Assistenza gestione bimba

Veronica

Buonasera, ho bisogno di un consiglio su questa problematica: ho una bimba di sei anni quasi. È una bambina vivace ma anche molto scontrosa. Vuole sempre essere al primo posto. Non ubbidisce quasi mai. Con me come mamma lo fa raramente ma suo padre non lo ascolta mai. Fa molto la scontrosa con lui, non lo saluta mai la mattina se non dopo mille richiami. Il padre inoltre è molto geloso della nonna materna. Ieri ha chiesto alla nonna di accompagnarla al bagno ad esempio quando ci eravamo entrambi. E lui si è molto infastidito, a me invece mi ha fatto piacere. Cosa consiglia x potere risolvere la cosa?

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Veronica,

come prima cosa cercherei di capire se lei e papà impartite un'educazione seguendo un modello di base "univoco". Per esempio no per questo e questo, sì per questo, per certe cose si trova il compromesso, ecc.

Vi confrontate a livello educativo?

Come dite un "no"?

Come chiedete per esempio di portare a termine un evento come mettersi le scarpe, vestrisi, ecc.?

Vi consiglio in primis di lavorare sul ruolo genitori, sul trovare una strada comune, sul comunicarvi le vostre difficoltà e dove invece vi potete aiutare a vicenda. Con la bimba provare a rimettersi in gioco e stabilire una regola precisa da portare a termine magari nella settimana, spiegando il perchè, dando informazioni, dando voi per il primi buon esempio e cercando capire come mai non ubbidisce glielo si potrebbe anche chiedere!

Per quanto riguarda la gelosia di nonna posso capire che talvolta l'amore per un figlio sia "insormontabile" ma sono due amore e ruoli diversi perchè i nonni non devono obbligatoriamente educare ma anzi seguire la vostra linea e l'amore e l'affetto verso i nonni non sarà mai come un genitore. Potrà capitare di sentire "ma nonna è più brava?" magari sì ed è normale perchè lei ha meno "doveri" educativi. 

Se però le difficoltà persistono vi consiglio di richiedere un supporto genitoriale per essere aiutati, accolti, supportati ed eventualmente indirizzati nella sua educazione ma anche nella riformulazione di alcune criticità che possono emergere quando da persona singola si diventa coppia e genitori. 

Vi consiglio la lettura di un mio articolo: https://www.psicoterapiacioccatorino.it/consulenza-psicoterapia-famigliare/

Resto disponibile per informazioni, domande aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Carissima Veronica,

sembra che Sua figlia abbia una difficoltà ad accettare la figura paterna. La situazione è difficile trattarla attraverso un portale.

È chiaro che Suo marito soffra per questa situazione, del resto la figlia non lo ascolta e questo non deve essere facile per lui. La questione andrebbe approfondita, ma sembra - in questo azzardo, non conoscendo la situazione se non attraverso il breve resoconto che Lei fa - che la parola del padre non venga sostenuta, come se il padre venisse messo, per qualche motivo, in secondo piano. Le chiedo, incoraggia mai la relazione tra figlia e padre? Come interviene come mamma in questa situazione? La parola dei genitori deve essere reciprocamente sostenuta, va introdotto nel discorso che entrambi sono importanti.

Forse il padre è geloso della nonna materna o forse si sente escluso. È chiaro che a Lei faccia piacere che tra nonna e nipote ci sia un bel rapporto, è una bella cosa, ma sembra che non sia solo una questione di gelosia quella di suo marito, forse è qualcosa di diverso.

Ripeto, la questione andrebbe approfondita.

Rimango a disposizione.

Cordiali saluti

Dott.ssa Fornari Daniela

Iseo (BS)