Adolescenza

Mia figlia di 14 anni non riesce a fare amicizie

concetta

Condividi su:

Buon giorno, sono una mamma di 41 anni che cresce da sola con difficoltà economiche e tanto amore una figlia di 14 anni. E' felicissima di essere uscita dalla brutta esperienza delle scuole medie, sempre messa da parte e presa in giro perché non era magrissima, perché non si comportava come gli altri, che disturbano, ridono di tutto e di tutti. Non si è mai inserita, ha subìto anche molti atti di bullismo. Non rendeva molto a scuola, stava perdendo la fiducia in se stessa. Ora finalmente al liceo, un ambiente a lei più congeniale, tutti interessati allo studio, tutti corretti e gradevoli. Ma lei ancora non riesce a farsi amicizie da frequentare fuori dall'aula. Si sentiva la ragazza più felice del mondo all'idea di poter uscire con degli amici, e invece niente. Comincia a frequentare qualcuno e poi viene sistematicamente allontanata. Lei ne soffre tantissimo, ed io per lei. Alla fine sta sempre con bambini più piccoli (sua sorella, i bambini della parrocchia a cui fa catechismo, i bambini in palestra, ecc) o con adulti. Io non esco nel tempo libero, e non frequento più con loro il mio vecchio gruppo di amici, per ragioni e economiche e per divergenze di opinione. Non so come darle una mano a farla venir fuori, è così bello sentirla ridere felice, ormai accade sempre più raramente. Io alle volte penso che lei risulti noiosa ai coetanei, perché non entra in sintonia con la massa. Cosa posso fare per lei? Cerco di rincuorarla e di consigliarle di approcciare delicatamente una conoscenza, senza sembrare un tornado invadente, perché per l'emozione lei tende ad assolutizzare le persone, e parlo molto con lei. Ma tutto quello che faccio è nullo. Come posso aiutarla?

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve sig.ra Concetta. Da come espone il problema sembra ci sia principalmente una carenza di esperienze amicali e di contatti extra familiari. Sua figlia, oltre la scuola, ha modo di stare, anche con una certa fatica, in contesti tra pari? Purtroppo meno frequenta ragazzi coetanei e meno avrà modo di fare esperienza di questo aspetto, risultando nelle rare occasioni di socializzazione, impacciata e con pochi argomenti. Oltre a catechismo e palestra, che esperienze fa? Sa se fa utilizzo di chat o simili su internet? Se non ci fosse la possibilità di avere l'aiuto di un esperto, che dopo aver compreso bisogni e motivazioni di sua figlia potrebbe indirizzare la ragazza verso esperienze idonee, credo che il permetterle di stare a contatto con coetanei (conoscerà le offerte del territorio molto meglio del sottoscritto), il far esperienza, anche con fatica, del rapporto con gli altri, sia imprescindibile. Ovviamente con una supervisione sua sulle capacità di relazione e assertive, per far in modo che non ricada in episodi di bullismo o di ripetuta esclusione. Si concentri sui suoi interessi, sui contesti dove ha già delle competenze e non possa rifugiarsi in relazioni "facili" con adulti o bambini. Se questo dovrebbe essere troppo doloroso, bisognerà trovare altri contesti, ma rilanciando sempre alla figlia la volontà di entrare o meno in certi contesti, ma senza cedere alle prime titubanze. Purtroppo non è possibile un cambiamento senza sforzo e senza ogni forma di sofferenza.

Buon giorno Concetta,

Immagino che sia molto frustrante per sua figlia non riuscire a stringere amicizie e capisco che per lei sia doloroso vederla così perchè vorrebbe poterla aiutare a sbloccare questa situazione. 

A volte le dinamiche fra ragazzi possono essere molto dure, lo so bene:  l'esperienza di isolamento e bullismo che ha vissuto sua figlia è stata probabilmente traumatica, un trauma che lei continua a portarsi dietro e che la rende insicura con gli altri. Forse è proprio questa esperienza che va elaborata in un percorso psicologico. 

Da un lato sento un grande bisogno di relazione in sua figlia che forse è legato alla grande solitudine che ha vissuto che forse la spinge a comportorarsi come un tornado nei rapporti coi coetanei. 

La buona notizia è che ci sono molti elementi su cui poter lavorare con sua figlia, che potrebbero migliorare ampiamente la sua autostima, e le sue relazioni con i pari. Quindi non perda le speranze e continui ad accogliere le emozioni di sua figlia, cercando insieme a lei delle nuove strategie relazionali e dei nuovi contesti in cui poter fare amicizia.

Sono comunque disponibile a lavorare insieme a voi qualora  sua figlia avesse bisogno di sostegno psicologico.

Un caro saluto.

Buonasera Concetta,

il fatto che lei le stia accanto e la supporti, non è qualcosa di nullo ma di fondamentale importanza. Probabilmente sua figlia ha delle resistenze più forti che le impediscono di fidarsi dell'altro o dal mostrarsi desiderosa di relazione.

Ho usato la parola "fiducia" perchè tendenzialmente quando si fanno scelte di questo tipo, sopratutto in piena adolescenza come sua figlia, spesso la sensazione che ho è che non ci si fidi molto dell'altro e che si abbia paura di qualcosa. Inoltre, dalla storia scolastica che racconta, sembra che non abbia avuto buone esperienze di socializzazione e quindi rifugiarsi in un posto con più piccoli o più grandi, potrebbe sembrarle più sicuro.

Mi colpisce molto il parallelismo che fa con lei, che sceglie per divergenze di opinioni di non frequentare altre persone e non uscire molto. I figli spesso usano i genitori come modelli ed è possibile che si creino delle idee di se e del mondo in base a quelle che hanno vissuto in casa. Magari avendo anche lei avuto esperienze di spiacevoli socializzazioni, questo rinforza il suo isolamento. 

Le consiglio eventualmente di parlare con un terapeuta che possa eventualmente seguire sua figlia per aiutarla a prendere fiducia nell'altra, ma anche in se stessa. Dall'altra parte se posso darle uno stimolo, se le fosse possibile avere delle relazioni e degli spazi di fiducia con l'altro, potrebbe dare a sua figlia degli spunti interessanti di incontro con l'altro. Ovviamente non è un compito e non le chiedo di sforzarsi, ci mancherebbe, ma penso sia importante che il nostro pensiero rimanga coerente con il nostro stile di vita, altrimenti si rischia di non essere creduti.

Ad ogni modo voglio rinforzarle di nuovo il fatto che i suoi tentativi non saranno e non sono nulli, soprattuto se fatti con il cuore e per il bene di sua figlia. Anche se ora non sembra attecchire, sua figlia non lo dimenticherà.

Per qualsiasi cosa resto a disposizione

 

Buongiorno signora,
 
io penso che sua figlia possa superare presto questa difficoltà in quanto ha un'età in cui con la trasformazione veloce del suo corpo e delle relazioni con gli altri avrà una possibilità di vedere dei grandi cambiamenti nella sua vita, anche negli atteggiamenti che avrà nei confronti dei suoi coetanei, sia in gruppo che nei rapporti con i primi fidanzati.
Per iniziare ad avere dei cambiamenti intesi come miglioramenti, dovrà attivarsi per migliorare la sua autostima e quindi la Sicurezza che ripone in sè stessa, la Fiducia nelle proprie Risorse personali, la possibilità di affrontare le eventuali paure che può sentire quando si relaziona con gli altri.
E' importante che sua figlia si comporti in modo spontaneo, naturale, senza strafare per cercare di somigliare al gruppo, nel momento in cui affronterà le eventuali paure, vedrà che esse sono solo delle bolle di sapone che scoppieranno attraverso le esperienze e le trasformazioni 
che avrà nelle proprie credenze su sè stessa, nell'immagine che si è creata 
e nel migliorare la Sicurezza in sè stessa.
Tutto questo aiuterà sua figlia ad uscire fuori dal sua guscio, dal suo nido, è bene che lei cerchi di aiutarla ogni volta che sua figlia glielo chiede o quando ne avrà bisogno, ma l'aiuto più grande è quello che sua figlia darà a sè stessa attraverso i cambiamenti che attiverà giorno dopo giorno nella sua vita.
Per iniziare a migliorare l'autostima può farsi le seguenti domande costruttive:
- che immagine ho di me stessa?.....................................
- cosa penso di riuscire a fare, nei miei progetti, nei rapporti con gli altri, nel migliorare me stessa        interiormente? ..........................................................................................
- di cosa ho bisogno per migliorare la Sicurezza in me stessa?....................................
- quali sono le mie Risorse personali che posso attivare per migliorare me stessa?
ad esempio: l'umorismo, l'intelligenza, la sensibilità, la creatività ed altro, scrivi le tue risorse personali e come queste risorse possono esserti utili per migliorare la fiducia in te stessa e per migliorare i rapporti con gli altri.
....................................................................................................................................................................................................................................................................................
- c'è qualcuno che potrà darmi una mano in questo?.........................................
- quali sono gli eventuali blocchi, le barriere interiori che mi producono difficoltà nelle relazioni con        gli altri?...........................................................................................................
- c'è un vantaggio secondario nel comportarmi come faccio oggi?................................
- scrivi almeno 6 modi utili per Migliorare la tua autostima e mettili in pratica giorno dopo giorno, scrivi.
1 ............................................................................................................................

................................................................................................................ 3 ................................................................................................................  4 ................................................................................................................ ................................................................................................................ 6 ................................................................................................................
spero di esservi stato d'aiuto, mi raccomando faccia rispondere a queste domande sua figlia, e poi le faccia mettere in pratica quello che ha scritto, l'esercizio lo deve fare da sola quando è pronta.un cordiale saluto per lei e sua figlia

 

L' aiuto migliore che può dare a sua figlia è quello di aiutare se stessa prima di tutto a ritrovare il piacere di vivere e di vivere anche con gli altri in modo divertente e talvolta profondo, riuscendo anche a gestire il conflitto e le differenze di opinione e di stile di vita in modo costruttivo. Sua figlia vedrà che le relazioni sociali non sono pericolose e impossibili se la mamma per prima le vivrà così. Dopodiché potrebbe servire un sostegno psicologico a sua figlia magari tramite lo sportello di ascolto scolastico,per capire la gravità del suo disagio e le strategie per risolverlo. Auguri

Salve Sig.ra Concetta, capisco che la situazione di avere un adolescente in difficoltà genera sconforto anche nel genitore.

Innanzitutto, occorre tener presente che un figlio adolescente non sempre riesce a spiegare tutto ciò che prova o che avviene nella sua vita, e non sempre chiede esplicitamente aiuto proprio perchè questa fascia di età, porta all'essere e sentirsi indipendenti.

Nel suo caso, bisognerebbe capire quali difficoltà incontra sua figlia nel legare con i coetanei, e cosa accade quando, una volta instaurato il rapporto, questo poi viene a mancare. E' probabile che le esperienze negative le impediscono di instaurare un legame di amicizia, proprio perchè ha paura di un possibile rifiuto o che l'amicizia prima o poi finisca; come pure è probabile che ci siano altre motivazioni a riguardo. Ciò comporta un isolamento sociale e quindi anche ad un abbassamento di autostima.

Per questo avrei bisogno di parlarne con sua figlia con dei colloqui, e successivamente, anche di parlare con lei genitore.

Io ricevo su appuntamento ad Apricena,  Stornara presso lo studio di Fisioterapia del dott. Michele Masotina e a San Severo presso lo studio medico polispecialistico SALUS CENTER DIAGNOSTICA.

Un saluto e a presto.

Cara signora Concetta posso capire quanto si possa sentire impotente nel vedere sua figlia soffrire e non poter intervenire ma si ricordi una cosa la crescita dei figli per i genitori è Sempre sofferenza, perchè è sempre minore l'aiuto che gli possiamo dare in maniera diretta, siamo sempre meno controllori e gestori della loro vita. Data questa premessa mi sembra che stia già facendo tanto per sua figlia, l'unico suggerimento che mi sento di darle, non conoscendola di persona, è cominciare lei stessa ad aprirsi un pò di più all'esterno frequentando un pò di più gente estranea alla famiglia in maniera tale da dare un modello positivo a sua figlia e così aiutarla indirettamente. Sua figlia sta crescendo ed ha bisogno qualsiasi cosa le accada, anche rifiuti da parte dei coetanei, di sentire e sentirsi che lei va bene com'è adesso, e che le cose alla sua età non sono mai per sempre, anche se la percezione non è questa! Resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Saluti

 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

12 anni ... sempre distratto a scuola

Buongiorno, mi rivolgo a Voi professionisti per avere dei consigli. Mio figlio ha 12 anni e frequent ...

1 risposta
figlio adolescente con scarsa socializzazione

Buongiorno, ho un figlio di quasi 12 anni che frequenta la seconda media. E' sempre stato un bambino ...

3 risposte
Non sopporto il tradimento di mia madre

Ciao, ho 18 anni e sopporto da 11 anni il tradimento di mia madre. Fin da quando avevo 7 anni sono ...

11 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.