Famiglia e bambini

inserimento al nido e future problematiche

rossella

Condividi su:

Buongiorno sono mamma di una bambina di 16 mesi ed oggi, al quarto giorno di asilo, si sono fatti vivi i dubbi e le perplessità. Mia figlia è una bambina curiosa e socievole, non ha mai avuto problemi a restare dai nonni, è sempre andata in braccio a chiunque, senza piangere, quando andiamo al parco mi lascia la mano per giocare o andare dai bimbi, non ha mai pianto quando mi vede andare al lavoro. Durante le ore in cui sono a casa mi prende per mano e giochiamo insieme. Di notte si sveglia ancora per il seno. Svolgiamo qualsiasi attività con tranquillità (tranne quando ha sonno o fame!) tutto condito da entusiasmo e felicità.

A volte le capita di voler restare "accucciata" su di me. Posso dire che, con empatia e tenerezza, abbiamo trascorso 16 mesi senza che si presentassero attacchi di morbosità e paure. In questi ultimi tre giorni mi sembra invece cambiata. Piange quando vado al lavoro e la presenza di bimbi (ricercati prima dell'inserimento) al di fuori del contesto asilo, le crea delle agitazioni, piange e rimane attaccata a me. Penso di poter imputare tutto al metodo di inserimento dell'asilo, a mio parere: drastico! Racconto l'inserimento: il primo giorno mezz'ora di permanenza insieme alla nonna, il secondo giorno mezz'ora con la mamma e mezz'ora da sola, il terzo giorno un'ora da sola ed oggi quarto giorno un'ora e mezza da sola. Il primo giorno è stata curiosa. Il secondo ha interagito giocando con me, ma poi ha pianto molto sia al momento del saluto, che per tutta la permanenza con conati di vomito. Il terzo ha fatto fatica a voler entrare in aula e ha pianto quando ci siamo salutate, una disperazione, e quando sono tornata da lei era intenta a giocare, ma con aria triste. Il quarto giorno, anticipandole la mattina che saremmo andate al nido, sembrava convinta ma si è ripresentata la disperazione al momento del saluto. Ho temporeggiato ad andar via, fin quando ho sentito smettere di piangere. Parlando poi con l'educatrice ho scoperto che ha trovato pace in braccio a lei, tornando a piangere non appena si allontanava e che per tutta la durata ha tenuto il ciuccio in bocca. Quello che penso è che con questo metodo non ci sia adattamento, la bambina non credo si sia ambientata e sentita sicura. Forse sarebbe stato meglio un inserimento dolce e graduale. Questo più che un adattamento sembra un'imposizione. Non voglio che si senta abbandonata. Quello che chiedo a voi è: cosa ne pensate di questo metodo? Potrebbe essere un trauma per una bambina così piccola? E se sì, con quali conseguenze future? Come poterle fare e in quanto tempo farle dimenticare questa esperienza. Inoltre, considerando che a settembre cambierà asilo come devo comportarmi? Può sopportare un secondo inserimento se pur differente? A distanza di quanto tempo sarebbe preferibile? E al momento è preferibile sospendere,  scriverla altrove o continuare così per non renderlo destabilizzante? Scusate il poema, ma considero importante la serenità di mia figlia!! Grazie mille in anticipo!

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gent.ma sig.ra,


grazie per il quesito che ha posto, poiché senz’altro interessa molte mamme nella sua stessa condizione. L’ingresso in una struttura pubblica come il nido segna senz’altro un passaggio importante e delicato per il bambino: è la prima vera separazione dalla madre e dal contesto familiare, cioè degli adulti della famiglia che il bambino conosce e di cui si fida. Per questo richiede una mediazione che i familiari stessi e quindi anche lei, quando accompagna e lascia la sua bimba affidata ad altri “sconosciuti”, può fare. Bisogna tener presente che per un bambino piccolo tutto ciò che non è “famiglia” è ignoto e quindi potenzialmente “minaccioso”; inoltre la percezione del tempo è molto più “estesa” per un bambino: Françoise Dolto diceva che per un bambino dell’età di sua figlia un giorno vale un mese. E’ estremamente importante accompagnare l’ingresso del bambino e la separazione da lui/lei con parole che esprimono con semplicità ma con estrema chiarezza quello che sta accadendo. Sono le parole che la madre dice, o chi fa la sua funzione, che possono preparare il bambino a quello che gli accadrà: sono le parole che usiamo con lui/lei che lo introducono nel mondo e, per questa via, lo “umanizzano”, cioè gli permettono di diventare un “essere umano” tra gli altri esseri umani. E’ dunque molto importante che lei verbalizzi alla sua bambina che la porterà in un luogo dove ci sono persone di cui lei si fida ed è per questo che può lasciarla a loro. Potrà parlarle della sua necessità di lasciarla per il lavoro, o per altro, ma anche del fatto che tornerà a riprenderla alla fine della giornata. Potrà qualificare in senso “positivo” le esperienze che la bambina andrà a fare in quel posto, i giochi e la conoscenza di altri bambini per es.: sarà tramite la qualificazione positiva di questo passaggio, mediata dalle sue parole, che la bambina potrà affidarsi alle cure di altri adulti, di “fiducia”, proprio perché così qualificati dalla madre, e dagli altri familiari, e aprirsi alle nuove esperienze che potrà fare socializzando in un ambiente nuovo. Parlando liberamente di questo alla bambina davanti al personale del nido, indirettamente trasmette anche il messaggio delle sue aspettative nei confronti della struttura che ha scelto. Ma se, diversamente, non si fida di questa struttura, sarà meglio sceglierne un’altra. Il potersi affidare passa necessariamente per le sue parole e dalle sue parole a sua figlia. Non bisogna credere che il bambino, per quanto piccolo, non capisca le nostre parole: bisogna fare la “scommessa” che le capisca e non si rimarrà delusi. Le consiglio di leggere il libro di F. Dolto, “Lorsque l’enfant paraît”, tradotto in italiano da  Oscar Mondadori, con il titolo “Come allevare un bambino felice”. Risponde a tutte le più comuni domande di chi deve crescere un bambino con un linguaggio semplice e immediato. Si può trovare eventualmente nelle biblioteche (nel caso fosse esaurito) oppure su Amazon. Buon lavoro!


 

Gentile signora, l'inserimento al nido è difficile per ogni bambino. Passare ore in un luogo non familiare è una cosa difficile per i bimbi così piccoli. I capricci per andare al nido continuerà a farglieli, anche perchè nel nido poi, ci sono delle modalità di gestione delle routine diverse da quelle usate a casa e la bimba si sentirà insicura. Il metodo migliore sarebbe quello in cui lei potesse provare a rimanere di più al nido con lei, o un altra persona come papà o nonna, cercando di far si che la bimba abbia fiducia nelle operatrici e si senta accolta e accudita da loro e lasci quella sensazione di abbandono. Magari quando andate a prenderla trattenetevi a giocare con lei e altri bimbi. Pian piano si abituerà e si renderà conto che quell'ambiente può essere una seconda "casa" per lei. Andare in un altro nido non la vedrei una scelta migliore, potrebbe essere ulteriormente destabilizzante, almeno fino a quando quello che frequenta, non abbia dato proprio un riscontro negativo. Non si preoccupi per l'esperienza attuale vissuta dalla bimba. Sta crescendo, tutto è nuovo, tutto spaventa e attrae, se saprete infonderli sicurezza e coraggio sarà un esperienza di crescita, come qualunque altra.


Cari saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Tornata a vivere in un ambiente familiare dannoso

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni e, dopo il liceo, ho passato 7 anni in un'altra città ...

9 risposte
Come difendersi da una sorella perfida?

Buonasera, è difficile riassumere in poche righe la mia vita, ma cercherò di essere ...

2 risposte
Enuresi giornaliera

Buongiorno, sono una mamma di una bimba di 6 anni e mezzo. Mia figlia fino a marzo di quest'anno non ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.