matematica mi è stato misurato attorno ai 128 punti, eppure non riesco a venirne fuori con l'università. Sono pronto a rispondere a qualsiasi vostra domanda ma aiutatemi vi prego. Posso assicurarvi che non soffro di depressione, sono un inguaribile ottimista, e mi sono informato benissimo prima di permettermi di dire questo. Ma ho letto esperienze di vita di altre presone che hanno questo disturbo e per la prima volta non mi sono sentito solo nel mondo. Ogni cosa combacia alla perfezione e spero davvero di trovare qualcuno di qualificato con cui poter parlare.
Cordiali saluti

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Matteo, ci sono moltissime persone che soffrono dei disturbi che lei elenca. Innanzitutto  bisognerebbe che lei  consultasse un centro specializzato dove viene trattato l'ADHD nell'adulto e che le venisse fatta una diagnosi. Se i suoi  sospetti  fossero accertati  attraverso una diagnosi, potrebbe accedere alla terapia farmacologica  che tra l'altro è molto efficace. Le persone con ADHD, solitamente sono notevolmente intelligenti ed hanno un quoziente intellettivo  assai più elevato rispetto alla media, e questo rinforzerebbe la sua ipotesi, ma ovviamente è necessario che lei si sottoponga  agli specifici test diagnostici.  Purtroppo  ancora pochissime persone, anche tra i professionisti  del settore conoscono  a fondo tale  problematica, ma per fortuna  in Italia esistono diversi centri specializzati  ai quali si può  tranquillamente rivolgere. Spero di esserle stata d'aiuto e le faccio tantissimi auguri.        

Buongiorno Matteo, per capirci qualcosa sarebbe opportuno che ti rivolgessi a qualcuno nella tua zona esperto delle tematiche descritte. Hai molte risorse, hai gestito la situazione portando avanti i tuoi studi, probabilmente sono sopraggiunti altri fattori che ti stanno rendendo difficile proseguire.


Fai delle ricerche, chiedi al tuo medico se conosce qualche terapeuta a cui puoi rivolgerti.


Resto a disposizione.


 

Carissimo Matteo,


vi sono pochi elementi per poter fare una diagnosi definitiva in base ai sintomi da te descritti. Per tale motivo ti suggerisco un percorso con uno/ una Psicoterapeuta capace di individuare le tue difficoltà intervenendo in maniera adeguata e specifica. Non essere prevenuto pensando di avere una patologia grave, a volte è necessario trovare un metodo adeguato per studiare che veramente possa permetterti di concentrarti in base alla tua maniera. Ogni persona ha un metodo di apprendimento diverso, per cui devi essere sostenuto nel comprendere qual’e Il tuo metodo e di quale canale hai bisogno affinché tu ti possa concentrare meglio( utilizzando un canale visivo, udito, motorio, olfattivo o di tatto)? Sii fiducioso e non essere prevenuto in merito a ciò che i tuoi colleghi ti hanno detto e soprattutto cerca di comprendere se da 0-10 quanto ti interessa medicina. Questa facoltà è una tua scelta o di qualcuno altro che ti ha influenzato? Buona riflessione!


Cordiali saluti


 


 

Caro Matteo, 


grazie intanto per la tua condivisione, immagino che lo scritto sia frutto di una riflessione che da tempo porti avanti e penso che abbia scelto lo spazio giusto per parlarne.


In effetti le indicazioni che tu riporti potrebbero far pensare ad un quadro di ADHD e sono convinta che un approfondimento di valutazione possa darti le risposte che cerchi. Sia per dare un "nome" alle tue percezioni ma soprattutto perchè possa diventare un punto di partenza per un percorso che ti aiuti a trovare le strategie giuste, per catalizzare in modo ottimale le tue risorse intellettive e personali. Mi viene in mente la fatica che tu possa fare nella gestione dello studio e dello stress quotidiano, dalle tue parole mi risuona l'immagine di uno studente attivo, con una vivace intelligenza ma che tenda a perdersi nei compiti lunghi e ripetitivi che vengono richiesti nello studio, che poi servono a farci arrivare al traguardo finale.


Le strategie psicologiche esistono, sono di aiuto a molte persone nella gestione della vita e servono ad evitare che la disattenzione e la disorganizzazione impediscano di perseguire i propri obiettivi personali.


Ti consiglio di rivolgerti alle associazioni scientifiche professionali per ricercare il professionista giusto, tra queste l'AIDAI e l'AIRIPA, on line troverai con facilità i riferimenti.


Ti auguro il meglio per la tua vita e la tua carriera, 


un caro saluto

Mi sono occupata per anni e mi sto occupando di bambini e adolescenti portatori di ADHD. Mi pare che la tua autodiagnosi sia corretta. Nei confronti di queste persone viene messo in atto un percorso di modificazione del comportamento e delle abitudini scorrette o controproducenti di tipo cognitivo- comportamentale secondo un approccio individualizzato. Spesso nell'adulto vi è una riduzione dei sintomi ma mi pare che non sia il tuo caso.


 

Ciao matteo


ti consiglio di fare un approfondimento diagnositco in modo da verificare la presenza di un possibile ADHD opoure altri disturbi quali i DSA. Purtroppo senza un colloquio è difficile capire. E vero che i ragazzi ADHD non diagnosticati in età infantile possono sviluppare delle dipendenze, ma questo dipende anche di altri tanti fattori. Io lavoro nell'ambito delle dipendenze e mi occupo anche di attività diagnostica.  Su Trieste non conosco colleghi, ma se avessi neccesità di un eseguire un percorso dianogistco io ricevo su Milano.prova a chiedere al tuo medico di base, può indirizzarti verso una pschiatra che possa aiutarti. 


In ogni caso, non sentirti solo, a volte semplicemente abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti a capire le nostre difficioltà. 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "ADHD e DSA"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Deficit di attenzione

Ho un bimbo di 5 anni che presenta scarsa attenzione durante le attività scolastiche. Da un ...

2 risposte
Mia figlia si distrae a scuola, cosa devo fare?

Buongiorno, mi chiamo Francesca e sono la mamma di Marta una ragazzina di 11 anni e mezzo che freque ...

8 risposte
Mio figlio di 5 anni si distrae facilmente

Buongiorno, ho un bambino di 5 anni e frequenta l'ultimo anno della scuola dell'infanzia. Purtroppo ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.