Famiglia e bambini

Mia madre non accetta che io stia crescendo

serena

Condividi su:

Salve a tutti. Sono una ragazza di 24 anni e ho un problema con mia madre. Sostanzialmente siamo due persone molto diverse per certi punti di vista, e lei non accetta che io stia crescendo. I suoi intenti, ovviamente, sono buoni. A suo dire ogni cosa che fa e che dice è solo per proteggermi e impedirmi di soffrire. Ciò che non capisce è che non è possibile, per quanto si possa stare attenti, non soffrire. Lei è una persona molto credente, e la sua visione cristiana del mondo influenza pesantemente la mia vita. Sono fidanzata da due anni e mezzo con un ragazzo più grande di me. Ovviamente posso scordarmi la convivenza. Ma per lei, anche il fatto di lasciarci partire insieme per qualche viaggetto è qualcosa di “immorale“. Non riesce ad accettare la cosa e per di più, anche se non lo ammette, ha anche un pregiudizio nei confronti del mio fidanzato, che è figlio di divorziati e non è esattamente il rampollo di sangue blu e di incrollabile fede che lei vorrebbe per me. Sembra quasi che il fatto lui sia una persona onesta, seria e che mi ama davvero non conti niente. Anzi, per lei è proprio così. Sono sempre stata una figlia non perfetta, ma quasi. Senza falsa modestia, perchè non serve. Sempre prima della classe, massimo dei voti, vincitrice in ogni competizione a cui abbia partecipato, obbediente, affettuosa. Sono però sempre stata una persona profondamente indipendente, autonoma in ogni cosa. Non ho mai pesato nemmeno economicamente sui miei genitori, neppure per l'università, che mi sono pagata da sola lavorando (e lavoro tutt'ora). Non vado a ballare, non mi drogo, non fumo, non ho amicizie strane, non sono menefreghista nè maleducata. Eppure a 24 anni mi ritrovo a mentire se devo partire per un fine settimana col mio fidanzato. Ovviamente mia madre l'ha scoperto e ne abbiamo parlato. Le ho detto che mi dispiace e che ha ragione, ma che ho dovuto mentire perchè ogni benedetta volta che si tratta di partire, in casa partono tragedie greche insostenibili. Le ho detto che ho 24 anni e che voglio vedere il mondo e non trovo ci sia nulla di male a farlo con la persona che ti ama (e che detto per inciso, lei neppure si sforza di conoscere). Le ho detto che non può mettere a paragone la sua vita e la sua generazione (lei ha 56 anni) con la mia. Che i tempi sono diversi e che se voglio partire con la persona che amo non è perchè voglio “compiere atti impuri“ (che tra l'altro potrei compiere anche quando usciamo il sabato sera, per esempio, ma mia madre non sembra afferrare il concetto)ma perché sono una persona con interessi e passioni e amo scoprire il mondo. Lei dice che può capirlo ma fino a un certo punto, perché tutto questo non rientra nei suoi valori, e che cercherà sempre di proteggermi. Non mi sta proteggendo, sono abbastanza brava ad evitare i guai da sola. Mi sta impedendo di essere sincera, di essere una adulta e di comportarmi come tale, nel mondo e in famiglia. la sua apprensione infinita mi rende difficile parlare, confidarmi, confrontarmi. L'unico dialogo che esiste è quello che segue le litigate furiore in cui un problema che soggiace da tempo finalmente viene a galla. E non è possibile. Dice che lei sa bene che sono una persona brava, matura e responsabile. E io mi chiedo, ma perchè queste cose le sa solo DOPO che sono successe le cose peggiori? Perchè non se ne ricorda quando provo a parlarle? Insomma, non so come comportarmi. E' molto testarda e fermamente convinta di quello in cui crede. Temo che la sua influenza cattolica continuerà a mettere bocca su tutto nella mia vita. Ho paura che possa compromettere anche il rapporto col mio ragazzo. Cosa devo fare con una persona così? Continuare a parlarle? Fare di testa mia e litigare ogni volta, anche se mi fa male farlo perchè la amo infinitamente? Assecondarla e vivere la vita che lei vuole che io viva? Non lo so più, spero che qualcuno mi aiuti a chiarirmi le idee.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Serena,

il suo è un bel dilemma!Ma è il più antico del mondo! Due generazioni a confronto, difficilmente si comprendono, facilmente litigano. Mi sembra che lei stia facendo tutto quello che deve fare. Crede davvero che sua madre sarebbe felice nel vederla perennemente triste perchè deve vivere una vita che non vuole? Il conflitto è certo qualcosa che lascia arrabbiati, stanchi e tristi, ma anche qualcosa di necessario in certi casi...l'unico modo per non soffrire moltissimo ogni volta è ricordarsi che ha dei valori anche lei e che non sta facendo male a nessuno: non è una colpa non essere identici in tutto e per tutto ad un'altra persona, è una necessità! Non essere d'accordo non significa non volersi più bene...si ricordi che i vostri litigi non spezzano il vostro rapporto. Solo non si aspetti l'approvazione incondizionata su tutto: sua madre è umana e come tale ha dei difetti e dei pregi. Ora che è più grande, continui a concentrarsi sulla persona che lei vuole diventare, ricordandosi che ha una madre che la ama. Di solito, quando si esce di casa, diventa più facile gestire tutto. Se sentisse che sta troppo male, allora si rivolga ad uno specialista! In bocca al lupo!

Salve Serena!

Mi fa tanta tenerezza leggerla, perchè si sente l'immenso amore che prova per sua madre e l'immenso dolore che prova per non riuscire ad essere se stessa con lei. Non riesce ad essere spontanea e sincera con la persona che in fin dei conti adora.

Mi chiedo il ruolo di suo padre in tutto questo, non riesce a trovare la sua complicità? la sua comprensione? suo padre riesce a far riflettere sua madre?

Bisognerebbe conoscere la storia di sua madre per poterla meglio capire e toccare i tasti giusti per sbloccarla. A volte i genitori si tengono stretti i figli per il timore del "nido vuoto" in cui si troverebbero faccia a faccia col partner e con le loro "paure" "angosce" e le loro questioni di coppia. Spesso i genitori proiettano sui figli le loro speranze, i loro desideri inesauditi, si identificano in loro pensando di poter rivivere attraverso loro, ma questo impedisce ai figli di vivere una vita propria e li porta anche in confusione perchè non riconoscano quello che veramente vogliono loro e quello che "gli hanno messo in testa i genitori"!

Lo sa vero che a 24 anni ed una indipendenza economica lei potrebbe andare a vivere da sola? E' adulta ormai! immagino che una tale decisione comporterebbe una rottura dei rapporti con sua madre, ma lei lo tenga in mente e glielo dica anche. Non deve certo "ricattarla", ma mi sembra di capire che sua madre riesca a rompere gli schemi prescritti solo in situazioni di urgenza. Potrebbe presentarle l'opzione in un momento in cui siete calme e tranquille, in cui vi state coccolando,dicendole che lei potrebbe farlo perchè è nelle condizioni, ma sceglie di stare ancora in casa perchè la ama tanto e non vorrebbe trovarsi a prendere decisioni drastiche solo perchè sua madre è irremovibile. Provate a parlare e chieda a sua madre se desiderebbe per sua figlia che si rifugiasse in un matrimonio "frettoloso" solo per avere la libertà di viaggiare, uscire e stare col suo compagno in intimità . Dica a sua madre che  tempi sono cambiati, che oggi non ci si sposa più senza aver prima convissuto. come ci si può prendere l'impegno di vivere per sempre con una persona quando non si sa come si sveglia la mattina,come dorme, come si comporta con noi nella quotidianità? etc....... La riporti a riflettere sui suoi preconcetti che sono dettati dalla religione , ma anche da una cultura condivisa nel territorio in cui vivete un pò "Limitante" (mi passi il termine).

Serena, credo che lei sia una  ragazza  intelligente e credo che sua madre davvero la voglia proteggere , ma le faccia capire che lo sta facendo nel modo sbagliato e che la sta allontananso affettivamente creandole dei conflitti interni.

Forza e coraggio!

Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio non vuole vedermi

Salve, mio figlio a seguito della scoperta sul mio cellulare di uno scambio di messaggi molto eroti ...

0 risposte
Bambino 7 anni e mezzo ritiene la scuola inutile quindi non lavora in classe

Buongiorno, se possibile vorrei un consiglio. Premetto che fin dall'asilo mi è sempre stato ...

2 risposte
Bambino nervoso

Salve ho un bambino di 2 anni, è nervoso fa gesti del tipo: stringe i denti, fa tremare le mani, ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.