Famiglia e bambini

Come posso liberarmi da questo peso?

Siria

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 21, quasi 22 anni. Frequento il terzo anno di biologia, ma purtroppo ho qualche esame in arretrato e andrò fuori corso, ma vabbè mi devo rimboccare le maniche. Il mio problema sono i miei genitori, sono musulmani e non mi lasciano vivere e soprattutto mi mortificano continuamente "vali zero" "Non vali niente" "Sei solo una puttana" e altre cose del genere.... Io non ce la faccio più... Ultimamente ho anche moltissimi pensieri suicidi che ho paura che un giorno si possano materializzare. Non riesco più a sopravvivere! L'intento è laurearmi e andare via di casa, ma ho perso completamente la voglia di studiare, me ne vorrei andare via ora! SUBITO! Ma non ho le risorse che me lo possano permettere! Come posso fare? Alcune volte vorrei persino denunciarli, è una continua VIOLENZA PSICOLOGICA! Non so assolutamente cosa fare, mi hanno impedito sempre di fare qualsiasi cosa e il motivo era sempre la religione (sono musulmani). E poi mi controllano sempre, una volta mi hanno anche seguito.... Credo che diventerò matta

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Siria,


grazie per avere scritto qui. Sì, quella che stai vivendo è proprio violenza psicologica da parte ci chi dovrebbe prendersi cura di te, accoglierti in quanto figlia ed invece di svalutano a livello tanto umano quanto professionale. Comprendo quanto tutto questo influisca negativamente su di te, al punto di farti pensare pure al suicidio. Eppure contattandoci - correggimi se sbaglio - che hai tanta voglia di vivere pienamente. Musulmani o di qualsiasi altra religione siano i tuoi genitori, hai diritto, come tutte e tutti, ad essere riconosciuta come persona e crescere e realizzarti in un ambiente sereno. Ti invito a contattare quanto prima un centro antiviolenza della tua zona o il numero 1522. Potrai trovare accoglienza, sostegno ed azioni adeguate alle tue esigenze a livello multiprofessionale.


Ti auguro ogni bene.


drssa Chiara Lecca

Salve Siria, mi dispiace per la situazione che sta vivendo.


Scrive che purtroppo è vittima di continue svalutazioni da parte dei suoi genitori e che non ce la fa più, quindi credo che un percorso psicologico possa aiutarla a gestire meglio questa situazione di forte malessere. Sarebbe molto importante lavorare sui confini.


Per quanto riguarda la parte economica potrebbe mettersi d'accordo direttamente con il professionista.


Si dia l'occasione per migliorare la sua vita.


Rimango a sua disposizione.


Buona giornata.


Dott. Fiori

Buonasera. Data la sua situazione, forse dovrebbe trovarsi un lavoro che le dia un' indipendenza economica così potrebbe allontanarsi da casa, continuare a studiare  ed iniziare una psicoterapia che l'aiuti in tutta questa situazione che ha descritto, poichè i pensieri di autodistruzione, di suicidio e la perdita della voglia di studiare sono tutti legati alla grossa conflittualità inespressa che lei ha verso i suoi genitori e che va tirata fuori per poter vivere meglio e serenamente; se riesce a trovarsi un lavoro e ad andare via da lì, cosa non certo facile perchè  il legame con i genitori c'è se pur negativo, può continuare a studiare ed iniziare a prendersi cura di sè con la psicoterapia  che l'aiuta su vari livelli del problema che ha descritto, problema profondo che va affrontato per vivere più serenamente e volersi bene e non pensare al suicidio, che nasconde tanta rabbia inespressa verso coloro che sono stati i 'carnefici' di tutto il male ricevuto, poichè lei non lo sa affrontare e non sa ribellarsi in modo sano, i pensieri le vanno sul versante dell'autodistruzione anziché essere diretti fuori da sè, quindi c'è bisogno di qualcuno, il terapeuta che l'aiuti a fare tutto questo.  

Toccherebbe vedere se tali limitazioni sono state realmente lesive per la sua libertà e realizzazione personale. In fondo l'hanno fatta studiare, cosa che può essere considerata cosa buona all'interno di una famiglia islamica moderata. Certo, se ci fossero estremi di limitazioni gravi potrebbe essere pure un fattore da coinvolgere le vie legali. In alternativa dovrà pazientare e conseguire il titolo, o addirittura trovarsi nel frattempo un lavoro per mantenersi durante gli studi e allontanarsi

Buongiorno Siria. La svalutazione è una potente arma che indubbiamente causa sentimenti di insufficienza, ma può essere contrastata con un percorso di individuazione e volto alla consapevolezza dei propri mezzi. Inoltre, ripercorrendo la sua storia personale potrebbero emergere risorse utili che a lei stessa al momento sono precluse. Un percorso in questo senso potrebbe esserle utile per cercare di proteggersi da commenti che la devastano e trovare una sua dimensione personale su come vivere la sua vita. Inoltre, potrebbe darle nuova forza e motivazione per riprendere a studiare e realizzare i suoi obiettivi.
Sono a disposizione anche online per un consulto più approfondito.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mia figlia 9 anni mi ha detto che gli piacciono le ragazze

Salve, mia figlia tra pochi giorni compie 9 anni e qualche settimana fa mi disse di avere un segreto ...

1 risposta
Come faccio a far mangiare frutta e verdura al mio bimbo di 4 anni?

Salve, ho due figli di 9 e 4 anni. Il piccolo durante lo svezzamento mangiava più o meno ...

2 risposte
Bambina 7 anni esclusa e presa in giro

Buongiorno,mi rivolgo a voi per un consiglio. Mia figlia ha iniziato da 3 giorni la secondo elementa ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.