Ansia

Che cosa mi succede?

Francesco

Condividi su:

Buonasera a tutti. Sono Francesco, ho quasi 30 anni. Premetto che sono sempre stato un tipo ansioso, soprattutto quando devo affrontare un evento importante o quando devo cimentarmi con qualcosa per la quale mi sento poco o non preparato. Ma la cosa non mi ha mai creato problemi: sapevo il motivo di quest'ansia e una volta risolto/superato il problema mi passava. Anzi talvolta quando dovevo affrontare qualcosa di importante e non avvertivo nessuna "strana sensazione" quasi mi preoccupavo. Ero (e lo sono ancora) convinto che l'ansia deve essere una spinta in più per fare meglio. Sono sempre stato inoltre una persona molto attiva (sia lavorativamente che per innumerevoli hobbies che coltivo) e ho sempre vissuto il tutto con serenità, anche i periodi più stressanti o più pieni. Improvvisamente con il primo lockdown tutta questa routine - per ovvie ragioni - si è fermata. Ma vi dirò; la cosa non mi aveva per nulla scosso, anzi ero quasi "contento" di quel "riposo forzato" soprattutto perchè (se non fosse accaduto nulla e se non avessimo vissuto il lockdown) avrei avuto un'agenda molto piena. Da Giugno però (e ancora oggi) ho iniziato a soffrire di ansia...ma non quella che mi veniva ogni qualvolta dovevo affrontare un evento importante, ma un'ansia senza un apparente motivo. Tutto è iniziato una notte in cui non riuscivo a dominare il respiro: o meglio, all'improvviso era come se avessi la sensazione che il respiro non fosse qualcosa di naturale, ma che dovessi comandarlo io. Una notte completamente insonne. Non detti peso alla cosa, e il giorno dopo (nonostante la stanchezza) stavo bene, tutto passato. Dopo due notti però mi è successo di nuovo: sensazione terribile. Così andai dal medico curante e mi disse che era semplicemente ansia e che dovevo solo stare tranquillo. Da Giugno ad oggi però - sarà che forse ho dato molto peso alla cosa - la mia vita (mi fa male dirlo) non è più la stessa: se da un lato mi è passata questa sensazione di dover "dominare il respiro", adesso ho perennemente la sensazione di nodo in gola e non sempre riesco a fare respiri pieni, soddisfacenti. Il respiro si blocca all'altezza della gola. Questo malessere fisico mi ha generato anche due attacchi di panico sempre nel mese di Giugno che per fortuna non si sono più ripresentati. Ma vivo da Giugno ad oggi con questo malessere. Da Settembre in poi, quando ho ripreso la mia vita piena (non mi sono mai voluto fermare nè chiudermi, anzi) mi sento meglio, nel senso che come dicevo riesco a fare la mia vita di tutti i giorni ma sempre con questa sensazione e - quando si acuisce - con sensazione di ansia e disagio. Capitano giorni in cui sto quasi bene ma dopo 5-6 giorni la sensazione ritorna forte e quindi si fa sentire. Non riesco a trovare pace, davvero. Eppure io faccio tutto (nei limiti delle restrizioni): lavoro, mi incontro con gli amici, frequento le lezioni, mi dedico allo sport e agli hobbies. Faccio tutto quello che posso. Ma la sensazione non va via purtroppo. Inoltre da dopo Natale sto avendo difficoltà a dormire: anche se vado a letto stanco morto dopo una giornata piena e ho desiderio di dormire non appena sento di stare per addormentarmi ho la sensazione di "pugno allo stomaco" e in automatico respiro velocemente. In automatico, il corpo fa tutto da solo. Tutto ciò naturalmente mi fa perdere il sonno e davvero ci metto tempo per addormentarmi (crollo per stanchezza).
Ho preso coscienza e consapevolezza che potrei rivolgermi ad uno specialista(non ho problemi a farlo). Ho davvero paura che non riuscirò più a vivere la mia vita con serenità come prima perché anche se faccio tutto, lo faccio sempre con questa sensazione (a volte più forte, a volte meno forte).
Ringrazio tutti voi per avermi letto e spero possiate darmi qualche aiuto/opinione. Grazie e buon lavoro.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Francesco, 


i sintomi ansiosi che descrive sembrano effettivamente quelli di un disturbo da attacchi di panico. Probabilmente il periodo storico e lo scenario sociale che fa da sfondo, ha contribuito  a far emergere ed accentuare questa sintomatologia. 


A volte occorre soffermarsi a capire oltre che le cause ,anche il significato che tali sintomi assumono nella vita di una persona, in un dato momento,  inoltre occorre anche accettare che non sempre possiamo essere forti e ammettere un momento di fragilità, che può interessare chiunque. 


Questo potrebbe essere il momento adatto per approfondire tali insicurezze ed intraprendere un percorso terapeutico. 


Resto a sua disposizione, 


cordiali saluti 


Dottoressa Maria Anna Di Meo 

Buonasera Francesco


Sei stato esaustivo in tutta la descrizione della tua personalità e delle tue difficoltà . La pandemia ha scatenato molti sintomi legati all' ansia e paradossalmente questo può ritenersi normale ma il punto è quanto influenza le nostre attività quotidiane ( lavoro, relazioni ecc...) 


Credo che tu abbia una buona consapevolezza e che abbia già da solo identificato il modo di risolvere la tua attuale difficoltà. 
se hai piacere puoi aggiornarci sui tuoi progressi dopo aver intrapreso un percorso psicologico 


Saluti 

Caro Francesco, il suo indubbio problema di ansia le trasmette un senso di incontrollabilità ed impotenza tali da generare un circolo vizioso ben noto ai professionisti della salute mentale e psicologica. Un buon percorso di tipo cognitivo comportamentale le sarebbe molto utile, dato che il disagio si sta allargando compromettendo la qualità di vita. Resto a disposizione per chiarimenti o altro anche online. Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia

Buonasera, da diversi mesi ho dei problemi credo che sia attacchi panico o ansia così il mio ...

2 risposte
Genitori che cercano di decidere per te, come fare?

Salve, sono una ragazza di 25 e sto avendo dei problemi con i miei genitori da un po’. Quasi 4 ...

1 risposta
Non so più cosa fare

Non so più cosa fare della mia vita. Ho 33 anni ed una laurea non spendibile alle spalle...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.