Ansia

Ansia da esame

11 Novembre 2019

contattami

Condividi su:

L’ansia da esame è ansia da prestazione. Durante un esame esponiamo la nostra preparazione al giudizio degli altri e questo può portare all’ansia per due motivi: non essere sufficientemente preparati o non sentirsi all’altezza del compito.

Il primo caso è facile da risolvere: studiate. Di solito si tratta di persone che non hanno sperimentato sufficiente ansia nel periodo precedente l’esame e quindi non hanno messo in atto nessun meccanismo di controllo (studiare) per arrivare preparati all’esame. L’ansia, infatti, in una certa misura è utile perché ci mantiene in allerta sul fatto che dobbiamo impegnarci per ottenere il risultato sperato.

Il secondo caso è un pochino più complicato. Quando non ci sentiamo all’altezza di una prova, anche se ci siamo impegnati (o se non siamo riusciti ad impegnarci perché distratti da un livello troppo elevato di ansia), viene coinvolto un meccanismo psicologico che riguarda l’idea che abbiamo di noi stessi. Un’idea secondo la quale per essere all’altezza non dobbiamo mostrare ansia ovvero un’idea che alimenta l’ansia portandola ad un livello che inficia realmente la prestazione confermando l’idea di inadeguatezza iniziale.

Cari ragazzi che dovete sostenere la maturità o gli esami all’università vi svelo un piccolo segreto. L’ansia non è sintomo di inadeguatezza. E’ possibile essere all’altezza anche mostrando ansia. Certo va gestita, e qui le mie tre pillole per iniziare a farlo:

  • Smetti di pensare che non sei all’altezza solo perché sei in ansia. L’ansia non è un segno di incapacità ma diventi meno performante nel momento in cui tu lo pensi.
  • Impara a gestire l’ansia utilizzando la respirazione (puoi leggere il mio articolo sul blog dove spiego la respirazione controllata)
  • Studia. Invece di tormentarti pensando che sei troppo agitato per studiare che non ce la fai, torna al punto 1.

Questi sono solo 3 piccolissimi suggerimenti che possono aiutare chi deve sostenere un esame ma ci sono alcune situazioni in cui serve un aiutino in più. Sto parlando di chi ha un vero e proprio disturbo di ansia sociale sulla prestazione. Sono persone che si bloccano non riuscendo a iniziare o portare a termine la prestazione che sono chiamati a fare. Per queste persone è utile consultare uno psicoterapeuta che possa impostare un percorso personalizzato. Una terapia molto efficace per questo problema è la psicoterapia cognitivo comportamentale.
 

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Domande e risposte

Paura di pensare

Buona sera, Ho deciso di richiedere un consulto su questo forum perché fino ad ora non ho ...

2 risposte
Ansia, vampate di calore e tachicardia

Salve a tutti, sono una ragazza di 28 anni e da circa 3-4 mesi ho iniziato ad avere alcune manifesta ...

2 risposte
Fine di una relazione

Buongiorno. La mia relazione di 4 anni e mezzo è finita da poco più di 15 giorni. ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.