Genitori oppressivi

Noemi

Ciao a tutti, sono una ragazza di quasi 18 anni. I miei genitori si sono separati da quando andavo alle elementari e attualmente non vedo mio padre da circa 8 anni. Mia madre, ha un compagno da ormai 7 anni, che ha sempre cercato di ricoprire il ruolo paterno che non ho avuto. Ho anche un fratello maggiore che ha 25 anni, il quale è sempre stato oppressivo e geloso nei miei confronti.
Sono sempre stata la “piccola” di casa, la tipica ragazza che va bene a scuola e non esce mai, non tanto perché non me lo permetterebbero a priori, ma proprio perché non amo uscire a divertirmi come qualsiasi altra ragazza della mia età. Circa un anno e mezzo fa, ho iniziato a frequentarmi con il mio attuale ragazzo, il quale è stato il principale motivo di scontro tra me e la mia famiglia. Inizialmente ho fatto tutto di nascosto, ma poi ho dovuto cedere, in quanto non era fattibile raccontare sempre bugie; più che altro, avevo bisogno di un sostegno per nascondere bene la cosa al mio fratello maggiore, dato che è la persona più aggressiva e manesca della famiglia e ho letteralmente il terrore di lui. E così, ho fatto conoscere il mio lui a mia madre e al suo compagno e devo dire che all’inizio ero più che soddisfatta; abbiamo iniziato a vederci durante la settimana, nei pomeriggi estivi, fino a quando è arrivato l’inverno e sono iniziata ad andare a casa sua; tutto questo ovviamente di nascosto dei miei genitori. Quando usciamo, stiamo assieme per un massimo di due ore e onestamente, sia a me che a lui, sta iniziando a pesarci questa cosa; vorremmo passare molto più tempo assieme, non dover dire sempre bugie e avere maggiore flessibilità da parte dei miei genitori. Ho provato a discutere con loro di questa cosa un sacco di volte, ma finisco sempre per essere chiamata “bambina” o “maleducata”. Per non parlare del fatto che il mio fratello maggiore non sappia ancora nulla: per quanto tempo ancora dovrà andare avanti questa cosa?
Io sono davvero esausta, vorrei poter uscire nel weekend con il mio ragazzo, dormire assieme, fare viaggi assieme… e invece no, sono costretta anche a dire di non aver mai avuto rapporti sessuali, solo perché ho dei genitori con una mentalità antica.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Ciao Noemi, mi permetto di darti del tu vista la tua giovane età, mi spiace molto per la situazione che descrivi poichè posso comprendere il dispiacere ed il disagio connessi.

Sarebbe molto importante che voi possiate instaurare un dialogo schietto, sincero e senza giudizio mediante il quale poter trovare strategie utili per soddisfare le esigenze di tutti e condividere pensieri e vissuti emotivi.

Ti auguro il meglio.

Resto a disposizione, anche online.

Cordialmente, dott FDL

Gentile Noemi,

si intravede fin dalle prime righe la sua voglia di rinascita e di trovare forse anche un dialogo e una comprensione nella sua vita familiare.

Lei mi sembra però molto attenta e una persona che valuta non solo i comportamenti, le parole, ecc. degli altri ma anche i suoi.

Mi verrebbe da consigliarle di provare a mettersi lei in gioco e spiegare come si sente, cosa vorrebbe, far presente la fiducia che le possono dare, ecc. inoltre valuterei anche una psicoterapia individuale per essere aiutata, ascoltata e supportata in questo momento di vita. Qui non solo gli incontri sono senza giudizio e coperti da segreto professionale ma sarebbe un luogo tutto per lei dove potersi osservare non solo i pensieri che nascono da queste situazioni ma anche le emozioni e cercare così pian piano di ritrovare la sua serenità e nuove strategie comunicative e di vita.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive e/o eventuale consulenza online.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino e online