Famiglia e bambini

Mi trasferisco?

Diego

Condividi su:

Buonasera,
sono separato da un paio d’anni circa. Ho una bimba di quasi 7 anni ed un bimbo di 5 anni. Entrambi vivono con me. La madre vive nella mia stessa città e vede i bimbi nei classici week end alterni e, comunque, ogni volta che vuole. Lei ha le chiavi di casa e può venire quando più lo desidera.
Io, già da un bel po’ di tempo, ho deciso di eliminare quasi completamente ogni forma di conflittualità con la mia ex moglie per il bene dei bimbi ed anche per una questione pratica.

In caso di arrabbiatura non ottengo nulla di più di quanto ottengo senza arrabbiarmi, ma mi rimane tanta rabbia ed amarezza.
Ho una professione di responsabilità e spesso senza orari. Tra la mia ex, la baby sitter, un po’ di fortuna e vari salti mortali sono sempre, fino ad ora, riuscito a conciliare abbastanza egregiamente le necessità della mia famiglia (io e i due bimbi) e gli impegni di lavoro. Preciso che non ho familiari che abitano vicino e non ho nessuna compagna.
Ovviamente, quanto appena detta non significa che la mia situazione sia esente da problemi. I bimbi sono molto gelosi ed appena ricevo una telefonata iniziano a fare i capricci per attirare l’attenzione. Se siamo al parchetto giochi ho difficoltà a parlare con chicchessia perché è un continuo chiamarmi, specie la femminuccia. La femminuccia vuole sempre dormire a letto con me. Il maschietto spesso mi raggiunge durante la notte. La bimba, che ha un carattere tosto, è anche spesso nervosa e capricciosa.
Ultimamente, causa cambiamento dirigenti, il mio ambiente di lavoro (faccio parte delle FF.PP.) non è più molto sereno. Più precisamente, vi è una grande pressione dall’alto, molta arroganza, che io continuo a filtrare per evitare inutili pressioni verso il “basso”. Da questo punto di vita sono stanco. Mi rendo conto che a volte sono teso anche con i miei figli. Ultimamente mia figlia mi ha più volte detto “papà perché non ridi?”, ciò anche quando io ero convinto di essere “normale”.
Ora mi si è presentata l’occasione di spostarmi in un’altra città, a circa un’ora e mezza. Stesso ruolo ma con persone, al momento, diverse e con un ambiente pare più sereno.
Trasferirmi in questa nuova città significherebbe per me ripartire da “zero” sia a livello professionale che personale. A livello professionale perché non conosco nessun collaboratore. A livello personale pure.
Ho prospettato questo trasferimento alla mia ex e pare non contraria. Mi ha solo detto che dovrò essere io a portare i bimbi da lei nei suoi weekend. Nessuna altra obiezione.
Ai bimbi ho paventato l’idea e pare siano d’accordo. Ho precisato loro che andrebbero in una nuova scuola, che conosceranno nuove maestre, nuovi compagni di scuola, nuova amici, etc.. Ho precisato che la mamma la vedrebbero di meno ma che possiamo chiamarla anche tutti i giorni. I bimbi si stanno dimostrando consenzienti.
Che consiglio potete darmi? Un eventuale trasferimento potrebbe giovare a noi 3 o potrebbe essere dannoso per i bimbi? So che la decisione è strettamente personale, ma vorrei giungere ad una decisione definitiva cercando di guardare la situazione sotto ogni punto di vista.

Grazie.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Diego, lei sembra avere tutto sotto controllo anche grazie alle sue abilità riflessive. I problemi pratici sono sotto controllo, i bambini vogliono solo mantenere il loro equilibrio con lei e i cambiamenti possono essere rigenerativi. L' unica cosa che mi sembra poco gestita e la qualità del tempo che trascorre con i suoi bimbi. Se loro le sembrano rincorrerla è perchè probabilmente la sentono distratto o poco presente anche quando è effettivamente presente. Regoli meglio il tempo che dedica alle cose importanti della sua vita (sè stesso, i suoi figli, la sua professione). Come? Ridiscutendo di volta in volta (giorno per giorno) il ruolo prioritario dell' una o dell' altra posizione. Probabilmente lei ha bisogno di tornare a dedicarsi a passioni interessi e forse di fare anche nuove conoscenze mentre i suoi bambini hanno bisogno di coinvolgimento: essere coinvolti nelle sue passioni e di coinvolgere lei nelle loro. Hanno bisogno di una presenza attiva partecipe e propositiva. Hanno bisogno di esperienze emotivamente ricche (indipendentemente che l' emozione sia l' entusiasmo o la serenità). Anche se il tempo che trascorre con loro è poco, ciò che contraddistingue un legame è la qualità. Queste riflessioni e i nuovi adeguamenti che le suggerisco possono essere messi in atto indipendentemente dal luogo in cui deciderà di vivere.


Cari Saluti

Buongiorno Diego,


il trasferimento di cui parla è una scelta importante e non sarà mai un professionista a dirLe “quale scelta fare”. Tale scelta riguarderà direttamente Lei e i suoi figli e comporterà una riorganizzazione della vita di ciascuno di voi, non solo dal punto di vista pratico, ma anche emotivo. È, dunque, una scelta che va compiuta con serenità, oltre che con raziocinio. Lei si sente sereno?


... ... ...


Riflessioni:


Nella sua lettera Lei espone tantissimi aspetti sia della sua vita personale che professionale che andrebbero riflettuti e valutati, da parte sua, con calma. Nell’attuazione di una scelta non basta l’efficienza pratica, ma conta soprattutto la tranquillità interiore con cui la si affronta. Nella situazione attuale, da quello che descrive, Lei sembra molto affaticato emotivamente.


Prima di prendere qualsiasi decisione rispetto al futuro suo e dei suoi figli, è opportuno che Lei si “decomprima” e, guidato da un aiuto professionale, risolva quegli stati d’animo di rabbia e amarezza (che Lei è cosciente di vivere dentro di sé) e che molto probabilmente, senza accorgersene (“io ero convinto di essere normale”), le tolgono quel sorriso che sua figlia le ha fatto notare e che la stessa, da Lei descritta come nervosa e capricciosa, (ma Lei ha compreso le ragioni di queste sue reazioni?), evidentemente, sembra tanto desiderare trovare (o ritrovare) sul volto del suo caro papà!


 


Saluti cordiali


 

Buongiorno Diego,


Mi spiace molto per la situazione e mi spiace dirle che la decisione giusta/sbagliata la può sapere solo lei e nessuno potrà mai farlo al suo posto. Potrebbe parlare in modo più approfondito con i suoi figli, in modo da capire se è un interesse del momento oppure sono davvero convinti. Gestire da solo due bimbi piccoli non è assolutamente semplice ed avere anche un lavoro che porta stanchezza e stress più del previsto non agevola la situazione. Parli con sua moglie e poi rifletta su cosa è giusto per voi.


 


Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Da tempo chiedo il secondo figlio ma lui non vuole

Salve ho 44 anni il mio compagno 46 abbiamo una bimba di 5 anni e 1/2 da tempo chiedo il secondo ...

4 risposte
Vorrei andare via di casa, ho bisogno di consigli?

Inizio col dire che ho avuto un'infanzia difficile, in famiglia siamo in 6, anche se sono l'unico ...

3 risposte
Come ci si salva?

Salve, sono una ragazza di 18 anni. O forse dovrei. Ho sempre amato la libertà, l’ho ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.