Famiglia e bambini

Non ho più un rapporto con mia mamma

Cinzia

Condividi su:

Buonasera, è un anno e mezzo che sono sposata. Con mio marito mi conosco da molti anni e anche le nostre famiglie si conoscevano già da prima di noi. Poi i miei si sono separati. A quasi un anno dal matrimonio scopriamo che mia mamma e mio suocero hanno una relazione da diversi anni. Lo scopre mia suocera in primis e la notizia sconvolge cosi tutti noi. Abbiamo vissuto un incubo, loro hanno confermato perché non potevano fare altrimenti viste le prove di messaggi sul cell.. Io e mio marito abbiamo attraversato momenti davvero duri, non ci sembrava reale, un male dentro assurdo, rabbia delusione sfiducia insomma si può immaginare...ci siamo visti persi. Non abbiamo più rapporti con i rispettivi genitori. Ci hanno visti sull'altare e non gli è bastato fermarsi! Hanno rovinato tutto e il bello è che mia madre sostiene che io e lui non c'entriamo nulla con quel loro rapporto. Che non dovrebbe toccarci. Ma mi dite come possa non capire la gravità? Intanto mio suocero è rimasto in casa con la moglie e chissà se non continuano ancora a sentirsi o vedersi. Ora ad un anno da quando si è scoperto mia mamma vorrebbe provare a riavvicinarsi a me. Come posso? Non la vedo più come prima, mi ha in qualche modo tradita. Come possiamo io e mio marito vivere con famiglie separate? Siamo rimasti soli. Chiedo vostri pareri.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Cinzia


davvero una brutta faccenda, spiacevole e dolorosa, purtroppo anche molto comune, segue la regola psichica “si desidera ciò che si vede di frequente”.


Infatti le relazioni di coppia iniziano spesso tra i banchi di scuola dove ci si vede tutti i giorni, o nelle comitive da giovani, o tra persone del medesimo ufficio e tra condomini di un palazzo, non ultimo tra membri di nuclei familiari affini.


Si tratta di sguardi, occhi che si incrociano casualmente, un fare innocentemente amichevole che attrae una persona verso l’altra. E qui potrebbe anche finire se non ci si incontrasse più!!


Invece succede che la ripetizione degli incontri determina un imbarazzo interiore che l’altro riesce a percepire e che sente anche in se stesso.


Sorrisi... scherzi... si va avanti così e magari ci si trova a sfiorarsi casualmente e piano piano tutto diventa una magia, un’attrazione forte che può accompagnarsi a emozioni profonde simili a quelle dell’amore o anche propriamente quelle.


Mariti che incontrano sessualmente la sorella della propria moglie... donne che tradiscono i propri partner con il miglior amico del marito...


Sono fermamente convinta che, sia sua madre che il padre di suo marito, avrebbero dovuto fermarsi pensando al rischio di essere smascherati e all’offesa che avrebbero ricevuto i reciproci figli.


Tutte le persone che tradiscono dovrebbero pensare ai danni emotivi che potrebbero infliggere agli altri, ma non sempre si riesce ad avere questo tipo di lucidità.


Non so perché sua madre le avrebbe detto di inesistente legame tra quello che ha fatto e il vostro rapporto filiale, forse per quella magia di cui ho parlato prima, che esclude persone coinvolte e contesti circostanti.


Quello che so per certo è che, per lei stessa nonché per suo marito, la scoperta della loro tresca e i fatti successivi avranno determinato condizioni traumatiche ancora presenti nel cervello e quindi vicende da dover elaborare, magari attraverso un trattamento psicoterapeutico EMDR.


Diversamente potreste rischiare di riavvicinarvi ai vostri rispettivi genitori avviando escalation di accuse e nuove rotture.


Quindi...


Primo step: prendere le distanze dall’idea che questo evento sia capitato a voi come faccenda gravissima e impensabile, è grave senza ombra di dubbio, ma di stampo comune.


Secondo step: rivolgersi ad uno psicoterapeuta EMDR per superare i blocchi traumatici.


Terzo step: decidere la condanna!


Sembra assurdo vero?


Il mio è un invito a riflettere, facciamolo assieme.


Ipotizziamo che lei avesse denunciato sua madre per offese, la signora subirebbe un processo e la relativa condanna.


Quanto sconterebbe?


Se, forzando la mano, pensassimo che quel tradimento può corrispondere ad un maltrattamento familiare di tipo morale (punibile penalmente da 6 mesi a 3 anni), i vostri genitori essendo incensurati avrebbero la sospensione condizionale della pena, quindi pagherebbero per legge molto meno di quello che adesso stanno scontando per la vostra offesa.


Penso che lei senta la spinta a volersi riavvicinare alla sua mamma, diversamente non avrebbe posto queste domande; penso anche che forse non è ancora pronta a farlo perché non ha ancora elaborato l’insulto emotivo e morale ricevuto. Il tempo che ci vorrà facendosi aiutare da un esperto potrebbe corrispondere (esasperando il mio paragone con la legge) alla presunta condanna da attribuire a sua madre.


Spero di esserle stata utile, non esisti a contattarmi.


Cordiali Saluti


Dott. Tiziana Vecchiarini

Gentile utente, comprendo  la situazione  ed il disagio che sta vivendo e le sono molto vicina.  Le sembrerà strano. però io la penso come sua madre. Lei  ha sposato un uomo e non la sua famiglia.  Nessuno sa come sono andate veramente le cose, ma quello che a lei deve interessare è stare bene con l'uomo che ha sposato; gli altri  devono essere lasciati al di fuori del vostro rapporto.  Quanto a sua madre, invece  io penso che   non dovrebbe giudicarla e  dovrebbe accogliere  il suo tentativo di riavvicinamento.  Se è difficile per lei in questo momento pensare alla possibilità di riavvicinarsi a lei, credo ,  che sarà molto più doloroso  starle lontana e rinunciarvi  per sempre.  L'amore  verso la propria madre  è qualcosa di ancestrale, che non si può reprimere e soffocare, per quanto si cerchi!  Le faccio tanti auguri e rimango a disposizione per consigli e suggerimenti.  

Salve Cinzia,


da quello che leggo sembra che lei abbia effettuato un taglio emotivo con la famiglia di origine. Questo comporta il negare il dolore dietro un'ostentata indifferenza o una grande rabbia.


La principale manifestazione del taglio emotivo è negare l'intensità dell'attaccamento emotivo non risolto. Dietro al voler stare lontano, si nasconde un grande bisogno di vicinanza unito al timore provocato dalla mancanza di fiducia.


Non sentendo o vedendo più sua madre, lei ha risolto il problema inerente la fiducia persa e il tradimento? dalle sue parole questi due temi sono ancora ben presenti nella sua vita.


E' riconnettendosi con le emozioni dolorose che si può andare avanti. E' darsi la possibilità di parlare con un genitore da adulto ad adulto che fa crescere. E' affrontare i problemi, il saper perdonare che consente di vivere "bene".


Una famiglia mal separata può causare un ripetersi di schemi erronei che successivamente si ripeteranno da generazione in generazione.


La sua non è una "storia di vita vissuta" semplice, ne comprendo il dolore, il dolore di essere stata tradita dalla sua figura di riferimento.


Dal mio punto di vista, come professionista, come donna e come figlia, mi sento di dirle di intraprendere un percorso terapeutico per sanare le sue ferite e magari riuscire a costruire un nuovo rapporto con sua madre e visto che sua madre vuole riavvicinarsi a lei, perchè non iniziare una terapia familiare? Si costruirebbe un "luogo" sicuro, gestito da un professionista, dove poter parlare liberamente di emozioni, dolore, tradimento, fiducia e ruoli all'interno della famiglia.


Le auguro di riuscirci.


Sono a sua disposizione.


Dottoressa Stefania Pelosi

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Reagire ad una provocazione di una bambina di 5 anni

Buongiorno, scrivi in merito ad un fatto accaduto a casa del mio compagno con la sua nipotina di 4 ...

3 risposte
Mia madre è esagerata?

Salve a tutti, ho un problema con mia madre. Vorrei capire se i tre episodi che vi sto riportando ...

1 risposta
Litigi in famiglia, manipolazioni familiari

Mia madre tenta di manipolare la famiglia, spesso, dal nulla mi mette contro mio fratello o contro ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.