Esclusa da amica che la isola dal gruppo

Fede

Buonasera, ho una questione che mi affligge che riguarda mia figlia di 7 anni in prima elementare. Da quando va alla materna è in classe con una bambina che puntualmente la esclude, non la fa giocare con il gruppo dicendo che non può giocare, che è antipatica ecc…appena lei si affeziona a un’altra bambina lei si inserisce nel rapporto e puntualmente fa di tutto per farla escludere. Se parla con qualcuno lei va li fa di tutto per attirare attenzione su di lei e poi le dice: sei invidiosa?! Mia figlia è timida e così si estranea e arriva a casa nervosa. Quando la porto a scuola la vedo che si isola mentre questa bimba crea un gruppo tutto intorno a lei…So che tra le bimbe è così ma non so come aiutarla per cercare di lasciarsi scivolare addosso questa situazione e cercare di “risponderle” e inserirsi nel gruppo Grazie se riuscite a consigliarmi su come comportarmi perché la cosa fa stare veramente male pure me

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile mamma,

come prima cosa le consiglio di parlarne molto a casa, di capire cosa vive sua figlia, cosa accade a scuola.

Quali soluzioni avete già provato a trovare? 

Sarebbe possibile invitare qualche compagna a casa al pomeriggio o nel week end? 

Provare a trovare come strategia un gioco che piace anche a questa compagna?

Lei potrebbe fare qualcosa che a questa bimba da fastidio? E' successo qualcosa negli scorsi mesi in classe tra di loro o nel gruppo?

Come ultimo aspetto si potrebbe provare  magari a parlare anche con la mamma dell'altra compagna e vedere se può esserci un dialogo costruttivo tar voi adulti senza per forza dirlo alle bambine (così da non far sentire "in punizione" la compagna o "non capace" sua figlia).

Se le difficoltà persistono vi consiglio anche di valutare un breve percorso con uno psicologo esperto in età evolutiva per capire cosa accade e sente a livello emotivo.

Mi scuso per le domande ma da un breve scritto non è facile sempre entrare nelle dinamiche citate.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia e online

Buonasera Fede. Potrebbe essere utile per lei e sua figlia rivolgersi in prima battuta alle maestre, in quanto sono le persone che per più tempo possono osservare le dinamiche che si verificano nel gruppo della classe e, nello specifico, tra sua figlia e l’altra bambina. Inoltre, se presente, potreste avvalervi anche dello psicologo della scuola, in modo che possa anche lui, se necessario, partecipare e consigliarla in merito alla situazione.
Se dovesse necessitare in ogni caso di un supporto esterno alla scuola o volesse un secondo parere, mi rendo disponibile anche online per approfondire la situazione e darle un rimando più specifico in base alle sue domande.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.